Rio: ucciso l’uomo
con 37 persone in ostaggio

| Per tre ore, un uomo ha minacciato di dare fuoco ad un autobus urbano: è stato freddato dai cecchini delle forze speciali brasiliane

+ Miei preferiti
È finita con un colpo preciso di uno dei cecchini delle forze speciali brasiliane, la folle giornata di un uomo che questa mattina è salito su un autobus con 37 persone a bordo (anche se sul numero ci sono notizie contrastanti), minacciando di dare fuoco al mezzo dopo aver dato ordine all’autista di metterlo di traverso sul ponte che collega Rio de Janeiro di Niterói, sulla Baia di Guanabara. Secondo alcuni testimoni, l’uomo aveva con sé un’arma, un coltello, un taser e diverse bottiglie piene di benzina: era vestito di nero, con berretto e sciarpa per tentare di nascondere il volto. Più volte, per tre ore interminabili in cui Rio de Janeiro è piombata nel terrore di un attentato terroristico, l’uomo è sceso dal mezzo mentre le forze dell’ordine tentavano di intavolare una trattativa: una per buttare una valigia in direzione della polizia, un’altra con uno degli ostaggi a cui teneva puntata la pistola alla testa. È stato in quel momento che i tiratori scelti hanno ricevuto l’ordine di fare fuoco, uccidendolo sul colpo. Si è scoperto poco dopo che si trattava di una pistola giocattolo.

Nessuno degli ostaggi è rimasto ferito, e non sono ancora chiare quali fossero le richieste dell’attentatore, ma secondo un portavoce della polizia sarebbe da escludere il terrorismo internazionale.

Galleria fotografica
Rio: ucciso l’uomo<br>con 37 persone in ostaggio - immagine 1
Rio: ucciso l’uomo<br>con 37 persone in ostaggio - immagine 2
Sudamerica
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole