Quel che resta di Maradona

| A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni

+ Miei preferiti
L’ultimo bagno di folla, i funerali, il cordoglio del mondo, ancora incredulo per la morte di Maradona, stroncato da un’insufficienza cardiaca, e lo strascico polemico sui soccorsi. A sollevare quest’ultimo punto è Matias Morla, cognato e avvocato personale del campione argentino, che su Twitter denuncia un colpevole ritardo di almeno mezz’ora nell’arrivo dell’ambulanza chiedendo l’apertura di un’inchiesta. Maradona sarebbe stato anche “lasciato solo per 12 ore” dai sanitari che lo avevano in cura dai postumi dell’intervento al cervello.

Ma ora, quella che si apre è un’altra battaglia che si annuncia non meno aspra: quella per l’eredità. In via sua, Maradona ha seminato figli avuti da donne diverse, il che rende faticoso stabilire l’asse ereditario.

Da quanto riportano i media argentini, stuoli di avvocati sarebbero già al lavoro per documentare e rendicontare tutti i beni di proprietà di Diego, dagli immobili alle vetture, dagli effetti personali a i contratti e gli investimenti. Un calcolo fatto a spanne nelle ore successive al funerale parla di appena 100 mila dollari da spartire, ma è una cifra considerata del tutto errata, anche se a far clamore è la dichiarazione di Luiz Ventura, giornalista e amico fraterno del Pibe de Oro, secondo cui Maradona viveva dello stipendio di tecnico del “Gimnasia La Plata”: “Non aveva quasi nulla sul suo conto in banca: oltre a circondarsi per lungo tempo di gente che l’ha letteralmente spolpato, aveva le mani bucate e non sapeva dire di no a nessuno: bastava chiedere e lui dava”.

Ufficialmente, attraverso la società “D10s”, Maradona risulterebbe proprietario di tre residenze nel barrio di Villa Devoto, a Buenos Aires, più altre tre fra Puerto Madero e Bella Vista, quest’ultima donata all’ex moglie e alle figlie. A suo nome risultano anche altri immobili a Campo de Roca, El Tigre e Nordelta. Risultano 6, le vetture di proprietà di Maradona, di cui 4 in Argentina e 2 a Dubai, tra cui una Rolls Royce Ghost. Tra i contratti per lo sfruttamento della sua immagine ancora in essere uno con l’azienda di videogames “Konami”, con un marchio di abbigliamento sportivo e altri ancora in Cina, a Cuba e in Bielorussia, dove durante il breve incarico come presidente onorario della “Dynamo Brest”, Maradona avrebbe ricevuto preziosi e auto di prestigio. Non sono chiari interessi che Maradona aveva anche in Italia, malgrado le noie avute con il Fisco.

Più difficile appare la situazione facendo il censimento degli eredi. A meno che Maradona non abbia provveduto a spartire i suoi beni quand’era ancora in vita, la questione finirà quasi certamente nelle aule dei tribunali con esiti e durata del tutto incerti. Qualcuno ricorda che nel 2019, nel corso di un’intervista, Diego aveva annunciato di voler diseredare le figlie Dalma e Giannina per donare tutto in beneficienza: non sopportava le ingerenze delle due nella sua vita e il morboso interesse sul suo stato di salute. Che poi l’abbia fatto o meno, è tutto da vedere.

Diego aveva 5 figli legalmente riconosciuti ai quali per legge spettano due terzi del patrimonio. A questi vanni aggiunti tre nipoti. Al momento, i cinque figli ufficiali sono Diego Armando Maradona Junior, il primogenito, nato dalla relazione con Cristina Sinagra, Dalmea Nera Maradona Villafane, Giannina Dinorah Maradona Villafane, Jana Maradona (nata dalla relazione con Valeria Sabalain), Diego Fernando Maradona Ojeda (figlio di Veronica Ojeda). All’elenco mancano i nomi di Santiago Lara, figlio illegittimo mai riconosciuto, nato dalla relazione con la modella Natalia Garat, delle gemelle Joanna e Lu, nate a Cuba dalle relazione con Adonay Fruto e sembra riconosciute da Maradona. Per concludere con altri due ragazzi a cui manca il riconoscimento ufficiale: Javielito e un altro di cui non è mai stato rivelato il nome.

A margine, a darsi battaglia saranno anche l’ex moglie Claudia Villafane e le ex fidanzate Veronica Ojeda e Rocio Oliva.

Galleria fotografica
Quel che resta di Maradona - immagine 1
Quel che resta di Maradona - immagine 2
Quel che resta di Maradona - immagine 3
Quel che resta di Maradona - immagine 4
Quel che resta di Maradona - immagine 5
Sudamerica
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole