Sequestro record di cocaina in Uruguay

| Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga

+ Miei preferiti
Per le autorità non ci sono dubbi: “È il più grande sequestro di droga nella storia dell’Uruguay”, e non è un’esagerazione. Con 4,4 tonnellate di cocaina purissima, per un valore sul mercato che supera i 1,3 miliardi di dollari, si tratta di uno dei colpi più duri inferti al traffico di sostanze stupefacenti. Il sequestro è il risultato di un’operazione congiunta fra la Marina e la Dogana uruguaiana, che hanno intercettato il carico in una zona del porto di Montevideo: secondo quanto confermato dalle autorità, un’altra partita di cocaina, pari a 1,5 tonnellate, è stata individuata poche ore dopo all’interno di un ranch.

Il carico era nascosto all’interno di un container che insieme ad altri tre gemelli trasportavano ufficialmente farina di soia per conto di un’azienda biomedica: tutti sono risultati “anomali” nelle immagini scannerizzate durante i controlli di sicurezza portuali. La segnalazione ha fatto scattare l’allarme e quando il primo dei quattro container è stato aperto, si è scoperto che conteneva più di 3.000 panetti di cocaina. Un secondo container, anch’esso risultato “anomalo”, è in fase di ispezione, subito dopo seguiranno gli altri due: se tutti e quattro contenessero la stessa quantità di cocaina, si arriverebbe a superare le 15 tonnellate di droga, trasformando l’operazione in uno dei più gravi colpi mai inferti ai cartelli del narcotraffico.

I container erano stati caricati a Nueva Palmira, una zona dell’Uruguay al confine con l’Argentina: si ritiene che la cocaina fosse destinata a rifornire i mercati dello spaccio di alcune zone dell’Africa occidentale. L’Uruguay è sempre più utilizzato dai cartelli come snodo chiave per la droga che viene spedita in Europa e in Africa.

Sudamerica
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo