Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia

| Inflazione spaventosa, il regime stampa fogli di carta senza valore mentre i consumi di carne e latte scendono ai minimi storici. L'unica attività in progresso è la repressione: arrestato generale ed ex ministro

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Le nuove banconote rispecchiano il fallimento economico di Maduro, dicono in coro gli economisti Ee gli oppositori del regime di Maduro. Il Bolivar "non è più forte o sovrano", commenta il presidente ad interim Juan Guaidó, e l'economista Jesus Casique ha avvertito che dalla riconversione dell'agosto 2018 all'aprile 2019, l'inflazione cumulativa è del 37.622,2%. La Banca Centrale del Venezuela ha annunciato l'immissione di 3 nuove banconote al cono monetario a partire da questo giovedì 13 giugno, "per rendere il sistema di pagamento più efficiente e facilitare le transazioni commerciali. I pezzi saranno 10.000 bolívares, 20.000 bolívares e 50.000 bolívares.

La misura ha suscitato critiche e pesanti ironie nei settori politico ed economico, che vedono in essa il riflesso del fallimento economico del regime e un indicatore di iperinflazione fuori-controllo di fronte al paese. Il presidente ad interim Juan Guaidó ha dichiarato sul suo account Twitter: "Il regime non è in grado di controllare la moneta a corso legale: il peso colombiano viene utilizzato al confine, il dollaro o l'euro nella regione centrale, e l'oro nel sud. Il dittatore ha dimostrato di non governare e mostra il suo totale distacco dalla realtà”. 

Julio Borges, di Primero Justicia, ha sottolineato che il cono monetario non esiste da un anno "e il regime è costretto dall'iperinflazione ad emettere nuove banconote. Il fallimento economico di Maduro e dei cubani fa sì che l'indice dei venezuelani che entrano nella miseria aumenti quotidianamente, una realtà che cambieremo presto.  Il nuovo cono monetario non ha ancora festeggiato un anno di vita e il regime è costretto dall'iperinflazione ad emettere nuove banconote. Il fallimento economico di Maduro e dei cubani fa sì che il numero dei venezuelani in miseria aumenti quotidianamente, una realtà che cambieremo presto”.

CARNE ELATTE, CONSUMI CROLLATI

E intanto l'Istituto venezuelano per l’alimentaziione, che monitora i consumi di carne elatte, ha denunciato che finora quest'anno il consumo di proteine della carne per abitante in Venezuela è sceso a 2,7 chili. Si tratta del più basso indicatore di domanda in America Latina e di un drastico calo rispetto alla media del 2018, che era di 4,1 chili a persona. Rappresenta una contrazione della domanda del 34,1%, secondo il portale bancario e commerciale. Il presidente di Invelecar, Carlos Albornoz, ha fatto il confronto con un mercato molto più piccolo, come l'Uruguay, dove la media pro capite è di 55 chili. Anche il consumo di latte è inferiore ai requisiti stabiliti dall'Agenzia delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura. I venezuelani consumano solo 47 litri di questo prodotto all'anno, che rappresenta un calo del 20%. In confronto, ogni uruguaiano consuma 230 litri.

REPRESSIONE

Dopo il disastro economico, avanza ala repressione contro gli oppositori. Se il regime non ha il coraggio di arrestare il presidente ad interim Juan guardò, si accanisce con il suo staff e i suoi sostenitori.  Funzionari dei servizi segreti nazionali bolivariani hanno trasferito il generale Raúl Isaias Baduel, storico oppositore prima di Chavez e poi di Maduro, in un carcere di massima sicurezza a Fuerte Tiuna venerdì scorso, Adolfo Baduel, figlio del prigioniero politico, ha riferito su Twitter.  Baduel, ministro della difesa tra il 2006 e il 2007, è stato arrestato il 3 aprile 2009 e condannato nel 2010 per presunto furto di denaro della FANB e abuso di potere. Dopo sei anni e otto mesi nel carcere militare di Ramo Verde, nel 2015 gli era stato concesso il rilascio condizionale con restrizioni all'uscita dallo stato di Aragua, il divieto di dichiarare i media e un regime di presentazione. Tuttavia, il 12 gennaio 2017 è stato revocato. Il 3 marzo 2017, il generale in pensione ha finito di scontare la pena e doveva essere rilasciato, ma il giorno prima è stato accusato di tradimento e istigazione alla ribellione, per la quale è ancora in carcere. Ora si trova nella sede centrale di Sebin in Plaza Venezuela, a Caracas.

 
Sudamerica
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga
Il lato debole di Hulk
Il lato debole di Hulk
Le vicende amorose del campione brasiliano tengono banco nei gossip di tutto il mondo: ha mollato la compagna per fidanzarsi con la nipote di lei, molto più giovane
Argentina, suicida un prete pedofilo
Argentina, suicida un prete pedofilo
Per padre Eduardo Lorenzo stavano per aprirsi le porte della galera, e lui ha scelto di farla finita. Diversi suoi ex allievi lo accusavano di violenza carnale
Argentina, condannati due preti pedofili
Argentina, condannati due preti pedofili
Il sacerdote italiano Nicola Corradi e l’argentino Horacio Corbacho condannati a oltre 40 di galera per aver abusato di bambini audiolesi all’interno di un istituto con sede a Verona. Condannato anche il giardiniere dell’istituto
Il mistero della morte de “La Mimo”
Il mistero della morte de “La Mimo”
Secondo l’autopsia, Daniela Carrasco, 36 anni, artista di strada simbolo delle proteste cilene, sarebbe morta suicida. Ma il paese è convinto sia stato un omicidio di stato