La supervilla di Maduro, un mistero

| L'avrebbe acquistata per 18 milioni di dollari a Punta Cana, Repubblica Domenicana attraverso un mediatore. La moglie Cilia Flores in fuga nel rifugio dorato dopo gli scontri? Scoop di un giornalista peruviano. Presidente nega

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Villa La Caracola è il nome della villa in stile-boss-narcos che il “compagno” socialista e chavista Nicolás Maduro (nel fotomontaggio del media peruviano Republica) e sua moglie, Cilia Flores, avrebbero acquistato nell'esclusiva destinazione turistica di Punta Cana, nella Repubblica Dominicana. La proprietà, destinata all'esilio di Maduro semmai le cose dovessero mettersi male, si trova di fronte al mare ed è circondata da altre case di lusso che hanno anche le loro spiagge private. Ha anche una vista privilegiata sul campo da golf di Jack Nicklaus.

 La villa era stata messa in vendita dalla società immobiliare dDunamar Real Estate, che offre un broker immobiliare esclusivo a Cap Cana. Anche se le fotografie della villa sono state cancellate dal sito web dell'azienda, sono diventate virali su Internet. Le immagini mostrano camere lussuose, bagni enormi, soggiorni e le viste che offre.

Villa La Caracola


 Villa La Caracola ha nove camere da letto, dieci bagni, soggiorno, sala da pranzo formale, una cucina gourmet, diverse terrazze, una palapa (soggiorno esterno) e una piscina a sfioro. Il prezzo totale di questo è stato di 18 milioni di dollari e si ritiene che il mediatore sia stato Samark Lopez Bello, che è indagato dal sistema giudiziario statunitense per alcune operazioni sospette.

 Nel suo programma Mega TV, il giornalista Jaime Bayly ha detto che Cilia Flores sarebbe fuggita da Caracas il 30 aprile, il giorno dell'Operazione Liberty, pianificata da Juan Guaidó, e avrebbe cercato rifugio nella lussuosa dimora di Villa La Caracola. Inoltre, la giornalista ha sottolineato che la donna si è recata a Punta Cana sul business plane Bombardier Global Express, inviato da Vladimir Putin per salvaguardare il cerchio magico del regime. Inoltre, nella villa ci sono eliporto, ristoranti, chiesa, percorsi ciclabili, palestre, negozi per lo shopping, sorveglianza 24 ore su 24 e terme, tra gli altri. Jaime Bayly sostiene che sia Nicolás Maduro che Celia Flores hanno scelto la Repubblica Dominicana perché hanno acquistato il palazzo con la complicità del governo locale.

 Secondo l'agenzia immobiliare, ognuna delle nove camere ha un bagno, una terrazza privata e uno spogliatoio. Inoltre, ci sono due suite principali con balcone con vista sul mare. La casa ha 3.000 metri quadrati. Qualche giorno fa, durante una trasmissione radiofonica e televisiva, il Presidente Nicolás Maduro ha pubblicamente negato che sua moglie si fosse recata a Punta Cana per nascondersi, assicurando che al contrario lo avrebbe accompagnato in diversi eventi pubblici quel giorno. Ha aggiunto che Villa La Caracola non gli appartiene ma su questo aspetto stanno indagando CIA e i servizi segreti europei, gli spagnoli in particolare.

Domenica 12 maggio, la polizia della Repubblica Dominicana hanno fatto irruzione nella lussuosa proprietà. Anche se la polizia non ha fornito dettagli e ha assicurato che si trattava di un'indagine in corso, non è escluso che ci siano prove della visita di Cilia Flores al sito e del suo link alla villa. La verità è ancora lontana.

 

 

 

Galleria fotografica
La supervilla di Maduro, un mistero - immagine 1
La supervilla di Maduro, un mistero - immagine 2
Sudamerica
Nel folle regno di Maduro un solo dollaro vale 10mila bolivares
Nel folle regno di Maduro un solo dollaro vale 10mila bolivares
Valori assurdi che testimoniano la sofferenza del popolo venezuelano nella morsa soffocante del chavismo. Ma i grillini al governo italiano proteggono il regime
Il presidente messicano: gli USA troppo duri con El Chapo
Il presidente messicano: gli USA troppo duri con El Chapo
In una conferenza stampa in cui ha annunciato la lotta senza quartiere ai cartelli della droga, López Obrador ha definito disumano” il trattamento riservato all’ex signore del narcotraffico
Narcos sequestrano e uccidono
i profughi
Narcos sequestrano e uccidono<br> i profughi
La tragedia di un padre guatemalteco con un bimbo di 10 anni. Rapiti in Messico, i narcos hanno chiesto il riscatto ai loro parenti in USA. Ma hanno ucciso il padre e ferito il bimbo
Maduro licenzia i generali sospettati di tradimenti: azzerati i vertici delle forze armate
Maduro licenzia i generali sospettati di tradimenti: azzerati i vertici delle forze armate
L’Onu accusa Maduro di violenza
L’Onu accusa Maduro di violenza
Finito nelle mani dell’Alto Commissario per i Diritti Umani Michelle Bachelet, nel rapporto si ripercorre l’omicidio del capitano Rafael Acosta, torturato e ucciso come è accaduto a migliaia di altri dissidenti
Ufficiale torturato e ucciso, il regime accusa due agenti-sicari
Ufficiale torturato e ucciso, il regime accusa due agenti-sicari
Orrore a Caracas. Il capitano di corvetta Rafael Acosta Averalo torturato nei sotterranei del DGCIM, il controspionaggio militare. Autopsia ritardata per nascondere le violenze? Una giornalista: "Corpo nascosto"
Tortura e morte nel regime di Maduro
Tortura e morte nel regime di Maduro
Indagine sulla morte del capitano di corvetta Rafael Acosta Arevalo. Fermato dal controspionaggio militare il 22 giugno. La denuncia degli avvocati, il regime apre un'inchiesta. Guaidò: "Colpa della repressione di Maduro"
Arrestato per droga un collaboratore di Bolsonaro
Arrestato per droga un collaboratore di Bolsonaro
Un sergente dell’aviazione brasiliana dello staff presidenziale bloccato in Spagna con un grosso quantitativo di cocaina. L’imbarazzo del presidente
La 'congiura dei pensionati' per uccidere Maduro
La
Il regime di Caracas avrebbe scoperto un complotto di militari e poliziotti fuori servizio che volevano bombardare Maduro e i suoi accoliti e fare un golpe anche contro Guaidò. Ma prove, come al solito, zero
Nazionale colombiano giustiziato dai narcos: 'colpevole' di autogol
Nazionale colombiano giustiziato dai narcos:
Sono passati 25 anni dall'omicidio di Andrès Escobar, 18enne difensore della Nazionale Colombiana. Ai mondiali del '94 fece un autogol durante la partita con gli USA. Fu ucciso da un narcos. Il 2 luglio il giorno della memoria