Appello all'esercito: abbandoni Maduro al suo destino

| Emissari Usa in contatto con alti ufficiali della Guardia Nazionale Bolivariana. Guaid˛, sý a intervento "per liberare il Paese". Strage di neonati negli ospedali: manca tutto. Crisi diabetica, muore avvocato italiano. Non c'Ŕ insulina

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

"Stiamo ancora in stretto contatto con i membri dell'ex regime di Maduro, con i militari, ma queste conversazioni sono ancora molto, molto limitate", ha detto una fonte Usa alla Reuters. Un alto funzionario della Casa Bianca ha detto, a condizione di anonimato, che il governo degli Stati Uniti si aspetta più defezioni militari dopo che alcuni alti funzionari si sono già pronunciati a favore del presidente della Repubblica ad interim Juan Guaidó. "Pensiamo che queste siano le prime pietre prima di iniziare a vedere rocce molto più grandi che rotolano giù per la collina", ha detto. La situazione in Venezuela, soprattutto sotto il profilo umanitario è sempre più grave tanto che il presidente ad interim riconosciuto ormai da un numero crescente di nazioni, da tutti gli alleati dell’Italia, eccetto punto l’Italia  grillina di Di Maio e della caricatura del “Che Guevara”, Alessandro Di Battista. Guardò s’è detto favorevole a un intervento esterno delle forze armate per restituire un futuro “a un Paese in rovina”. 

Tutto crolla, il sistema scolastico, la sanità, i trasporti. Nell’ospedale Luis Razetti di Barcellona, nello stato di Anzoátegui, i bambini muoiono nelle poche incubatrici neonatali che rimangono operative. I medici non hanno forniture per l'assistenza ai pazienti in coda nelle vicinanze del centro di cura che rimane in declino a causa della mancanza di forniture. Così racconta la madre di Valery, che era incinta di sette mesi e doveva essere portata in clinica per la perdita di liquido amniotico. I parenti hanno dovuto acquistare i medicinali perché in ospedale non c’erano. Tutto inutile, Valery è morto per arresto respiratorio, insieme a più di sei neonati quella notte. Forse il vice premier Di Maio dovrebbe informarsi anche di quanto accade tra le gente. Quella vera e non le comparse che animano le manifestazioni pro Maduro, che il Movimento M5s sostiene in modo diretto e indiretto.

STRAGE DI NEONATI NEGLI OSPEDALI 

L’avvocato José Santoyo, attivista per i diritti umani, ha riferito che in meno di una settimana almeno 13 bambini sono morti ad Anzoátegui a causa di infezioni causate dalla possibile contaminazione delle acque della zona. “I medici hanno riferito che i neonati sono ricoverati con malnutrizione", ha detto l’avvocato. Valery è morta per un arresto respiratorio. Laura Gonzalez, la zia della bambina, ha rivelato che "in ospedale c'è anche un focolaio di sepsi  causata da virus e batteri, che può causare la morte. Se almeno un solo bambino è stato salvato quella notte, è stato un miracolo di Dio”. E ora implora che le autorità permettano l'ingresso di aiuti umanitari in Venezuela, nonostante Nicolás Maduro abbia ancora negato l'esistenza di una crisi sanitaria. Due mesi fa, altri 20 neonati erano morti nel reparto di terapia intensiva neonatale di Luis Razetti, tra la notte e l'alba di mercoledì 12 dicembre, a causa di infezioni. Spesso manca l’acqua, l’energia elettrica, le medicine,  le incubratrici. Sono almeno  70 i neonati morti a novembre, 682 nel 2018. Nell’ospedale azetti non c'è più niente: niente medicine, nemmeno la carta per i referti medici. Le sale operatorie sono state chiuse per mancanza di strumenti da mesi. “L'unica cosa che resta da fare alle madri è pregare i monitor che riflettono la vita dei loro figli, il loro bip è l'unico segno di speranza in mezzo a tanta miseria”, scrive un reporter de El Nacional. Ed è morto per una banale crisi diabetica quando per salvarsi bastava una dose di insulina, l’avvocato Italo Carli, 58 anni, nato in Venezuela, ma suo padre era italiano e la sua famiglia abita ancora a  a Venezia. Dice il cugino, l’avvocato Marco Sitran al Corriere: “Italo era avvocato, giudice onorario, non aveva problemi economici ed è sempre stato in grado di fare fronte alle spese mediche che il suo diabete imponeva. Il problema è che in questo momento i farmaci non ci sono per nessuno, non importa quanti soldi si sia disposti a pagare. Lui era ricoverato in ospedale a Valencia con servizi teoricamente all’avanguardia. Invece è tutto paralizzato”.

INFURIANO CENSURA E REPRESSIONE

"In cinque giorni, 12 giornalisti sono stati arrestati in Venezuela, e non c'è mai stato un picco così forte, tanto meno quando si tratta di professionisti stranieri", denuncia la giornalista venezuelana Elsa Piña, di Reporter Senza Frontiere (RSF). L'ultimo rapporto annuale della RSF sulla libertà di informazione, presentato venerdì a Madrid, Spagna, classifica il Venezuela al 143° posto su 180 nella classifica mondiale, sei posti in meno rispetto al 2017.  In un'intervista con l'agenzia di stampa Efe, Piña ha attribuito questa classifica alla cosiddetta "legge contro l'odio", approvata nell'ottobre 2017, che ha portato ad una maggiore censura dell'informazione e alla chiusura dei media.  "Chiunque esprima un'opinione contro la pace e la convivenza, principi che in teoria suonano bene, ma sono usati con discrezione, finisce in prigione", ha detto. I numerosi arresti di giornalisti internazionali effettuati negli ultimi mesi hanno evidenziato, ha detto, la complessa situazione dell'informazione e della professione nel paese sudamericano. “Il caso più recente è quello dei tre giornalisti di Efe arrestati e poi rilasciati, con il riconoscimento dell'errore da parte delle autorità, cosa che Piña si riferisce alla sua nazionalità: uno spagnolo e due colombiani”, i cui Paesi si sono dichiarati ostili a Maduro. Arresti che sanno tanto di repressione. Billy Six, Jesús Medina Ezaine e Jaime Criollo sono stati accusati, tra gli altri, di ribellione, spionaggio o istigazione a commettere un crimine e sono ancora in carcere.  Billy Six, tedesco è stato arrestato per aver fotografato Maduro troppo vicino a lui, la comunicazione è stata praticamente nulla durante gli 83 giorni in carcere. "Il diritto a un avvocato privato è stato negato e il governo vuole perseguirlo in un processo militare", ha lamentato. Le procedure di detenzione e di interrogatorio del Servizio Nazionale di Informazione Bolivariano (Sebin) includono, ha detto Piña, perquisizioni forzate, sequestri e perquisizioni di oggetti personali e isolamento. I giornalisti cileni Rodrigo Pérez e Gonzalo Barahona hanno passato una notte ammanettati ad una sedia, immobilizzati. La popolazione del paese è informata attraverso Internet e le reti sociali. I giornali tradizionali di stampa critica, come El Nacional, che contina a pubblicare in edizione digitale dopo pesanti attacchi da parte del regime, stanno scomparendo (66 dal 2013) o stanno migrando verso Internet a causa della restrizione della carta imposta dalle autorità dal 2014. Nessuna televisione nazionale ha trasmesso l'inaugurazione di Guaidó il 23 gennaio, che si poteva essere vedere solo dall'estero su Internet. "Coloro che vogliono svolgere un giornalismo impegnato e critico scrivono sulla piattaforma digitale", ha detto Piña. Ma alla fine di gennaio c'è stato un blackout dell'accesso a Internet e Piña ha previsto che la situazione sarebbe peggiorata se fosse stato approvato il progetto di "Legge Costituzionale del Cyberspazio della Repubblica Bolivariana del Venezuela", denunciato da diverse ONG.

 
Sudamerica
"Giuda-Maduro, brucia il traditore"
"Giuda-Maduro, brucia il traditore"
La sanitÓ venezuelana Ŕ un disastro pagato con le vite dei malati. Gli operatori sanitari hanno bruciato un fantoccio davanti agli ospedali con le sembianze di Maduro. Il pericolo che il regime si impossessi degli aiuti della CRI
Venezuela, la superstrada della cocaina
Venezuela, la superstrada della cocaina
La corruzione dilagante e la complicitÓ degli alti funzionari di Maduro ha permesso ai cartelli della droga colombiani di creare un corridoio di libero passaggio attraverso il Venezuela
"Cacceremo Maduro con le armi"
"Cacceremo Maduro con le armi"
Duri addestramenti in Colombia per le migliaia di soldati e poliziotti venezuelani che hanno lasciato l'esercito corrotto di Maduro per sostenere il presidente ad interim Juan Guaid˛. "Pronti alla riscossa"
Messico, ritrovati i corpi di 45 desaparecidos
Messico, ritrovati i corpi di 45 desaparecidos
In due diverse zone, sono emersi i resti di persone scomparse, probabilmente vittime dei cartelli messicani della droga
Guaidˇ: io non ho paura
Guaidˇ: io non ho paura
Mentre Maduro tenta di raccogliere volontari che combattano gli usurpatori, il giovane presidente del Parlamento auspica un cambio di rotta dellĺEuropa: ôNon temo per me, ma che la dittatura sopravvivaö
Un esercito fedele a Guaidˇ
Un esercito fedele a Guaidˇ
Centinaia di poliziotti e militari che hanno abbandonato Maduro si stanno organizzando in una forza armata fuori dal Paese. E Mike Pence, annunciando nuovi aiuti umanitari, attacca il regime
Italiano ucciso in Messico
Italiano ucciso in Messico
Salvatore Stefano, 35 anni, Ŕ stato ucciso a CittÓ del Messico: anche lui vendeva macchinari, come gli altri tre italiani di cui non si sa pi¨ nulla da un anno
Maduro mafia, repressione e ricatti
Maduro mafia, repressione e ricatti
Timori dopo l'arresto del portavoce del presidente ad interim Juan Guaid˛, Roberto Marrero, sotto accusa per reati politici. I parlamentari fanno quadrato: "Il regime attacca l'entourage di Guaid˛, tenta l'estorsione"
Maduro pronto ad arrestare Guaid˛
Maduro pronto ad arrestare Guaid˛
L'Anc, l'assemblea in mano ai suoi sgherri, ha revocato l'immunitÓ parlamentare al presidente ad interim e ora pu˛ essere sequestrato in qualsiasi momento. Lui: "Ci proveranno". Mobilitazione non solo in Venezuela. Gli Usa: "state attenti"
Campionessa di surf folgorata in mare
Campionessa di surf folgorata in mare
Aveva 23 anni, Ŕ uscita in mare per allenarsi e allĺimprovviso il tempo si Ŕ guastato: tuoni e fulmini fra cui uno che lĺha colpita in pieno