"Se Guaidò rientra lo faccio arrestare"

| Maduro, totalmente isolato nel suo palazzo di Miraflores, a Caracas, minaccia il presidente ad interim. "Gli Usa vogliono il greggio venezuelano e sono pronti alla guerra". Ma tace sui morti della Gran Sabana

+ Miei preferiti
MARIA LOPEZ
Il Presidente Nicolás Maduro minaccia il il capo del Parlamento, Juan Guaidó, riconosciuto da più di cinquanta paesi come capo di stato ad interim del Venezuela: "Dovrà affrontare la giustizia se decide di tornare nel paese, ha violato il divieto della Corte Suprema di Giustizia di lasciare il Venezuela". Parole pronunciate indossando idealmente la divisa da comandante in capo dell'Esercito, ma più somigliante a un caudillo degli Anni '50, con il petto pieno di medaglie e patacche mai conquistate, di nastri colorati e galloni inesistenti. Guaidó si trova nel territorio di Neogranadino dallo scorso venerdì, un giorno prima della data prevista per l'entrata degli aiuti umanitari nel paese da Cúcuta, in Colombia, Roraima, in Brasile e Curacao, nelle Antille olandesi. Ha partecipato ad un vertice del Gruppo Lima a Bogotá, a sostegno del Venezuela, da dove ha detto che questa settimana sarebbe tornato nel suo Paese. Il vicepresidente Usa Mike Pence ha offerto tutto il suo aiuto, compreso quello dei Democratici (Bernie Saunders, storico esponente dei Dem di sinistra e candidato alla Casa Bianca si è detto d'accordo con Trump, a proposito di Maduro) mentre l'opzione militare ha visto la contrarietà del Gruppo di Lima che appoggia Guaidò. Ci saranno altre sanzioni, ancora più dure.
Nell'intervista, ha riferito AFP, Maduro ha accusato il governo degli Stati Uniti di aver costruito una crisi per iniziare una guerra in Sud America. Ma il dittatore tace sui 25 morti della Gran Sabana, uccisi dalle squadre della morte che lui arma e finanzia, e sui 300 feriti durante gli scontri per impedire l'ingresso degli aiuti umanitari al suo popolo affamato. Maduro contesta anche la riunione del Gruppo Lima: "Un tentativo di stabilire un governo parallelo in Venezuela". Pence ha confermato a Guaidó il pieno sostegno del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e ha annunciato un nuovo esborso di 56 milioni di dollari per i paesi che ricevono i migranti venezuelani. 
"Gli Stati Uniti vogliono il petrolio greggio venezuelano e sono disposti ad andare in guerra per quel petrolio", si difende Maduro, invocando come sempre il complotto yankee per impadronirsi delle risorse del Paese. Peccato che le sue riforme economiche siano miseramente fallite e l'inflazione su base annua a 6 zeri, ha ridotto il potere d'acquisto della moneta a nulla. Ma il regime chavista evita di fare i conti della realtà. Finge di non vederla, e si trincera dietro le armi russe e cinesi con cui arma un Esercito fino a ieri fedele ma ora in preda ai primi segnali di sgretolamento, con decine di soldati che disertano di ora in ora. Ieri alcuni giornalisti americani sono stati fermati dalla Sebin, la polizia segreta, e rilasciati in serata. Il regime non è mai stato così spaventato. L'idea di finire sotto processo per i crimini politici, le incarcerazioni illegali, le torture e le morti sospetti di oppositori costringono Maduro e al suo clan di complici a resistere ad oltranza. A spese del popolo e degli interessi della nazione, umiliata e devastata.
Sudamerica
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus