Portorico sotto shock per l’omicidio di Alexa

| Una transgender accusata di aver utilizzato i bagni delle donne in un McDonald’s, è stata uccisa pochi minuti dopo a colpi di pistola. Il video dell’esecuzione ha girato sui social per ore prima di essere rimosso

+ Miei preferiti
“Hanno ucciso Alexa, una persona, non un uomo con la gonna”: con questa frase stampata su una maglietta, il rapper Bad Bunny è comparso nel “The Tonight Show” di Jimmy Fallon". La star latina indossava anche una gonna nera, nel chiaro tentativo di attirare l’attenzione su un omicidio che ha sconvolto Portorico, l’isola caraibica degli Stati Uniti.

Alexa era il nome con cui era conosciuta Neulisa Luciano Ruiz, una transgender senzatetto brutalmente uccisa a Toa Baja lunedì scorso. Un omicidio che ha suscitato rabbia e indignazione, oltre ad alzato il dibattito sulla transfobia che regna sull’isola e sulle violenze che le persone di genere non conformi si trovano ad affrontare quotidianamente.

Domenica scorsa, il cliente di un fast food McDonald’s di Toa Baja ha sporto denuncia contro Alexa perché aveva utilizzato il bagno delle donne. Quando la polizia è arrivata, nel tentativo di fare chiarezza sull’accaduto e riportare la calma ha ascoltato diversi clienti, compresa Alexa: le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza di lei che parla con un agente sono le ultime in cui si vede ancora in vita.

All’inizio della settimana sui social media è comparso un video che mostrava diverse persone che sfottevano e minacciavano qualcuno che si ritiene fosse Alexa: poco dopo, il sinistro rumore di almeno 10 colpi d’arma da fuoco. La polizia ha confermato il ritrovamento di un corpo con ferite multiple da arma da fuoco in un prato vicino al centro di Toa Baja, anche se la vittima non è stata identificata immediatamente.

Il giorno successivo, il Dipartimento di Pubblica Sicurezza di Portorico ha confermato che i familiari di Alexa avevano identificato il corpo, mentre un rappresentante del governo ha assicurato che la morte sarebbe stata trattata come un crimine d’odio. “È assai crudele che qualcuno le abbia tolto la vita in questo modo, ed è necessario che gli autori siano consegnati alla giustizia il prima possibile”.

La morte di Alexa ha alzato le proteste sia a Porto Rico che nel resto degli Stati Uniti, attirando anche l’attenzione della candidata dem Elizabeth Warren: “Questo sentimento di odio contro chi è diverso continua a crescere e dobbiamo usare tutti gli strumenti a nostra disposizione per porvi fine”.

Pedro Julio Serrano, importante attivista LGBTQ di Porto Rico, ha parlato di una reazione del Paese simile ad “un terremoto di coscienza. La gente si è resa conto che stava soltanto cercando di usare il bagno, come chiunque”. Serrano ha condannato alcuni leader conservatori e religiosi del Paese per aver sostenuto che le persone transgender dovrebbero usare i bagni che corrispondono al sesso assegnato alla nascita: “Questa è la prova che la transfobia può uccidere”.

La “Human Rights Campaign” ha definito l’uccisione di Alexa un crimine orribile, affermando che si tratta della seconda morte violenta di un transgender nei territori degli Stati Uniti dall’inizio dell’anno: “Alexa aveva sogni, speranze, hobby e non meritava che le fosse tolta la vita. Stava sopportando la difficile condizione di senzatetto, che evidenzia ulteriormente quel mix tossico di transfobia e misoginia che espone la comunità transgender a rischio di violenza estrema”.

Galleria fotografica
Portorico sotto shock per l’omicidio di Alexa - immagine 1
Portorico sotto shock per l’omicidio di Alexa - immagine 2
Portorico sotto shock per l’omicidio di Alexa - immagine 3
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino