Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia

| Inflazione spaventosa, il regime stampa fogli di carta senza valore mentre i consumi di carne e latte scendono ai minimi storici. L'unica attività in progresso è la repressione: arrestato generale ed ex ministro

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Le nuove banconote rispecchiano il fallimento economico di Maduro, dicono in coro gli economisti Ee gli oppositori del regime di Maduro. Il Bolivar "non è più forte o sovrano", commenta il presidente ad interim Juan Guaidó, e l'economista Jesus Casique ha avvertito che dalla riconversione dell'agosto 2018 all'aprile 2019, l'inflazione cumulativa è del 37.622,2%. La Banca Centrale del Venezuela ha annunciato l'immissione di 3 nuove banconote al cono monetario a partire da questo giovedì 13 giugno, "per rendere il sistema di pagamento più efficiente e facilitare le transazioni commerciali. I pezzi saranno 10.000 bolívares, 20.000 bolívares e 50.000 bolívares.

La misura ha suscitato critiche e pesanti ironie nei settori politico ed economico, che vedono in essa il riflesso del fallimento economico del regime e un indicatore di iperinflazione fuori-controllo di fronte al paese. Il presidente ad interim Juan Guaidó ha dichiarato sul suo account Twitter: "Il regime non è in grado di controllare la moneta a corso legale: il peso colombiano viene utilizzato al confine, il dollaro o l'euro nella regione centrale, e l'oro nel sud. Il dittatore ha dimostrato di non governare e mostra il suo totale distacco dalla realtà”. 

Julio Borges, di Primero Justicia, ha sottolineato che il cono monetario non esiste da un anno "e il regime è costretto dall'iperinflazione ad emettere nuove banconote. Il fallimento economico di Maduro e dei cubani fa sì che l'indice dei venezuelani che entrano nella miseria aumenti quotidianamente, una realtà che cambieremo presto.  Il nuovo cono monetario non ha ancora festeggiato un anno di vita e il regime è costretto dall'iperinflazione ad emettere nuove banconote. Il fallimento economico di Maduro e dei cubani fa sì che il numero dei venezuelani in miseria aumenti quotidianamente, una realtà che cambieremo presto”.

CARNE ELATTE, CONSUMI CROLLATI

E intanto l'Istituto venezuelano per l’alimentaziione, che monitora i consumi di carne elatte, ha denunciato che finora quest'anno il consumo di proteine della carne per abitante in Venezuela è sceso a 2,7 chili. Si tratta del più basso indicatore di domanda in America Latina e di un drastico calo rispetto alla media del 2018, che era di 4,1 chili a persona. Rappresenta una contrazione della domanda del 34,1%, secondo il portale bancario e commerciale. Il presidente di Invelecar, Carlos Albornoz, ha fatto il confronto con un mercato molto più piccolo, come l'Uruguay, dove la media pro capite è di 55 chili. Anche il consumo di latte è inferiore ai requisiti stabiliti dall'Agenzia delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura. I venezuelani consumano solo 47 litri di questo prodotto all'anno, che rappresenta un calo del 20%. In confronto, ogni uruguaiano consuma 230 litri.

REPRESSIONE

Dopo il disastro economico, avanza ala repressione contro gli oppositori. Se il regime non ha il coraggio di arrestare il presidente ad interim Juan guardò, si accanisce con il suo staff e i suoi sostenitori.  Funzionari dei servizi segreti nazionali bolivariani hanno trasferito il generale Raúl Isaias Baduel, storico oppositore prima di Chavez e poi di Maduro, in un carcere di massima sicurezza a Fuerte Tiuna venerdì scorso, Adolfo Baduel, figlio del prigioniero politico, ha riferito su Twitter.  Baduel, ministro della difesa tra il 2006 e il 2007, è stato arrestato il 3 aprile 2009 e condannato nel 2010 per presunto furto di denaro della FANB e abuso di potere. Dopo sei anni e otto mesi nel carcere militare di Ramo Verde, nel 2015 gli era stato concesso il rilascio condizionale con restrizioni all'uscita dallo stato di Aragua, il divieto di dichiarare i media e un regime di presentazione. Tuttavia, il 12 gennaio 2017 è stato revocato. Il 3 marzo 2017, il generale in pensione ha finito di scontare la pena e doveva essere rilasciato, ma il giorno prima è stato accusato di tradimento e istigazione alla ribellione, per la quale è ancora in carcere. Ora si trova nella sede centrale di Sebin in Plaza Venezuela, a Caracas.

 
Sudamerica
Ordine di cattura per Evo Morales
Ordine di cattura per Evo Morales
Il presidente boliviano, in carica da 13 anni, costretto alle dimissioni da pressioni interne e internazionali. L’annuncio che la polizia lo cerca per arrestarlo
Messico: strage di Mormoni
Messico: strage di Mormoni
Tre donne e sei bambini crivellati di colpi e bruciati all’interno delle auto su cui viaggiavano al confine con gli Stati Uniti: erano diretti ad un matrimonio
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili
Durante la campagna elettorale, Jorge Luis Escandón Hernández aveva promesso nuove strade e investimenti, ma una volta eletto non ha fatto nulla. La folla lo ha prelevato dal suo ufficio, legato ad un pick up e trascinato per le strade
El Mencho, il nuovo signore della droga messicana
El Mencho, il nuovo signore della droga messicana
Dieci milioni di dollari di taglia a chi permetterà di catturare l’erede naturale di El Chapo. Un ex poliziotto che ha creato un impero con diramazioni in tutto il mondo
Messico, 2 morti sulle montagne russe
Messico, 2 morti sulle montagne russe
Un vagone della popolare Quimera è deragliato: l’attrazione del più noto parco di divertimenti di Città del Messico è stata messa sotto sequestro in attesa dei rilievi tecnici
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa
Sono stati sequestrati cinque anni fa dalla polizia che voleva fermare tre autobus diretti a Città del Messico. Di loro non si sa più nulla, e le commissioni governative sono accusate di indagini lente e malfatte
Bimba uccisa dalla polizia, esplode la protesta a Rio
Bimba uccisa dalla polizia, esplode la protesta a Rio
La piccola, 8 anni, è stata colpita da un proiettile esploso dalla polizia: centinaia di persone in piazza per protestare contro i provvedimenti sulla sicurezza voluti da governatore
Le vedove nere dei cartelli messicani
Le vedove nere dei cartelli messicani
Come il celebre ragno predatore sono belle, spietate, crudeli e assetate di sangue. C’è una nuova generazione di donne giovani che spinte dalla povertà, guidano organizzazioni criminali con polso fermo, in un mix di sesso, sangue e violenza
Muore la Kardashian di Sinaloa
Muore la Kardashian di Sinaloa
Claudia Ochoa Felix, 34enne messicana, era considerata una delle più spietate e potenti boss del narcotraffico messicano. È stata tradita da un’overdose fatale
Brasile, 4 stupri ogni ora
Brasile, 4 stupri ogni ora
Sono i drammatici risultati di un rapporto pubblicato da un’organizzazione non governativa. Preoccupa la posizione di Bolsonaro, presidente dalle posizioni misogine