"Vergogna Italia", la comunità italiana contro i grillini. Gli Usa: Maduro si dimetta o finirà a Guantanamo"

| Il governo gialloverde nega il riconoscimento del presidente ad interim Guaidò, unico tra i grandi paesi Ue. "Mai più un solo voto per loro", annunciano gli italiani in Venezuela

+ Miei preferiti

"Vergogna Italia". I grillini si sfilano dalla solidarietà concreta al presidente ad interim Juan Guaidò, aggravando così il pericolo di una ritorsione contro lui e anche la sua famiglia, da parte della polizia segreta del regime chavista au passo dallo sfacelo, Italia unica tra i grandi Paesi Ue. “Ci hanno lasciati soli nelle mani di Maduro - dice furente uno dei più importanti esponenti della comunità italiana, protetto dall’anonimato per ovvi motivi di sicurezza - in questo modo perdiamo forza e credibilità rispetto all’opposizione e siamo in ostaggio del regime. Se lo ricordi, Di Maio, che non fa differenze tra il regime e l’opposizione, dalla nostra comunità non prenderà mai più un voto che sia uno. Non ho parole per descrivere il nostro stato d’animo per il tradimento del governo Conte. Speriamo solo cambino idea, se non è già troppo tardi. vogliamo ringraziare Spagna, Germania, Francia e Inghilterra. L’Italia se se ne stia al fianco di Erdogan, di Putin e della Cina. Uno schifo…”. Una rabbia e una sofferenza senza fine, proprio mentre a Caracas sale le protesta anti-Maduro che oggi ringrazia Juan Guaidó, presidente ad interim del Venezuela, per il sostegno della comunità internazionale. E John Bolton,  consigliere per la sicurezza nazionale Usa, ammonisce Maduro: “Se non si dimetterà entro due settimane, rischia di finire come prigioniero a Guantanamo”. 

La mobilitazione inizierà alle 10:00 del mattino in cinque punti e culminerà nel viale principale di Las Mercedes. I punti d'incontro sono: El Marqués, Distributore Santa Fé, Boulevard del Cafetal, Centro Comercial Millenium e Paza José Martí a Chacaíto. La protesta coincide con il giorno in cui l'Unione Europea (UE) ha dato a Nicolás Maduro un ultimatum per indire libere elezioni. 

"Il 2 febbraio scade il termine dato dall'Unione Europea a Maduro per indire elezioni libere e trasparenti, ed è per questo che noi venezuelani torniamo in piazza per sostenere il presidente in carica Guaidó e ringraziare i paesi per il loro sostegno alla democrazia", ha riferito Voluntad Popular su Twitter.

Le parole di Bolton sono state assai chiare, proprio mentre una parte dello Stato Maggiore dell’Esercito venezuelano sta trattando segretamente con l’opposizione per una transizione pacifica del potere, come garante di nuove elezioni. “Se il presidente venezuelano Nicolás Maduro non accetterà di lasciare il potere con le buone potrebbe finire a Guantanamo", la base statunitense sull'isola di Cuba utilizzata per rinchiudere persone accusate di terrorismo. Ospite del programma 'The Hugh Hewitt radio show', a Bolton è stato chiesto: "Dittatori come Ceausescu e Mussolini sono finiti male. A Idi Amin e Baby Doc Duvalier è andata meglio. Quali opzioni sono in mano a Maduro oggi come oggi?”. Risposta: "Beh, ieri ho diffuso un tweet in cui gli auguravo un lungo e quieto pensionamento in una spiaggia carina lontano dal Venezuela. E dico che è meglio che si avvalga al più presto del consiglio, scegliendo il pensionamento su una spiaggia carina, piuttosto che trovarsi a frequentare un'altra spiaggia come Guantanamo”. La mobilitazione continua anche domani. Di nuovo gli oppositori si ritroveranno in centro a Caracas e in un tutte le città per una serie di flash mob pacifici in sostegno di Guaidò.

 

 

   

 
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino