Sommossa in un carcere brasiliano: 52 morti

| Sedici detenuti sarebbero stati decapitati nel corso di una sommossa nel carcere di Altamira. Le associazioni umanitarie accusano di menefreghismo il governo di Bolsonaro

+ Miei preferiti
Jarbas Vasconcelos, il sovrintendente del sistema penitenziario nello stato del Para, in Brasile, ha rivelato che 16 dei 52 detenuti morti nella sommossa della prigione di Altamira sono stati decapitati. L’episodio è l’ultimo di una serie di violenze che negli ultimi mesi interessano le carceri brasiliane: nel maggio scorso, 55 detenuti sono stati uccisi in scontri tra bande in quattro prigioni del Brasile occidentale.

Le autorità carcerarie locali riferito che le morti sono il risultato di violenti scontri tra fazioni rivali all’interno della stessa banda di narcotrafficanti, nota come la “Famiglia del Nord”.

Le associazioni per i diritti umani accusano il governo di fare troppo poco per prevenire la violenza nelle carceri che sono diventate centri di reclutamento per le bande, e persino di facilitare gli scontri, permettendo un sovraffollamento inumano delle celle.

Gli scontri rappresentano una sfida per il presidente Jair Bolsonaro, ma potrebbero anche finire per dare una spinta alla sua promessa di voler reprimere le violenza delle bande criminali nelle prigioni.

Galleria fotografica
Sommossa in un carcere brasiliano: 52 morti - immagine 1
Sudamerica
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne