Sanità al collasso, così muoiono i bambini del Venezuela

| Mancano farmaci, trapianti di midollo impossibili, black out energetici continui. Muoiono uno dopo l'altro i bambini malati per gravi patologie. Ma in Italia il viceministro grillino De Stefano continua a sostenere il regime di Maduro

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

L’Indipendent racconta una terribile storia di morte per sanità negata nel Venezuela di Maduro, e la dedichiamo personalmente al vice-ministro degli Esteri, Manlio De Stefano, un grillino che continua ostinatamente a difendere il regime chavista mentre la Lega - e meno male - appoggia in modo esplicito il presidente ad interim Juan Guaidò, definito dallo “statista” De Stefano “un golpista”.  Ma chi soffre , stretto tra fame e miseria, è il popolo venezuelano oppresso da una dittatura paramilitare e appoggiata da Russia e Cina. Al vice-ministro pentastellato ricordiamo che l’Italia è nella UE e nella Nato, semmai lo avesse per caso dimenticato.

All’ospedale JM de los Rios di Caracas, in Venezuela, 26 bambini affetti da cancro e da altre malattie hanno bisogno di trapianti di midollo osseo per salvare la loro vita. Qualche settimana fa, erano 30, ma da allora ne sono morti già quattro. Le loro madri sperano ancora in un miracolo in un paese in cui anche ottenere antistaminici, vaccini e antibiotici è difficile. Trovare un donatore è quasi impossibile, ma non si arrendono. Dimostrano forza davanti alla telecamera, ma piangono silenziosamente mentre ricordano i momenti in cui hanno visto peggiorare lentamente le condizioni dei loro figli, di età compresa tra i quattro e i 17 anni. Ora raccontano l'inferno quotidiano che vivono al JM de los Rios, il principale centro pediatrico pubblico del Venezuela. Ogni giorno è una battaglia contro la morte. "Abbiamo aspettato troppo a lungo. Qualcuno se ne va ogni giorno, cessa di vivere”, dice Evellyne Fernandez, madre di Edenny Martinez, 15 anni, a cui è stata diagnosticata la talassemia maggiore, una forma di anemia grave che richiede trasfusioni di sangue ogni tre settimane. L'adolescente, che sogna di diventare avvocato, riceve trasfusioni da quando aveva sette mesi e ha finito per contrarre l'epatite C. I bambini hanno bisogno di Exaje, un farmaco che aiuta a ridurre i livelli di ferro dopo una trasfusione, ma questo non è disponibile da novembre.

 

Cristina Zambrano, un'adolescente con la talassemia che sognava di diventare giornalista prima che la sua condizione peggiorasse, aspetta dal 2014 un trapianto di midollo osseo. Nel 2016 ha contratto l'epatite C dopo aver subito una trasfusione di sangue. Alla quattordicenne Jerson Torres è stata diagnosticata una grave aplasia del midollo osseo. Sua madre Verioska Martinez dice che è testarda e a volte lo dice: "Se devo morire, lo farò".

 

La vita di questi bambini è stata limitata, le loro condizioni di vita hanno impedito loro di essere coinvolti in attività quotidiane come giocare a calcio o andare in spiaggia. La loro crescita e il loro sviluppo hanno subito un rallentamento. Solo due centri eseguono trapianti di midollo osseo in Venezuela, purché vi siano donatori compatibili. Uno di questi centri è pubblico e l'altro privato, e un intervento chirurgico a quest'ultimo può costare 20.000 dollari (16.000 sterline), il che è fuori portata per il venezuelano medio, ridotti a stipendi da fame. Il governo venezuelano ha firmato un accordo con l'Italia nel 2006 affinché i bambini che non hanno donatori possano essere portati nel paese europeo per i trapianti. Il programma era in passato finanziato dall'impresa petrolifera statale Petroleos de Venezuela, ma è sospeso dal 2018.

I ritardi sono iniziati nel 2015 e gli ospedali hanno iniziato a degradarsi da almeno un decennio fa, quando le sanzioni non erano così stringenti. Secondo gli ultimi dati, 1.557 pazienti sono morti per mancanza di forniture mediche, e tra il 19 novembre e il 9 febbraio sono state 79 le interruzioni di corrente elettrica nei centri sanitari.

 
Sudamerica
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga
Il lato debole di Hulk
Il lato debole di Hulk
Le vicende amorose del campione brasiliano tengono banco nei gossip di tutto il mondo: ha mollato la compagna per fidanzarsi con la nipote di lei, molto più giovane
Argentina, suicida un prete pedofilo
Argentina, suicida un prete pedofilo
Per padre Eduardo Lorenzo stavano per aprirsi le porte della galera, e lui ha scelto di farla finita. Diversi suoi ex allievi lo accusavano di violenza carnale
Argentina, condannati due preti pedofili
Argentina, condannati due preti pedofili
Il sacerdote italiano Nicola Corradi e l’argentino Horacio Corbacho condannati a oltre 40 di galera per aver abusato di bambini audiolesi all’interno di un istituto con sede a Verona. Condannato anche il giardiniere dell’istituto
Il mistero della morte de “La Mimo”
Il mistero della morte de “La Mimo”
Secondo l’autopsia, Daniela Carrasco, 36 anni, artista di strada simbolo delle proteste cilene, sarebbe morta suicida. Ma il paese è convinto sia stato un omicidio di stato
Ordine di cattura per Evo Morales
Ordine di cattura per Evo Morales
Il presidente boliviano, in carica da 13 anni, costretto alle dimissioni da pressioni interne e internazionali. L’annuncio che la polizia lo cerca per arrestarlo
Messico: strage di Mormoni
Messico: strage di Mormoni
Tre donne e sei bambini crivellati di colpi e bruciati all’interno delle auto su cui viaggiavano al confine con gli Stati Uniti: erano diretti ad un matrimonio