USA: estradato il tesoriere di El Chapo

| Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga

+ Miei preferiti
È stato per decenni “El señor de los túneles”, il signore dei tunnel: una specialità che insieme al ruolo di “tesoriere”, aveva reso Jose Sanchez Villalobos uno degli uomini più fidati di El Chapo, l’ex signore assoluto del cartello di Sinaloa che sta scontando l’ergastolo nelle carceri americane.

Come per il suo “boss”, anche Villalobos ha combattuto per anni per evitare l’estradizione, dopo essere stato catturato dalla polizia messicana nel 2012 nello stato di Jalisco, inseguito da un mandato di cattura internazionale emesso dagli Stati Uniti, che da tempo sognavano di processarlo per associazione a delinquere, spaccio internazionale di sostanze stupefacenti e crimini contro la salute pubblica. Nelle scorse ore, il signore dei tunnel è stato consegnato alle autorità americane all’aeroporto di Toluca: lo aspettano un tribunale californiano e una cella, probabilmente per il resto dei suoi giorni.

Nella sua carriera, Villolobos ha realizzato una fittissima rete di gallerie attraverso cui per diversi anni sono passati carichi di droga diretti negli Stati Uniti: mentre la polizia di frontiera americana pattugliava scrupolosamente lungo la linea di confine, gli uomini di El Chapo passavano qualche metro al di sotto dei loro stivali. Secondo i risultati delle indagini, era lui la mente dietro ai due narco-tunnel costruiti a Tijuana, la città di confine nel nord del Messico. Entrambi erano dotati di un impianto elettrico e la polizia li avrebbe individuati soltanto parecchi anni dopo, aiutata dal segnalatori GPS che qualche agente infiltrato era riuscito a nascondere nei carichi di droga.

Tutto il potere del cartello di Sinaloa, dopo la cattura di El Chapo Guzman e quella di Villalobos, è sempre più nelle mani dell’ex socio, Ismael “El Mayo” Zambada, che gestisce l’attività insieme ai figli del boss condannato all’ergastolo, Ivan Archivaldo e Jesus Alfredo, meglio conosciuto come “Los Chapitos”. Anche i loro nomi sono nei radar delle forze dell’ordine statunitensi: Jesus è nella lista dei latitanti più ricercati dalla DEA, e sia lui che Ivan sono accusati di traffico di droga negli Stati Uniti.

Sudamerica
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare