Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?

| Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
La proposta fatta agli oppositori di Maduro è veramente ghiotta: Trump ha offerto loro la possibilità di revoca delle sanzioni al Venezuela se daranno vita a un governo provvisorio senza lo stesso Maduro. Offerta valida anche per gli eventuali componenti del partito socialista del presidente. Gli Stati Uniti dopo anni di politica dura nei confronti della nazione sudamericana, senza mai riuscire a porre veramente le mani sul potere, cambiano strategia.

Con il Venezuela distrutto dal prezzo del petrolio in caduta libera, dalla pandemia che si sta diffondendo rapidamente e dalla pesante pressione economica statunitense, Trump prova a fare terminare la crisi politica nella nazione con l’appoggio a elezioni (per lui) più eque.

E così a fine marzo, il segretario di stato Mike Pompeo ha annunciato che gli Stati Uniti avvieranno un programma di transizione democratica per il Venezuela, proponendo un percorso di uscita dalle sanzioni, anche nel settore petrolifero, se Maduro e i suoi alleati coopereranno. Ma non sarà semplice far conciliare l’attuale presidente (appoggiato da Russia, Cina e Cuba oltre che dall’esercito) con il leader dell’opposizione Juan Guaido, riconosciuto dagli Stati Uniti e una cinquantina di altri Paesi come legittimo presidente ad interim.

Nicolás Maduro è presidente della repubblica bolivariana del Venezuela dal 19 aprile 2013 e ha mantenuto il potere nonostante i ripetuti tentativi fatti dagli Stati Uniti per rimuoverlo. A pochi giorni dall’aver accusato Maduro di essere un narco-terrorista, un frustrato Trump cambia quindi strategia. Per rendere più malleabile l’avversario, spera di essere aiutato dal dissidio arabo-russo che sta contribuendo al crollo del prezzo del petrolio - principale risorsa finanziaria del Venezuela - e dalla minaccia del coronavirus.

“Il regime è sotto la più forte pressione mai subita - ha confidato alla Reuters Elliott Abrams, rappresentante americano per il Venezuela - e forse questa pressione porterà a una discussione all’interno del regime”. Secondo Reuters, Trump approverebbe un governo di transizione accettato dalle diverse parti che dovrebbe guidare il partito verso le elezioni, da tenersi entro un anno.

Il governo venezuelano ha respinto la proposta degli Stati Uniti definendola un trucco per ottenere vantaggi politici durante la pandemia globale. E mentre Adams prova a moderare i toni ventilando la possibilità che Maduro non sia costretto all’esilio ma possa teoricamente ricandidarsi, Pompeo afferma invece che non governerà mai più il Venezuela. Nel frattempo Guaido ha presentato un piano per formare un governo di emergenza composto da tutti gli schieramenti politici e il governo statunitense sembra ora appoggiare il suo approccio, dopo che Trump si era detto fortemente contrario. E mentre Maduro sostiene che Guaido è un burattino nelle mani degli Stati Uniti, il suo avversario afferma che la rielezione del presidente nel 2018 è stata una farsa. Un accordo sembra davvero distante, anche se Pompeo ha ribadito che il governo degli Stati Uniti rimane “solidale con il lavoro che il legittimo presidente del popolo venezuelano, Juan Guaido, è impegnato a svolgere”.

In realtà sembrerebbe che il piano dei collaboratori di Trump sia quello di fare leva non solo sull’opposizione guidata da Guaido, ma soprattutto sui componenti del governo socialista che potrebbero rivoltarsi contro Maduro, cosa non riuscita all’opposizione. Sempre secondo Reuters, gli Stati Uniti sarebbero anche disposti a revocare le sanzioni per decine di funzionari del governo venezuelano se rinunciassero a ogni ruolo politico durante la transizione, mentre le sanzioni economiche - anche quelle nei confronti della compagnia petrolifera statale PDVSA (Petróleos de Venezuela) - verrebbero revocate solo quando Maduro avrà rinunciato a tutti i suoi incarichi e le forze di sicurezza cubane e il contingente militare russo si saranno ritirati dal Paese.

Sudamerica
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”