Venezuela: USA contro Russia

| Minacce, ripicche e accuse rimbalzano da ore: l’America si dice pronta all’intervento, la Russia ammonisce di starne fuori. Guaidó proclama uno sciopero a oltranza, ma le strade iniziano a svuotarsi: situazione di stallo

+ Miei preferiti
di Maria Lopez

Quello che gli analisti internazionali temevano, sta diventando realtà: l’accendersi della rivolta in Venezuela ha alzato i toni dello scontro fra Stati Uniti e Russia. I primi apertamente schierati al fianco del giovane Juan Guaidó, autoproclamato presidente riconosciuto da 55 paesi (Italia esclusa), i russi dalla parte di Nicolas Maduro, uno degli ultimi leader-dittatori sudamericani.

Un braccio di ferro che si nutre di una dialettica sempre più accesa, con accuse e minacce che ricordano l’aria cupa degli anni Guerra Fredda.

Nella mattinata di ieri, il segretario di stato americano Mike Pompeo aveva auspicato una “transizione del potere pacifica”, ventilando comunque la possibilità di “un’azione di forza” ritenuta fra le ipotesi possibili da Washington, per risolvere una situazione di stallo che potrebbe prolungarsi a tempo indeterminato, sfiancando la popolazione. La reazione stizzita di Mosca era arrivata a stretto giro di posta per mano di Serghei Lavrov, con un consiglio (non immischiatevi nelle questioni venezuelane) seguito da una minaccia neanche tanto velata: “potrebbero esserci gravi conseguenze, in quanto si tratterebbe di una pesante violazione del diritto internazionale”.

Pompeo ha ripreso la parola, restituendo ai russi l’accusa di voler destabilizzare il Venezuela con il solo desiderio di incrinare le relazioni con gli Stati Uniti. Trump lasciava al suo segretario di stato il compito di vedersela con i russi, scegliendo di regolare di persona i conti con Cuba: “Se truppe e milizie non cesseranno immediatamente le operazioni militari, imporremmo un embargo totale e nuove sanzioni”.

Una situazione che si fa incandescente, almeno quanto quella che si vive in Venezuela, dove Guaidó ha annunciato un programma di scioperi dei dipendenti pubblici “fino ad ottenere la fine dell’usurpazione di Maduro, un governo di transizione e libere elezioni”. Sulle strade, gli scontri proseguono, malgrado le strade si siano svuotate parecchio: la Guardia Nacional Bolivariana continua a fare un uso massiccio di lacrimogeni per disperdere gli assalti degli oppositori. Secondo quanto riferisce “Foro Penal”, ong venezuelana per i diritti umani, 119 persone (fra cui 11 minorenni), sono state arrestate in diversi stati: quello con il maggior numero di fermi è Zulia, seguito da Carabobo, Aragua e Merida. Nelle proteste sono morti Jurubith Betzabeth Rausseo Garcia ed Enrique Mendez, una donna di 27 anni e un giovane di 24. Commentando gli omicidi, Guaidó ha tuonato: “Gli assassini dovranno farsi carico dei loro crimini: mi gioco la vita per far sì che sia così”.

Lo scenario delle prossime ore è quanto mai incerto: Maduro potrebbe approfittare dell’apparente vittoria sui rivoltosi per arrestare Guaidó, mossa che porterebbe ad una pericolosa escalation internazionale di interventi e reazioni.

Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino