Sanità al collasso, così muoiono i bambini del Venezuela

| Mancano farmaci, trapianti di midollo impossibili, black out energetici continui. Muoiono uno dopo l'altro i bambini malati per gravi patologie. Ma in Italia il viceministro grillino De Stefano continua a sostenere il regime di Maduro

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

L’Indipendent racconta una terribile storia di morte per sanità negata nel Venezuela di Maduro, e la dedichiamo personalmente al vice-ministro degli Esteri, Manlio De Stefano, un grillino che continua ostinatamente a difendere il regime chavista mentre la Lega - e meno male - appoggia in modo esplicito il presidente ad interim Juan Guaidò, definito dallo “statista” De Stefano “un golpista”.  Ma chi soffre , stretto tra fame e miseria, è il popolo venezuelano oppresso da una dittatura paramilitare e appoggiata da Russia e Cina. Al vice-ministro pentastellato ricordiamo che l’Italia è nella UE e nella Nato, semmai lo avesse per caso dimenticato.

All’ospedale JM de los Rios di Caracas, in Venezuela, 26 bambini affetti da cancro e da altre malattie hanno bisogno di trapianti di midollo osseo per salvare la loro vita. Qualche settimana fa, erano 30, ma da allora ne sono morti già quattro. Le loro madri sperano ancora in un miracolo in un paese in cui anche ottenere antistaminici, vaccini e antibiotici è difficile. Trovare un donatore è quasi impossibile, ma non si arrendono. Dimostrano forza davanti alla telecamera, ma piangono silenziosamente mentre ricordano i momenti in cui hanno visto peggiorare lentamente le condizioni dei loro figli, di età compresa tra i quattro e i 17 anni. Ora raccontano l'inferno quotidiano che vivono al JM de los Rios, il principale centro pediatrico pubblico del Venezuela. Ogni giorno è una battaglia contro la morte. "Abbiamo aspettato troppo a lungo. Qualcuno se ne va ogni giorno, cessa di vivere”, dice Evellyne Fernandez, madre di Edenny Martinez, 15 anni, a cui è stata diagnosticata la talassemia maggiore, una forma di anemia grave che richiede trasfusioni di sangue ogni tre settimane. L'adolescente, che sogna di diventare avvocato, riceve trasfusioni da quando aveva sette mesi e ha finito per contrarre l'epatite C. I bambini hanno bisogno di Exaje, un farmaco che aiuta a ridurre i livelli di ferro dopo una trasfusione, ma questo non è disponibile da novembre.

 

Cristina Zambrano, un'adolescente con la talassemia che sognava di diventare giornalista prima che la sua condizione peggiorasse, aspetta dal 2014 un trapianto di midollo osseo. Nel 2016 ha contratto l'epatite C dopo aver subito una trasfusione di sangue. Alla quattordicenne Jerson Torres è stata diagnosticata una grave aplasia del midollo osseo. Sua madre Verioska Martinez dice che è testarda e a volte lo dice: "Se devo morire, lo farò".

 

La vita di questi bambini è stata limitata, le loro condizioni di vita hanno impedito loro di essere coinvolti in attività quotidiane come giocare a calcio o andare in spiaggia. La loro crescita e il loro sviluppo hanno subito un rallentamento. Solo due centri eseguono trapianti di midollo osseo in Venezuela, purché vi siano donatori compatibili. Uno di questi centri è pubblico e l'altro privato, e un intervento chirurgico a quest'ultimo può costare 20.000 dollari (16.000 sterline), il che è fuori portata per il venezuelano medio, ridotti a stipendi da fame. Il governo venezuelano ha firmato un accordo con l'Italia nel 2006 affinché i bambini che non hanno donatori possano essere portati nel paese europeo per i trapianti. Il programma era in passato finanziato dall'impresa petrolifera statale Petroleos de Venezuela, ma è sospeso dal 2018.

I ritardi sono iniziati nel 2015 e gli ospedali hanno iniziato a degradarsi da almeno un decennio fa, quando le sanzioni non erano così stringenti. Secondo gli ultimi dati, 1.557 pazienti sono morti per mancanza di forniture mediche, e tra il 19 novembre e il 9 febbraio sono state 79 le interruzioni di corrente elettrica nei centri sanitari.

 
Sudamerica
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole