"Torni il sorriso sui volti dei venezuelani"

| Intervista del presidente ad interim Juan Guaidò al El Nacional. Il programma e le speranze. Nuovo appello a militari e polizia. L'appoggio M5s a Maduro isola l'Italia da Europa e Usa. Continua la mobilitazione contro il regime

+ Miei preferiti

Maduro ringrazia beffardo Roma per la sua “solidarietà”, tra lo sconcerto e le ironie dei governi alleati.  Il presidente ad interim Juan Guaidò spiega il suo programma al quotidiano EL Nacional (di cui riportiamo ampi stralci) e la speranza è che gli italiani sono li lasciano condizionare dalla propaganda grillina. La schizofrenica politica estera del Movimento5stelle, con l’appoggio del solo Di Maio (la Lega continua per fortuna a dissociarsi dai suoi bizzarri compagni di governo anche sul Venezuela) isola l’Italia dalle grandi d’Europa e dagli Usa che, si ricorda sommessamente, sarebbero il nostro alleato più importante nello scacchiere internazionale. Val solo la pena di ricordare che i democratici e i repubblicani Usa almeno su abbattere Maduro sono d’accordo.  Ma Di Maio e Di Battista, l’aspirante giornalista pagato non si quanto da Travaglio  per i suoi “imperdibili” reportage sul Sudamerica dove dimostra di averci capito assai poco di quanto sta accadendo, accusando tra l’altro Obama di essere un golpista, hanno dato un imprevedibile assist al traballante Maduro, compiacendo così l’ultrasinistra italiana, ancora stregata dalle bandiere rosse. Un disastro. Perché il governo italiano si è schierato con un regime che affama il suo popolo, costretto alla miseria e a un degrado non descrivibile. Altro che Reddito di Cittadinanza. Qui il popolo muore di stenti e il presidente ad interim, Juan Guaidò, ha come primo punto del programma quello di ricostituire un’economia di mercato senza le follie degli economisti di Maduro che hanno trascinato il Paese alla rovina, con un’inflazione a 6 zeri e il potere d’acquisto della moneta nazionale azzerato. Si ha la sottile sensazione che i grillini subiscano un fascino inconfessabile per le macerie lasciate in eredità dai chavisti al loro popolo. Si ha la sensazione che il descamisado Di Battista, (idem il ministro del Lavoro Di Maio che blocca e chiude cantieri già aperti in nome di nefaste ideologie) vogliano, con i loro No allo sviluppo, scivolare velocemente verso orizzonti simili, nel nome delle “decrescita felice”. La comunità italiana di Caracas stretta a sua volta nella morsa della crisi è rimasta sconvolta dall’atteggiamento del governo Conte, con un premier sempre più in ostaggio dei seguaci della Casaleggio Associati, il cui conflitto di interessi con lo Stato italiano è sempre più palese ed evidente.

Guaidò è sostenuto dalla maggior parte della Ue, da Spagna, Francia, Germania e dall’Inghilterra che ha bloccato i conti bancari del regime. Poi da un numero crescente di paesi sudamericani, dalla vicina Colombia. Ieri i sostenitori di Maduro hanno tentato di contrastare, almeno sul piano mediatico, l’onda della protesta guidata dal presidente ad interim ma un conto è organizzare un corteo con un regime repressivo, poliziesco e corrotto alle spalle, un altro scendere in piazza proprio “contro” quello stesso regime autoritario. “Il golpe è fallito”, urla un tracotante Maduro alla folla osannante dei suoi seguaci, costituita dalle poche categorie, alimentate dal clientelismo più sfacciato, che ancora sostengono il folle governo di Caracas. Ma il realtà il sistema  è già crollato, sotto il peso di un’economia devastata. Si tratta solo di gestire con coraggio (già 85 morti, 450 arresti) la repressione della polizia segreta, mentre nell’Esercito si aprono le prime fenditure pro opposizione.

L’INTERVISTA DI JUAN GUAIDO’ AL NACIONAL

Guaidó progetta un governo che promuove la proprietà privata in Venezuela, un diritto inizialmente violato dal defunto presidente Hugo Chávez attraverso espropriazioni, che offre fiducia e capacità giuridica per aumentare gli investimenti e in modo che i venezuelani possano vivere "tranquillamente" del loro stipendio o dell'imprenditorialità. "Oggi tutti apprezzano la proprietà privata e la capacità di produrre”. La cessazione dell'usurpazione diventa il punto di partenza per progetti governativi ad interim, compresa l'apertura del canale umanitario. E' un palcoscenico che stiamo costruendo. È un processo che non è stato sequenziale ma che stiamo già esercitando. Stiamo autorizzando un afflusso di aiuti umanitari e stiamo anche proteggendo i beni del Venezuela", dice senza esitazione.

Per ottenere l'apertura del canale umanitario in Venezuela, Guaidó assicura che deve avere il pieno sostegno delle Forze Armate. L'aiuto sarà destinato a popolazioni in cui la vita dei loro abitanti è in grave pericolo a causa della mancanza di cibo e dell'accesso ai servizi sanitari di base.

"C'è una chiamata importante per le Forze Armate, da che parte stanno per schierarsi? Da un regime che ha rubato tutto il denaro dal Venezuela, che ha macchiato l'onore di un paese o si metteranno dalla parte della madre, della figlia, della moglie, dei fratelli. Ci appelliamo ancora una volta alle Forze Armate per permettere loro di aprire al Venezuela il canale umanitario già approvato dagli Stati Uniti, da tutti i paesi vicini e dall'Unione Europea", assicura. L'istituzione militare in Venezuela è diretta e controllata da Nicolás Maduro. Guaidó ha ripetutamente esortato i militari venezuelani a unirsi alla sua proposta di cambio di governo. Non c'è nessun altro schema nel caso in cui queste agenzie non rispondono alla vostra chiamata. "Il piano B è quello di continuare ad insistere, continuare a invitarli ad unirsi a questa lotta”.

 Il governo provvisorio riconosce l'importanza delle Forze Armate in questo nuovo processo, motivo per cui l'Assemblea Nazionale ha approvato una legge di amnistia, prevista dalla Costituzione, che esonera i militari e i civili dalle accuse mosse negli ultimi 20 anni in cambio della collaborazione al ripristino della democrazia in Venezuela.

Nonostante la sua proposta di amnistia, il rapporto di Guaidó con le forze dell'ordine è stato teso. Il 13 gennaio, l'allora presidente del Parlamento è stato arbitrariamente arrestato da funzionari dei servizi segreti bolivariani (Sebin) sull'autostrada Caracas-La Guaira mentre si recava in un municipio aperto a Vargas. Mezz'ora dopo, è stato rilasciato e si è impegnato a rispettare i suoi impegni. Il 31 gennaio, i funzionari delle Forze di Azione Speciale della Polizia Nazionale Bolivariana hanno circondato la casa di Fabiana Rosales, la moglie di Guaidó, dove si trovava sua figlia, di un anno e otto mesi. In entrambi i casi i capi delle agenzie hanno negato qualsiasi legame con i fatti, che Guaidó descrive come una rottura all'interno della struttura di polizia. Di fronte a queste situazioni di intimidazione, Guaidó dice di essere consapevole del rischio che corre. Tuttavia, non permette alla paura di interferire con le sue azioni.

"Se lasciamo che la paura si impadronisca dei nostri cuori, non otterremo nulla. Comprendiamo i rischi che corriamo, perché ad oggi sono stati uccisi 70 giovani e ci sono più di 300 prigionieri politici. Sappiamo a cosa siamo esposti quando ci opponiamo", ha detto.

Gli obiettivi sono incentrati sul recupero della democrazia e dell'economia del paese. Per questo motivo si è concentrato sulla costruzione di un piano per proteggere i beni della nazione all’estero. La richiesta di protezione patrimoniale del Venezuela è stata accettata dal governo degli Stati Uniti, che ha bloccato i beni del Petróleos de Venezuela nella giurisdizione statunitense. Questi beni saranno liberati quando Nicolás Maduro cederà il potere al presidente ad interim, l'unica persona autorizzata a gestirli.

"Dove troveremo quei soldi per poter investire, ad esempio, nel miglioramento del sistema sanitario venezuelano? Stiamo lavorando su molti scenari ma con un solo scopo, che è il Venezuela, quindi abbiamo chiesto la protezione dei beni venezuelani", spiega.

Guaidó sottolinea che la misura per proteggere i beni del paese all'estero è necessaria, dal momento che le riserve della nazione sono state colpite, a suo avviso, "da un governo corrotto che ha rubato tutto il denaro dai venezuelani. La Banca Centrale del Venezuela ha recentemente deciso di vendere diverse tonnellate d'oro agli Emirati Arabi Uniti in cambio di euro in contanti. Questa azione è una misura disperata di Maduro poiché l'economia del paese è stata colpita dalla corruzione. Questo è un regime che per anni ha saccheggiato e derubato il paese.  Lo stiamo facendo per avere la base economica per poter ricostruire il Venezuela ed è per questo che questa misura (protezione dei beni) è molto importante perché i responsabili della crisi puntano direttamente a Miraflores, i responsabili della tragedia e della crisi stanno usurpando quel palazzo che deve essere aperto ai cittadini. E 'una chiara dimostrazione che hanno rotto il paese", dice.

Guaidó sottolinea il valore delle riserve della nazione perché sono il sostentamento dei venezuelani e parte dell'identità nazionale, che implica anche valore sentimentale. "Chiedo alla famiglia venezuelana: 'quando si sono venduti i pezzi d'oro, l'anello della nonna, la croce del nonno? Quando c'è stata una gravissima emergenza, giusto? Perché sono pezzi che non solo hanno un valore economico ma anche sentimentale", ne è un esempio.

Guaidó ha attualmente un sostegno popolare che si è concretizzato nella massiccia partecipazione dei cittadini alle manifestazioni indette dal suo governo provvisorio. Tuttavia, è difficile quantificare quanto tempo la popolazione può attendere il cambio di governo in Venezuela e quanto tempo la speranza che il Guaireño ha generato durante il primo mese del 2019 può essere mantenuta viva.

"Capisco la disperazione, ma il modo per curarci di tutto ciò che è credere in noi stessi come cittadini responsabili, in modo da poter contribuire al cambiamento in Venezuela. Ciò che deve essere compreso è che Juan Guaidó ha assunto parte del percorso, ma ciò che non può mai morire è la speranza", dice.

Guaidó rimane ottimista, un valore che ha dovuto imparare dopo aver perso molto di quello che sapeva nella tragedia di Vargas nel 1999, quando era solo un adolescente. "Abbiamo la forza e l'attenzione per andare avanti, così come l'ottimismo di un Guaireño e venezuelano, che ci ha toccato per vivere in questo andare e venire di sacrifici e tristezza, ma questo è un bel paese con un potenziale", dice con un sorriso.

Nonostante sia il volto del cambiamento politico in Venezuela, mette in evidenza il lavoro congiunto di ogni fattore dell'opposizione per dirigere il percorso verso il governo di transizione. "Oggi siamo molto rafforzati come opposizione, come mai prima d'ora. Dobbiamo mantenere una costruzione quotidiana di unità non solo dei partiti politici, ma di tutti i fattori. Perché parlo di costruzione quotidiana? Perché questa è democrazia, abbiamo dato la democrazia per scontata a un certo punto in Venezuela e l'abbiamo persa",

Guaidó desidera che la normalità torni in Venezuela, dove le paure non esistevano e i sogni si realizzavano. "Voglio un paese dove la normalità e un sorriso di nuovo sui nostri volti, quel sorriso che ci dà la pace di un abbraccio familiare, la tranquillità di sviluppare nel nostro paese e di essere riconosciuto per questo, sapendo che c'è la capacità di investire, sapendo che se ho un figlio in questo paese posso vederlo crescere e raggiungere i suoi obiettivi senza che un proiettile che lo attraversa. La forza e la calma che dimostra di fronte a migliaia di persone supera i rischi che sa di assumersi in questo nuovo processo politico”. Tuttavia, è motivato a lavorare ogni giorno per restituire ad ogni venezuelano l'abbraccio familiare che si è perso a causa dell'insicurezza o dell'esodo di compatrioti che hanno lasciato i loro confini in cerca di una vita migliore.

"Costruiremo un paese in cui torneranno i compatrioti che se ne sono andati, non solo perché ne abbiamo bisogno e perché ci mancano, ma perché avremo migliaia di opportunità da offrire loro”.

Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino