Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia

| Inflazione spaventosa, il regime stampa fogli di carta senza valore mentre i consumi di carne e latte scendono ai minimi storici. L'unica attività in progresso è la repressione: arrestato generale ed ex ministro

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Le nuove banconote rispecchiano il fallimento economico di Maduro, dicono in coro gli economisti Ee gli oppositori del regime di Maduro. Il Bolivar "non è più forte o sovrano", commenta il presidente ad interim Juan Guaidó, e l'economista Jesus Casique ha avvertito che dalla riconversione dell'agosto 2018 all'aprile 2019, l'inflazione cumulativa è del 37.622,2%. La Banca Centrale del Venezuela ha annunciato l'immissione di 3 nuove banconote al cono monetario a partire da questo giovedì 13 giugno, "per rendere il sistema di pagamento più efficiente e facilitare le transazioni commerciali. I pezzi saranno 10.000 bolívares, 20.000 bolívares e 50.000 bolívares.

La misura ha suscitato critiche e pesanti ironie nei settori politico ed economico, che vedono in essa il riflesso del fallimento economico del regime e un indicatore di iperinflazione fuori-controllo di fronte al paese. Il presidente ad interim Juan Guaidó ha dichiarato sul suo account Twitter: "Il regime non è in grado di controllare la moneta a corso legale: il peso colombiano viene utilizzato al confine, il dollaro o l'euro nella regione centrale, e l'oro nel sud. Il dittatore ha dimostrato di non governare e mostra il suo totale distacco dalla realtà”. 

Julio Borges, di Primero Justicia, ha sottolineato che il cono monetario non esiste da un anno "e il regime è costretto dall'iperinflazione ad emettere nuove banconote. Il fallimento economico di Maduro e dei cubani fa sì che l'indice dei venezuelani che entrano nella miseria aumenti quotidianamente, una realtà che cambieremo presto.  Il nuovo cono monetario non ha ancora festeggiato un anno di vita e il regime è costretto dall'iperinflazione ad emettere nuove banconote. Il fallimento economico di Maduro e dei cubani fa sì che il numero dei venezuelani in miseria aumenti quotidianamente, una realtà che cambieremo presto”.

CARNE ELATTE, CONSUMI CROLLATI

E intanto l'Istituto venezuelano per l’alimentaziione, che monitora i consumi di carne elatte, ha denunciato che finora quest'anno il consumo di proteine della carne per abitante in Venezuela è sceso a 2,7 chili. Si tratta del più basso indicatore di domanda in America Latina e di un drastico calo rispetto alla media del 2018, che era di 4,1 chili a persona. Rappresenta una contrazione della domanda del 34,1%, secondo il portale bancario e commerciale. Il presidente di Invelecar, Carlos Albornoz, ha fatto il confronto con un mercato molto più piccolo, come l'Uruguay, dove la media pro capite è di 55 chili. Anche il consumo di latte è inferiore ai requisiti stabiliti dall'Agenzia delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura. I venezuelani consumano solo 47 litri di questo prodotto all'anno, che rappresenta un calo del 20%. In confronto, ogni uruguaiano consuma 230 litri.

REPRESSIONE

Dopo il disastro economico, avanza ala repressione contro gli oppositori. Se il regime non ha il coraggio di arrestare il presidente ad interim Juan guardò, si accanisce con il suo staff e i suoi sostenitori.  Funzionari dei servizi segreti nazionali bolivariani hanno trasferito il generale Raúl Isaias Baduel, storico oppositore prima di Chavez e poi di Maduro, in un carcere di massima sicurezza a Fuerte Tiuna venerdì scorso, Adolfo Baduel, figlio del prigioniero politico, ha riferito su Twitter.  Baduel, ministro della difesa tra il 2006 e il 2007, è stato arrestato il 3 aprile 2009 e condannato nel 2010 per presunto furto di denaro della FANB e abuso di potere. Dopo sei anni e otto mesi nel carcere militare di Ramo Verde, nel 2015 gli era stato concesso il rilascio condizionale con restrizioni all'uscita dallo stato di Aragua, il divieto di dichiarare i media e un regime di presentazione. Tuttavia, il 12 gennaio 2017 è stato revocato. Il 3 marzo 2017, il generale in pensione ha finito di scontare la pena e doveva essere rilasciato, ma il giorno prima è stato accusato di tradimento e istigazione alla ribellione, per la quale è ancora in carcere. Ora si trova nella sede centrale di Sebin in Plaza Venezuela, a Caracas.

 
Sudamerica
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo