USA: estradato il tesoriere di El Chapo

| Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga

+ Miei preferiti
È stato per decenni “El señor de los túneles”, il signore dei tunnel: una specialità che insieme al ruolo di “tesoriere”, aveva reso Jose Sanchez Villalobos uno degli uomini più fidati di El Chapo, l’ex signore assoluto del cartello di Sinaloa che sta scontando l’ergastolo nelle carceri americane.

Come per il suo “boss”, anche Villalobos ha combattuto per anni per evitare l’estradizione, dopo essere stato catturato dalla polizia messicana nel 2012 nello stato di Jalisco, inseguito da un mandato di cattura internazionale emesso dagli Stati Uniti, che da tempo sognavano di processarlo per associazione a delinquere, spaccio internazionale di sostanze stupefacenti e crimini contro la salute pubblica. Nelle scorse ore, il signore dei tunnel è stato consegnato alle autorità americane all’aeroporto di Toluca: lo aspettano un tribunale californiano e una cella, probabilmente per il resto dei suoi giorni.

Nella sua carriera, Villolobos ha realizzato una fittissima rete di gallerie attraverso cui per diversi anni sono passati carichi di droga diretti negli Stati Uniti: mentre la polizia di frontiera americana pattugliava scrupolosamente lungo la linea di confine, gli uomini di El Chapo passavano qualche metro al di sotto dei loro stivali. Secondo i risultati delle indagini, era lui la mente dietro ai due narco-tunnel costruiti a Tijuana, la città di confine nel nord del Messico. Entrambi erano dotati di un impianto elettrico e la polizia li avrebbe individuati soltanto parecchi anni dopo, aiutata dal segnalatori GPS che qualche agente infiltrato era riuscito a nascondere nei carichi di droga.

Tutto il potere del cartello di Sinaloa, dopo la cattura di El Chapo Guzman e quella di Villalobos, è sempre più nelle mani dell’ex socio, Ismael “El Mayo” Zambada, che gestisce l’attività insieme ai figli del boss condannato all’ergastolo, Ivan Archivaldo e Jesus Alfredo, meglio conosciuto come “Los Chapitos”. Anche i loro nomi sono nei radar delle forze dell’ordine statunitensi: Jesus è nella lista dei latitanti più ricercati dalla DEA, e sia lui che Ivan sono accusati di traffico di droga negli Stati Uniti.

Sudamerica
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne