Tortura e morte nel regime di Maduro

| Indagine sulla morte del capitano di corvetta Rafael Acosta Arevalo. Fermato dal controspionaggio militare il 22 giugno. La denuncia degli avvocati, il regime apre un'inchiesta. Guaidò: "Colpa della repressione di Maduro"

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

Il suo popolo muore di fame, negli ospedali bambini, uomini, donne, anziani, malati di cancro, di diabete, muoiono perché mancano farmaci, per i black out, per la miseria, il suo Paese è allo sbando ma il presidente Nicolas Maduro annuncia che vuole lanciare un satellite nello spazio, con l’aiuto della Cina, mentre  continua a vendere, aggirando le sanzioni, l’oro della riserva nazionale, l’oro del suo popolo, attraverso canali clendestini. E adesso anche l’ombra di una serie di delitti durante una cinica e strisciante repressione che punta a disarticolare l’opposizione. Il difensore dei diritti umani Tamara Suju ha annunciato che il capitano di corvetta della Marina Militare Rafael Acosta Arévalo è morto nelle prime ore del sabato dopo essere stato torturato da funzionari della Direzione generale del controspionaggio militare (Dgcim). Attraverso il suo social network Twitter, Suju ha denunciato che "DGCIM uccide il tenente comandante Rafael Acosta Arévalo al punto di tortura. Arrestato il 26 giugno. Ieri è arrivato in tribunale su una sedia a rotelle, mostrando seri segni di tortura. Non ha parlato, ma ha solo chiesto aiuto al suo avvocato. Non capiva e non sentiva più le parole dei giudici del regime. Acosta Arévalo era stato arrestato il 26 giugno. Inoltre, il direttore esecutivo di Casla Institute ha dichiarato che il capitano non poteva stare in piedi o muoversi, il giudice ha ordinato che egli sia trasferito in un ospedale militare ed  morì alle 1:00 di questo sabato. Anche il consigliere Francisco Alban è morto “suicida” tempo fa in una caserma della Sebin, la polizia segreta di un presidente e di una cricca che ha le mani sporche di sangue. Suju ha spiegato che Arévalo ha annuito alla domanda del giudice se fosse stato torturato dagli sgherri del Dgcim dopo, anche se non poteva parlare. "Ha detto solo aiuto. La sua condizione era già critica" e ha anche aggiunto che porterà personalmente il caso davanti alla Corte penale internazionale.

"Ritengo Nicolás Maduro, Iván Hernández Dala e tutta la loro struttura repressiva responsabili dell'assassinio con la tortura del capitano", ha sottolineato. Il 22 giugno, sua moglie, Waleska Pérez, aveva denunciato la scomparsa di Acosta Arévalo, con cui aveva parlato per l'ultima volta alle 14:00 del giorno prima, mentre era in un "incontro personale" a Guatire, nello stato di Miranda.  Pérez ha notato che una commissione composta da funzionari dei servizi segreti nazionali bolivariani e del Dgcim lo aveva portato via verso le 16:30 di quel venerdì 21 giugno, giorno in cui l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha lasciato il paese dopo la sua visita.

Juan Guaidó, presidente ad interim del Venezuela, ha assicurato venerdì sera che ci sarà giustizia per la morte di Rafael Acosta Arévalo, capitano di corvetta della Forza Armata Nazionale. "E' la giustizia che dovrebbe determinare questo e non la dittatura. Cercheranno sicuramente di mostrare come hanno cercato di farlo con Fernando Albán che è caduto, che ha inciampato, no. Cercheranno di fargli vedere come hanno cercato di farlo con Fernando Albán che è caduto, che ha inciampato, no. Hanno ucciso il tenente comandante proprio come hanno ucciso Fernando Albán, proprio come hanno ucciso Oscar Pérez", ha detto Guaidó attraverso i social network. Perez era un facciale di polizia “giustiziato” durante un blitz della polizia di Maduro.

Nicolás Maduro ha finto di ordinare a Tarek William Saab, il ministro della “giustizia”  di indagare sulla morte dell'ufficiale, detenuto nel quartier generale del Dgcim dal 21 giugno. Guaidò invita Lal mobilitazione per il 5 luglio; ”Scegliere la strada della dittatura è la via del costume e della morte. Al contrario, la vita e la rivendicazione di chiari valori in Venezuela è la chiamata in questo momento cruciale", ha concluso il presidente ad interim del Venezuela.

Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino