Ordine di cattura per Evo Morales

| Il presidente boliviano, in carica da 13 anni, costretto alle dimissioni da pressioni interne e internazionali. L’annuncio che la polizia lo cerca per arrestarlo

+ Miei preferiti
Luis Fernando Camacho, leader di “Comité Pro Santa Cruz”, il movimento dei comitati civici, ha annunciato pochi minuti fa un ordine di cattura spiccato nei confronti dell’ormai ex presidente Evo Morales. Secondo Camacho, la polizia starebbe cercando Morales nel Chapare, dove il presidente si sarebbe nascosto.

Ai boliviani non erano andate giù le elezioni del 20 ottobre scorso: proteste, denunce e manifestazioni di piazza, a cui aggiungere un rapporto dell’OAS che aveva riscontrato irregolarità, hanno costretto il presidente Evo Morales ad una clamorosa rinuncia. In carica dal 22 gennaio 2006 e per tre mandati consecutivi, Morales ha rassegnato le proprie dimissioni e indetto nuove elezioni, smentendo però l’indiscrezione del quotidiano “Clarìn” che lo voleva in fuga precipitosa su un aereo partito da La Paz con destinazione Argentina. In realtà, secondo il quotidiano, che pubblica anche una foto dell’aereo presidenziale boliviano, il presidente argentino Macrì avrebbe negato l’asilo a Morales.

La rinuncia di “SuperEvo” arriva dopo la discesa in campo di Papa Francesco, che nelle scorse settimane ha chiesto un processo di revisione dei risultati delle presidenziali, e il consiglio del generale Williams Kaliman, che aveva chiesto al presidente un passo indietro per “consentire la pacificazione e il mantenimento della stabilità della Bolivia”. Ma sono anche l’ultimo passaggio di una serie di dimissioni eccellenti: prima di lui si erano ritirati Victor Borda, presidente della camera, Cesar Navarro, ministro delle miniere, e Luis Alberto Sanchez, ministro degli idrocarburi, decisi dopo aver ricevuto pesanti minacce e tentativi di rogo delle loro abitazioni da parte dei manifestanti.

Il rapporto fra i boliviani e Morales si è incrinato due anni fa, piegato da accuse di corruzione e un autoritarismo sfociato nella sua nuova candidatura, malgrado un referendum da cui era uscito con una sonora bocciatura. Nelle ore precedenti alle dimissioni, a preoccupare era stato l’ammutinamento di numerosi agenti di polizia che faceva temere un colpo di stato imminente.

Sudamerica
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole