"Vergogna Italia", la comunità italiana contro i grillini. Gli Usa: Maduro si dimetta o finirà a Guantanamo"

| Il governo gialloverde nega il riconoscimento del presidente ad interim Guaidò, unico tra i grandi paesi Ue. "Mai più un solo voto per loro", annunciano gli italiani in Venezuela

+ Miei preferiti

"Vergogna Italia". I grillini si sfilano dalla solidarietà concreta al presidente ad interim Juan Guaidò, aggravando così il pericolo di una ritorsione contro lui e anche la sua famiglia, da parte della polizia segreta del regime chavista au passo dallo sfacelo, Italia unica tra i grandi Paesi Ue. “Ci hanno lasciati soli nelle mani di Maduro - dice furente uno dei più importanti esponenti della comunità italiana, protetto dall’anonimato per ovvi motivi di sicurezza - in questo modo perdiamo forza e credibilità rispetto all’opposizione e siamo in ostaggio del regime. Se lo ricordi, Di Maio, che non fa differenze tra il regime e l’opposizione, dalla nostra comunità non prenderà mai più un voto che sia uno. Non ho parole per descrivere il nostro stato d’animo per il tradimento del governo Conte. Speriamo solo cambino idea, se non è già troppo tardi. vogliamo ringraziare Spagna, Germania, Francia e Inghilterra. L’Italia se se ne stia al fianco di Erdogan, di Putin e della Cina. Uno schifo…”. Una rabbia e una sofferenza senza fine, proprio mentre a Caracas sale le protesta anti-Maduro che oggi ringrazia Juan Guaidó, presidente ad interim del Venezuela, per il sostegno della comunità internazionale. E John Bolton,  consigliere per la sicurezza nazionale Usa, ammonisce Maduro: “Se non si dimetterà entro due settimane, rischia di finire come prigioniero a Guantanamo”. 

La mobilitazione inizierà alle 10:00 del mattino in cinque punti e culminerà nel viale principale di Las Mercedes. I punti d'incontro sono: El Marqués, Distributore Santa Fé, Boulevard del Cafetal, Centro Comercial Millenium e Paza José Martí a Chacaíto. La protesta coincide con il giorno in cui l'Unione Europea (UE) ha dato a Nicolás Maduro un ultimatum per indire libere elezioni. 

"Il 2 febbraio scade il termine dato dall'Unione Europea a Maduro per indire elezioni libere e trasparenti, ed è per questo che noi venezuelani torniamo in piazza per sostenere il presidente in carica Guaidó e ringraziare i paesi per il loro sostegno alla democrazia", ha riferito Voluntad Popular su Twitter.

Le parole di Bolton sono state assai chiare, proprio mentre una parte dello Stato Maggiore dell’Esercito venezuelano sta trattando segretamente con l’opposizione per una transizione pacifica del potere, come garante di nuove elezioni. “Se il presidente venezuelano Nicolás Maduro non accetterà di lasciare il potere con le buone potrebbe finire a Guantanamo", la base statunitense sull'isola di Cuba utilizzata per rinchiudere persone accusate di terrorismo. Ospite del programma 'The Hugh Hewitt radio show', a Bolton è stato chiesto: "Dittatori come Ceausescu e Mussolini sono finiti male. A Idi Amin e Baby Doc Duvalier è andata meglio. Quali opzioni sono in mano a Maduro oggi come oggi?”. Risposta: "Beh, ieri ho diffuso un tweet in cui gli auguravo un lungo e quieto pensionamento in una spiaggia carina lontano dal Venezuela. E dico che è meglio che si avvalga al più presto del consiglio, scegliendo il pensionamento su una spiaggia carina, piuttosto che trovarsi a frequentare un'altra spiaggia come Guantanamo”. La mobilitazione continua anche domani. Di nuovo gli oppositori si ritroveranno in centro a Caracas e in un tutte le città per una serie di flash mob pacifici in sostegno di Guaidò.

 

 

   

 
Sudamerica
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Scoperto dalla polizia messicana e analizzato a fondo dalle forze dell’ordine statunitensi, è lungo più di 1.300 metri e dotato di tutto ciò che serve
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga