La supervilla di Maduro, un mistero

| L'avrebbe acquistata per 18 milioni di dollari a Punta Cana, Repubblica Domenicana attraverso un mediatore. La moglie Cilia Flores in fuga nel rifugio dorato dopo gli scontri? Scoop di un giornalista peruviano. Presidente nega

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Villa La Caracola è il nome della villa in stile-boss-narcos che il “compagno” socialista e chavista Nicolás Maduro (nel fotomontaggio del media peruviano Republica) e sua moglie, Cilia Flores, avrebbero acquistato nell'esclusiva destinazione turistica di Punta Cana, nella Repubblica Dominicana. La proprietà, destinata all'esilio di Maduro semmai le cose dovessero mettersi male, si trova di fronte al mare ed è circondata da altre case di lusso che hanno anche le loro spiagge private. Ha anche una vista privilegiata sul campo da golf di Jack Nicklaus.

 La villa era stata messa in vendita dalla società immobiliare dDunamar Real Estate, che offre un broker immobiliare esclusivo a Cap Cana. Anche se le fotografie della villa sono state cancellate dal sito web dell'azienda, sono diventate virali su Internet. Le immagini mostrano camere lussuose, bagni enormi, soggiorni e le viste che offre.

Villa La Caracola


 Villa La Caracola ha nove camere da letto, dieci bagni, soggiorno, sala da pranzo formale, una cucina gourmet, diverse terrazze, una palapa (soggiorno esterno) e una piscina a sfioro. Il prezzo totale di questo è stato di 18 milioni di dollari e si ritiene che il mediatore sia stato Samark Lopez Bello, che è indagato dal sistema giudiziario statunitense per alcune operazioni sospette.

 Nel suo programma Mega TV, il giornalista Jaime Bayly ha detto che Cilia Flores sarebbe fuggita da Caracas il 30 aprile, il giorno dell'Operazione Liberty, pianificata da Juan Guaidó, e avrebbe cercato rifugio nella lussuosa dimora di Villa La Caracola. Inoltre, la giornalista ha sottolineato che la donna si è recata a Punta Cana sul business plane Bombardier Global Express, inviato da Vladimir Putin per salvaguardare il cerchio magico del regime. Inoltre, nella villa ci sono eliporto, ristoranti, chiesa, percorsi ciclabili, palestre, negozi per lo shopping, sorveglianza 24 ore su 24 e terme, tra gli altri. Jaime Bayly sostiene che sia Nicolás Maduro che Celia Flores hanno scelto la Repubblica Dominicana perché hanno acquistato il palazzo con la complicità del governo locale.

 Secondo l'agenzia immobiliare, ognuna delle nove camere ha un bagno, una terrazza privata e uno spogliatoio. Inoltre, ci sono due suite principali con balcone con vista sul mare. La casa ha 3.000 metri quadrati. Qualche giorno fa, durante una trasmissione radiofonica e televisiva, il Presidente Nicolás Maduro ha pubblicamente negato che sua moglie si fosse recata a Punta Cana per nascondersi, assicurando che al contrario lo avrebbe accompagnato in diversi eventi pubblici quel giorno. Ha aggiunto che Villa La Caracola non gli appartiene ma su questo aspetto stanno indagando CIA e i servizi segreti europei, gli spagnoli in particolare.

Domenica 12 maggio, la polizia della Repubblica Dominicana hanno fatto irruzione nella lussuosa proprietà. Anche se la polizia non ha fornito dettagli e ha assicurato che si trattava di un'indagine in corso, non è escluso che ci siano prove della visita di Cilia Flores al sito e del suo link alla villa. La verità è ancora lontana.

 

 

 

Galleria fotografica
La supervilla di Maduro, un mistero - immagine 1
La supervilla di Maduro, un mistero - immagine 2
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino