Uccisero Mariele, fu un delitto politico

| L'attivista brasiliana del Psol fu uccisa, secondi i giudici, da due mercenari per il suo impegno politico. Morì nell'agguato anche il suo autista. Il Psol chiede altre indagini. Assassinata da proiettili in dotazione alle forze dell'ordine

+ Miei preferiti

Mariele Franco, attivista e consigliera municipale di Rio de Janeiro, sarebbe stata uccisa da due miliziani paramilitari. In cella sono finiti due ex poliziotti Ronnie Lessa e Elcio Vieira de Queiroz, con Marielle Franco morì anche  suo autista Anderson Gomes nell’agguato nel centro di Rio de Janeiro.

La famiglia della consigliera, la vedova, ong come Amnesty International e i vertici del partito Psol nel quale militava, oggi commentano unanimi: “Non basta Chi ha ucciso Marielle non è stato solo chi ha premuto il grilletto, ma chi ha pianificato la sua morte, chi l’ha desiderata e chi politicamente voleva Marielle morta”, ha dichiarato il deputato del Psol Marcelo. I magistrati  Simone Sibilio e Leticia Emile, precisano quanto sia hanno voluto sottolineare che Franco e Da Silva sono stati “ vittima di un’esecuzione sommaria a causa dell’impegno politico nella difesa delle cause che Franco difendeva”.

L'autopsia aveva  rivelato un dettaglio importante e inquietante: i proiettili usati per uccidere l'attivista del Psol sono dello stesso tipo di quelli utilizzati dagli squadroni della morte, forze irregolari ma legate in qualche modo a formazioni di polizia specializzate nella guerra al crimine radicato nelle favelas. Morì anche l’autista della vettura su cui viaggiava e fu ferito un assistente. L’ex presidente Michel Temer definì l’agguato “un attacco alla democrazia e allo stato di diritto”. Franco era nata e cresciuta nelle favelas di Mare, in una delle zone più violente della megalopoli brasiliana. Era componente del Partito socialismo e libertà (PSOL), una formazione di sinistra, con la quale nel 2016 ha ottenuto una sorprendente elezione al consiglio cittadino di Rio. Solo il giorno prima dell’esecuzione, Franco aveva accusato la polizia dell’ultima uccisione di un giovane in una favela. “Matheus Melo sta andando via da una chiesa, quando è stato ucciso. Quante altre persone dovranno morire prima che questa guerra abbia fine?” aveva chiesto. Aveva anche accusato la polizia di gestire un “battaglione della morte”, responsabile di numerosi delitti.

Sudamerica
Modello Siria: truppe russe in Venezuela
Modello Siria: truppe russe in Venezuela
L'ambasciatore di Putin: "Addestriamo i militari a fronteggiare le minacce Usa e a potenziare le armi". I primi cento soldati russi a marzo, altri ne arriveranno. Trump: "Lasciate il Paese". Rivolta in carcere: 29 morti
"I cartelli dei narcos con Maduro"
"I cartelli dei narcos con Maduro"
Duro attacco del senatore rep USA Rubio contro Cabello, braccio destro di Maduro, accusato dalla Dea di narcotraffico: "Riforniscono Caracas di benzina, il resto del Paese condannato alla paralisi"
Salario minimo 18mila bolivares, chilo di prosciutto 16mila
Salario minimo 18mila bolivares, chilo di prosciutto 16mila
Le ridicole misure di Maduro, il salario minimo aumentato durante i giorni della rivolta, subito rottamato dall'inflazione, ora al 153mila per cento. Dopo un mese di lavoro puoi comprare un antibiotico. Le tabelle della vergogna
Si dimette l'ambasciatore del Venezuela
Si dimette l
"Costretto a lasciare dalle sanzioni Usa e italiane, ma resto fedele al caviamo e a Maduro". Silenzio glaciale da Caracas, rientrerà in patria o resta in Italia?
Il mariachi rifiuta il trapianto
Il mariachi rifiuta il trapianto
Temendo che il fegato potesse essere di un drogato o un gay, “Chente” Gómez ha rifiutato il trapianto negli Stati Uniti. Polemiche e accuse di omofobia
Maduro vende l'oro del suo popolo
Maduro vende l
Il regime aggira le sanzioni e vende a Turchia ed Emirati Arabi oro per 570 milioni di dollari che finiranno inceneriti, come gli altri, sull'altare della più spaventosa crisi economica di tutti i tempi. Risorse sottratte alla comunità
Guaidò libera l'ex 007 dai domiciliari
Guaidò libera l
L'ex dirigente dell'Intelligence Ivan Simonovis è stato liberato dai domiciliari su ordine di Guaidò poco prima di essere arrestato, ma ora gli sgherri di Maduro hanno occupato la sua casa. E' in un rifugio sicuro
DESAPARECIDO
Gli sgherri di Maduro avrebbero fermato ex dirigente dei Servizi Segreti
DESAPARECIDO<br>Gli sgherri di Maduro avrebbero fermato ex dirigente dei Servizi Segreti
La moglie di Ivan Simonovis, storico oppositore del regime, denuncia con un tweet la sua scomparsa. Arrestato nel 2009, detenuto 5 anni in carcere, era stato rilasciato per le sue condizioni di salute. Sebin invade la casa
La supervilla di Maduro, un mistero
La supervilla di Maduro, un mistero
L'avrebbe acquistata per 18 milioni di dollari a Punta Cana, Repubblica Domenicana attraverso un mediatore. La moglie Cilia Flores in fuga nel rifugio dorato dopo gli scontri? Scoop di un giornalista peruviano. Presidente nega
La flotta sottomarina dei narcos
La flotta sottomarina dei narcos
Sempre di più, i cartelli sudamericani della droga utilizzano piccoli mezzi subacquei realizzati in cantieri clandestini. Ma le loro capacità tecnologiche si stanno affinando sempre di più