"Se Guaidò rientra lo faccio arrestare"

| Maduro, totalmente isolato nel suo palazzo di Miraflores, a Caracas, minaccia il presidente ad interim. "Gli Usa vogliono il greggio venezuelano e sono pronti alla guerra". Ma tace sui morti della Gran Sabana

+ Miei preferiti
MARIA LOPEZ
Il Presidente Nicolás Maduro minaccia il il capo del Parlamento, Juan Guaidó, riconosciuto da più di cinquanta paesi come capo di stato ad interim del Venezuela: "Dovrà affrontare la giustizia se decide di tornare nel paese, ha violato il divieto della Corte Suprema di Giustizia di lasciare il Venezuela". Parole pronunciate indossando idealmente la divisa da comandante in capo dell'Esercito, ma più somigliante a un caudillo degli Anni '50, con il petto pieno di medaglie e patacche mai conquistate, di nastri colorati e galloni inesistenti. Guaidó si trova nel territorio di Neogranadino dallo scorso venerdì, un giorno prima della data prevista per l'entrata degli aiuti umanitari nel paese da Cúcuta, in Colombia, Roraima, in Brasile e Curacao, nelle Antille olandesi. Ha partecipato ad un vertice del Gruppo Lima a Bogotá, a sostegno del Venezuela, da dove ha detto che questa settimana sarebbe tornato nel suo Paese. Il vicepresidente Usa Mike Pence ha offerto tutto il suo aiuto, compreso quello dei Democratici (Bernie Saunders, storico esponente dei Dem di sinistra e candidato alla Casa Bianca si è detto d'accordo con Trump, a proposito di Maduro) mentre l'opzione militare ha visto la contrarietà del Gruppo di Lima che appoggia Guaidò. Ci saranno altre sanzioni, ancora più dure.
Nell'intervista, ha riferito AFP, Maduro ha accusato il governo degli Stati Uniti di aver costruito una crisi per iniziare una guerra in Sud America. Ma il dittatore tace sui 25 morti della Gran Sabana, uccisi dalle squadre della morte che lui arma e finanzia, e sui 300 feriti durante gli scontri per impedire l'ingresso degli aiuti umanitari al suo popolo affamato. Maduro contesta anche la riunione del Gruppo Lima: "Un tentativo di stabilire un governo parallelo in Venezuela". Pence ha confermato a Guaidó il pieno sostegno del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e ha annunciato un nuovo esborso di 56 milioni di dollari per i paesi che ricevono i migranti venezuelani. 
"Gli Stati Uniti vogliono il petrolio greggio venezuelano e sono disposti ad andare in guerra per quel petrolio", si difende Maduro, invocando come sempre il complotto yankee per impadronirsi delle risorse del Paese. Peccato che le sue riforme economiche siano miseramente fallite e l'inflazione su base annua a 6 zeri, ha ridotto il potere d'acquisto della moneta a nulla. Ma il regime chavista evita di fare i conti della realtà. Finge di non vederla, e si trincera dietro le armi russe e cinesi con cui arma un Esercito fino a ieri fedele ma ora in preda ai primi segnali di sgretolamento, con decine di soldati che disertano di ora in ora. Ieri alcuni giornalisti americani sono stati fermati dalla Sebin, la polizia segreta, e rilasciati in serata. Il regime non è mai stato così spaventato. L'idea di finire sotto processo per i crimini politici, le incarcerazioni illegali, le torture e le morti sospetti di oppositori costringono Maduro e al suo clan di complici a resistere ad oltranza. A spese del popolo e degli interessi della nazione, umiliata e devastata.
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino