Venezuela, the final countdown

| Saranno le prossime ore a decidere il destino del paese sudamericano in rivolta da ieri: ago della bilancia l’esercito, che al momento sia Guaidó che Maduro assicurano di avere al proprio fianco

+ Miei preferiti
Maria Lopez - Michael O'Brien

È uno stallo che non piace a nessuno, quello che si è creato in Venezuela dopo la “Operacion Libertad” lanciata dall’autoproclamato presidente Juan Guaidó. Non piace alla comunità internazionale, preoccupata per una possibile escalation degli scontri che come al solito vede le potenze mondiali schierate all’opposto: da una parte gli Stati Uniti, che appoggiano Guaidóe al momento “non escludono l’uso della forza”, e Russia e Cina dall’altra, al fianco di Maduro, che intimano di non intervenire per non complicare ulteriormente la situazione.

La tensione resta altissima, con il paese ormai sull’orlo della guerra civile, e ore che diventano cruciali per capire con chi è realmente schierato l’esercito, il vero ago della bilancia che al momento sia Guaidóche Maduro vantano di avere al proprio fianco. Una situazione non chiara, che ieri nel corso delle proteste ha visto diversi blindati dell’esercito lanciarsi contro la folla: il bilancio parla di un morto, diversi feriti e decine di arresti.

In un nuovo messaggio video diffuso attraverso i social durante la notte, Juan Guaidóha esortato la popolazione “a scendere in piazza”, precisando che non si tratta di un colpo di stato ma di una protesta pacifica e ribadendo di poter contare sull’appoggio delle forze armate: “Sapevamo che non sarebbe stato semplice”, ribadisce. Nella notte era comparso in video anche Maduro, per assicurare che il “colpo di stato era stato respinto” e che “il Venezuela non si arrenderà mai alle forze imperialiste”. Leopoldo Lopez, leader dell’opposizione liberato poche ore fa dagli arresti domiciliari dove scontava 14 anni di reclusione, si è rifugiato insieme alla famiglia presso l’ambasciata spagnola di Caracas. In serata era apparso in video anche il ministro della difesa Vladimir Padrino Lopez, che aveva tentato di ridimensionare il tentativo di golpe liquidando in “poche unità il numero di militari che si sono uniti ai golpisti”.

Nella notte interviene anche il segretario di stato americano Mike Pompeo: alla CNN ha svelato che quando sono scoppiati i disordini Maduro era pronto a lasciare il paese, ma la Russia l’avrebbe convinto a rimanere al suo posto. L’Unione Europea, attraverso l’alto rappresentante della politica estera Federica Mogherini, sceglie la via più morbida, limitandosi a chiedere una soluzione pacifica, ma la Spagna prende le distanze, scegliendo di non appoggiare il golpe per chiedere che siano indette al più presto nuove elezioni politiche. Evo Morales, presidente della Bolivia, ha condannato il tentato rovesciamento messo in atto da Guaidó.

Galleria fotografica
Venezuela, the final countdown - immagine 1
Venezuela, the final countdown - immagine 2
Venezuela, the final countdown - immagine 3
Venezuela, the final countdown - immagine 4
Sudamerica
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole