Maduro mafia, repressione e ricatti

| Timori dopo l'arresto del portavoce del presidente ad interim Juan Guaidò, Roberto Marrero, sotto accusa per reati politici. I parlamentari fanno quadrato: "Il regime attacca l'entourage di Guaidò, tenta l'estorsione"

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

L'arresto del braccio destro di Juan Guaido’, rischia di alzare il livello della tensione in Venezuale. La mossa di Maduro e dei dei suoi sgherri è un chiaro messaggio intimidatorio rivolto allo stesso presidente ad interim, Un arresto spettacolare, per motivi dichiaratamente politici quello di Roberto Marrero, 

arrestato giovedì 21 marzo all’alba dai funzionari dei servizi segreti nazionali bolivariani  che hanno abbattuto la porta di casa sua e l'hanno poi perquisita per ore.

Durante l'udienza di presentazione, il capo dell'ufficio del presidente Juan Guaidó è stato accusato dei crimini di cospirazione, associazione per commettere un crimine, riciclaggio di denaro, usurpazione di funzioni e occultamento di armi, che sono stati respinti dai leader della difesa e dell'opposizione, che sostengono che l'arresto di Marrero era dovuto alla sua vicinanza al presidente. Accuse che valgono decenni di galera.

Il deputato dell'Assemblea Nazionale Sergio Vergara, di Voluntad Popular, ha detto a El Nacional che l'obiettivo dell'arresto di Roberto Marrero è quello di attaccare l'entourage del presidente ad interim della Repubblica, Juan Guaidó, al fine di ridurne la capacità operativa.

"L'arresto di Marrero avviene per quello che intende nell'ambiente di Juan Guaidó. Stanno cercando di destabilizzarlo e sono alla ricerca di meccanismi per esercitare una maggiore pressione su di lui", ha detto. Il parlamentare ha affermato che purtroppo non è la prima volta che il regime di Nicolás Maduro ha usato la strategia di attaccare chi è vicino ai leader politici dell’opposizione. Un sistema tipico delle dittatura di marca fascista e mafiosa, che utilizza le vendette trasversali quando non può colpire direttamente.

"Abbiamo denunciato fin dall'inizio che questo fa parte di una metodologia che il regime di Maduro ha sempre utilizzato. Lo ha fatto con Henrique Capriles attaccando Armando Briquet, anche con Henry Ramos Allup quando hanno arrestato il suo team di comunicazione e il suo capo della sicurezza; in questo caso non è stato diverso", ha aggiunto.

Vergara non ha escluso che Maduro intenda utilizzare la detenzione di Marrero come merce di scambio con la comunità internazionale, poiché si tratta anche questo di un meccanismo estorsivo già utilizzato in precedenza.

Robert Alcalá ha denunciato che Maduro è pronto a utilizzare le armi per ferme il processo “rivoluzionario2, volto a cacciarlo una volta per tutte dal Palazzo Miraflores.

Ha chiarito che, sebbene la pressione internazionale per il rilascio del capo dell'ufficio di Guaidó sia un fattore chiave, questo da solo non sarà sufficiente, poiché sono necessari anche la coesione degli attori che fanno la vita nell'opposizione e l'attivazione articolata e organizzata della protesta dei cittadini. "La cessazione dell'usurpazione sarà un fattore determinante perché Roberto sia libero. Siamo convinti che non otterremo alcun risultato prima di quel momento, a meno che non avvenga uno dei meccanismi che il regime ha utilizzato in passato, quando ha rilasciato i prigionieri politici cercando di ottenere una sorta di ossigeno. Sappiamo che Maduro usa i prigionieri politici come merce di scambio", ha concluso. Maduro è ritenuto responsabile dell'integrità fisica di Marrero è perché c'è il timore che possa verificarsi qualcosa di simile al "suicidio" del consigliere Fernando Albán, misteriosamente caduto dalla finestra della sede della Sebin di Caracas.

"Dio liberi Roberto da ogni male e si prenda cura di lui. Abbiamo lanciato gli allarmi e accusato direttamente la dittatura per la sua integrità fisica, ma nelle loro mani può succedere di tutto, questa è la nostra grande paura. Sappiamo che la sua vita è in pericolo come quella di molti prigionieri politici, nelle mani di questo regime nessuno è al sicuro. "Sappiamo di cosa è capace il regime e di cosa questo causa al circolo familiare, ma siamo impegnati per la libertà del Venezuela e siamo chiari che non ci sarà un futuro promettente per i nostri figli se non ci sarà alcun cambiamento nel paese", ha concluso Alcalà.

Sudamerica
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne