Venezuela, i dettagli del piano segreto

| Un quotidiano americano svela i contorni di un progetto architettato con gli americani per cacciare Maduro senza spargimenti di sangue. Ma il presidente avrebbe scoperto tutto: ora si temono vendette e regolamenti di conti

+ Miei preferiti
Il golpe sventato, o forse solo rimandato, non riporta la tranquillità in Venezuela, dove gli scontri si susseguono e il bilancio delle vittime sale a cinque morti, fra cui un ragazzino di appena 14 anni, colpito da un proiettile vagante. È il “Wall Street Journal” a rivelare i dettagli di un piano segreto per rovesciare il regime di Maduro. A ordirlo sarebbero stati almeno tre fra i suoi uomini più fidati – fra cui si dice il ministro della difesa Vladimir Padrino, il presidente della corte suprema Maikel Moreno e il capo dell’intelligence militare Rafael Hernandez Dala - che dopo mesi di trattative sottobanco avrebbero trovato un accordo per spodestare Maduro, garantendogli un’uscita di scena indolore e senza spargimenti di sangue: l’ipotesi era di prendere il controllo della base aerea di La Carlota e prevedeva la rassicurazione al presidente un’uscita di scena e la libera possibilità di trovare rifugio a Cuba. Un piano architettato per mesi con alcuni funzionari americani della NSC, organismo guidato da John Bolton, sventato all’ultimo istante dallo stesso Maduro grazie alla liberazione di Leopoldo López, leader dell’opposizione condannato a 14 anni di reclusione per essere stato giudicato responsabile delle proteste di massa del 2014, liberato dagli arresti domiciliari il giorno del tentativo di rivolta. La scoperta del piano avrebbe spinto Guaidó all’impennata, chiedendo la discesa del popolo in piazza.

Si teme l’inizio della “purga di stato”, con regolamenti di conti e vendette a cui dovrebbe sfuggire proprio Leopoldo López, che giorni fa ha trovato rifugio insieme alla moglie e la figlia presso l’ambasciata spagnola di Caracas: sul suo nome è stato emesso un nuovo mandato di cattura a cui il leader dell’opposizione ha risposto affermando di non temere il carcere e tantomeno Maduro. Dal canto suo, il governo spagnolo ha dichiarato di non “avere alcuna intenzione di estradarlo e si augura che le autorità venezuelane rispettino l’inviolabilità della residenza dell’ambasciatore spagnolo”. Anche se ha aggiunto che non “permetterà che l’ambasciata si trasformi in un centro di attivismo politico”.

I dubbi che aleggiano sulla situazione di stallo sono tanti, e iniziano a farsi strada fra gli analisti internazionali: qualcuno non riesce a spiegarsi per quale motivo Maduro non abbia in alcun modo tentato di arrestare Juan Guaidó. Tutto questo mentre lo scacchiere della politica internazionale continua a spostare l’attenzione da un popolo ridotto allo stremo all’eterno braccio di ferro fra America e Russia, ovvero fra Trump e Putin. I due presidenti, ha svelato l’inquilino della Casa Bianca, si sarebbero sentiti al telefono, anticipando l’incontro della prossima settimana in Finlandia fra il segretario di stato americano Mike Pompeo e il suo omologo russo Sergej Lavrov. Secondo Trump, Putin non avrebbe alcuna intenzione “di essere coinvolto nella crisi venezuelana”, ma suonano quasi come una smentita le parole di Lavrov, che ha ribadito la posizione di Mosca: “L’ingerenza di Washington è una flagrante violazione del diritto internazionale”.

Sudamerica
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole