La supervilla di Maduro, un mistero

| L'avrebbe acquistata per 18 milioni di dollari a Punta Cana, Repubblica Domenicana attraverso un mediatore. La moglie Cilia Flores in fuga nel rifugio dorato dopo gli scontri? Scoop di un giornalista peruviano. Presidente nega

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Villa La Caracola è il nome della villa in stile-boss-narcos che il “compagno” socialista e chavista Nicolás Maduro (nel fotomontaggio del media peruviano Republica) e sua moglie, Cilia Flores, avrebbero acquistato nell'esclusiva destinazione turistica di Punta Cana, nella Repubblica Dominicana. La proprietà, destinata all'esilio di Maduro semmai le cose dovessero mettersi male, si trova di fronte al mare ed è circondata da altre case di lusso che hanno anche le loro spiagge private. Ha anche una vista privilegiata sul campo da golf di Jack Nicklaus.

 La villa era stata messa in vendita dalla società immobiliare dDunamar Real Estate, che offre un broker immobiliare esclusivo a Cap Cana. Anche se le fotografie della villa sono state cancellate dal sito web dell'azienda, sono diventate virali su Internet. Le immagini mostrano camere lussuose, bagni enormi, soggiorni e le viste che offre.

Villa La Caracola


 Villa La Caracola ha nove camere da letto, dieci bagni, soggiorno, sala da pranzo formale, una cucina gourmet, diverse terrazze, una palapa (soggiorno esterno) e una piscina a sfioro. Il prezzo totale di questo è stato di 18 milioni di dollari e si ritiene che il mediatore sia stato Samark Lopez Bello, che è indagato dal sistema giudiziario statunitense per alcune operazioni sospette.

 Nel suo programma Mega TV, il giornalista Jaime Bayly ha detto che Cilia Flores sarebbe fuggita da Caracas il 30 aprile, il giorno dell'Operazione Liberty, pianificata da Juan Guaidó, e avrebbe cercato rifugio nella lussuosa dimora di Villa La Caracola. Inoltre, la giornalista ha sottolineato che la donna si è recata a Punta Cana sul business plane Bombardier Global Express, inviato da Vladimir Putin per salvaguardare il cerchio magico del regime. Inoltre, nella villa ci sono eliporto, ristoranti, chiesa, percorsi ciclabili, palestre, negozi per lo shopping, sorveglianza 24 ore su 24 e terme, tra gli altri. Jaime Bayly sostiene che sia Nicolás Maduro che Celia Flores hanno scelto la Repubblica Dominicana perché hanno acquistato il palazzo con la complicità del governo locale.

 Secondo l'agenzia immobiliare, ognuna delle nove camere ha un bagno, una terrazza privata e uno spogliatoio. Inoltre, ci sono due suite principali con balcone con vista sul mare. La casa ha 3.000 metri quadrati. Qualche giorno fa, durante una trasmissione radiofonica e televisiva, il Presidente Nicolás Maduro ha pubblicamente negato che sua moglie si fosse recata a Punta Cana per nascondersi, assicurando che al contrario lo avrebbe accompagnato in diversi eventi pubblici quel giorno. Ha aggiunto che Villa La Caracola non gli appartiene ma su questo aspetto stanno indagando CIA e i servizi segreti europei, gli spagnoli in particolare.

Domenica 12 maggio, la polizia della Repubblica Dominicana hanno fatto irruzione nella lussuosa proprietà. Anche se la polizia non ha fornito dettagli e ha assicurato che si trattava di un'indagine in corso, non è escluso che ci siano prove della visita di Cilia Flores al sito e del suo link alla villa. La verità è ancora lontana.

 

 

 

Galleria fotografica
La supervilla di Maduro, un mistero - immagine 1
La supervilla di Maduro, un mistero - immagine 2
Sudamerica
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus