Sanità al collasso, così muoiono i bambini del Venezuela

| Mancano farmaci, trapianti di midollo impossibili, black out energetici continui. Muoiono uno dopo l'altro i bambini malati per gravi patologie. Ma in Italia il viceministro grillino De Stefano continua a sostenere il regime di Maduro

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

L’Indipendent racconta una terribile storia di morte per sanità negata nel Venezuela di Maduro, e la dedichiamo personalmente al vice-ministro degli Esteri, Manlio De Stefano, un grillino che continua ostinatamente a difendere il regime chavista mentre la Lega - e meno male - appoggia in modo esplicito il presidente ad interim Juan Guaidò, definito dallo “statista” De Stefano “un golpista”.  Ma chi soffre , stretto tra fame e miseria, è il popolo venezuelano oppresso da una dittatura paramilitare e appoggiata da Russia e Cina. Al vice-ministro pentastellato ricordiamo che l’Italia è nella UE e nella Nato, semmai lo avesse per caso dimenticato.

All’ospedale JM de los Rios di Caracas, in Venezuela, 26 bambini affetti da cancro e da altre malattie hanno bisogno di trapianti di midollo osseo per salvare la loro vita. Qualche settimana fa, erano 30, ma da allora ne sono morti già quattro. Le loro madri sperano ancora in un miracolo in un paese in cui anche ottenere antistaminici, vaccini e antibiotici è difficile. Trovare un donatore è quasi impossibile, ma non si arrendono. Dimostrano forza davanti alla telecamera, ma piangono silenziosamente mentre ricordano i momenti in cui hanno visto peggiorare lentamente le condizioni dei loro figli, di età compresa tra i quattro e i 17 anni. Ora raccontano l'inferno quotidiano che vivono al JM de los Rios, il principale centro pediatrico pubblico del Venezuela. Ogni giorno è una battaglia contro la morte. "Abbiamo aspettato troppo a lungo. Qualcuno se ne va ogni giorno, cessa di vivere”, dice Evellyne Fernandez, madre di Edenny Martinez, 15 anni, a cui è stata diagnosticata la talassemia maggiore, una forma di anemia grave che richiede trasfusioni di sangue ogni tre settimane. L'adolescente, che sogna di diventare avvocato, riceve trasfusioni da quando aveva sette mesi e ha finito per contrarre l'epatite C. I bambini hanno bisogno di Exaje, un farmaco che aiuta a ridurre i livelli di ferro dopo una trasfusione, ma questo non è disponibile da novembre.

 

Cristina Zambrano, un'adolescente con la talassemia che sognava di diventare giornalista prima che la sua condizione peggiorasse, aspetta dal 2014 un trapianto di midollo osseo. Nel 2016 ha contratto l'epatite C dopo aver subito una trasfusione di sangue. Alla quattordicenne Jerson Torres è stata diagnosticata una grave aplasia del midollo osseo. Sua madre Verioska Martinez dice che è testarda e a volte lo dice: "Se devo morire, lo farò".

 

La vita di questi bambini è stata limitata, le loro condizioni di vita hanno impedito loro di essere coinvolti in attività quotidiane come giocare a calcio o andare in spiaggia. La loro crescita e il loro sviluppo hanno subito un rallentamento. Solo due centri eseguono trapianti di midollo osseo in Venezuela, purché vi siano donatori compatibili. Uno di questi centri è pubblico e l'altro privato, e un intervento chirurgico a quest'ultimo può costare 20.000 dollari (16.000 sterline), il che è fuori portata per il venezuelano medio, ridotti a stipendi da fame. Il governo venezuelano ha firmato un accordo con l'Italia nel 2006 affinché i bambini che non hanno donatori possano essere portati nel paese europeo per i trapianti. Il programma era in passato finanziato dall'impresa petrolifera statale Petroleos de Venezuela, ma è sospeso dal 2018.

I ritardi sono iniziati nel 2015 e gli ospedali hanno iniziato a degradarsi da almeno un decennio fa, quando le sanzioni non erano così stringenti. Secondo gli ultimi dati, 1.557 pazienti sono morti per mancanza di forniture mediche, e tra il 19 novembre e il 9 febbraio sono state 79 le interruzioni di corrente elettrica nei centri sanitari.

 
Sudamerica
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”