5G, la rivoluzione sta arrivando

| Le meraviglie del nuovo standard della telefonia mobile: il primo a garantire la trasmissione dati in tempo reale, ma soprattutto una porta aperta sul futuro. Una rivoluzione prevista a partire dal prossimo anno

+ Miei preferiti
Il conto alla rovescia per la prossima grande trasformazione digitale è iniziato: chi chiama “5G”, semplice abbreviazione di “5th Generation”, la quinta generazione di reti wireless di banda larga per la telefonia mobile cellulare. E per entrare nel futuro manca davvero poco: il 2020, una manciata di mesi.

Secondo gli esperti sarà una rivoluzione silenziosa, ma ancora più radicale delle quattro precedenti, destinata a sconvolgere il modo di vivere e lavorare del mondo intero più di quanto abbia fatto l’avvento stesso della telefonia mobile. Una tecnologia che va ben oltre la banda larga e avrà un impatto fondamentale per lo sviluppo di città intelligenti, robotica e auto a guida autonoma, ma con enormi innovazioni anche in settori come la medicina, l’agricoltura e l’istruzione.

I dispositivi indossabili, ad esempio, aiuteranno i medici di controllare e diagnosticare i pazienti a distanza, arrivando anche ad operare attraverso robot gente ricoverata in ospedali a migliaia di km di distanza. Per essere chiari, 5G significa decine di megabit al secondo disponibili per decine di migliaia di utenti, la possibilità di gestire centinaia di migliaia di connessioni simultanee, il miglioramento della copertura e dei segnali. Meraviglie possibili grazie alla bassa latenza del nuovo standard: con le reti attuali, occorrono circa 100 millisecondi per far viaggiare le informazioni attraverso una rete. Un dato incredibilmente veloce, ma che ha ancora un ritardo che rende impossibile le comunicazioni in tempo reale.

Ma l’esplosione, promettono, sarà per tutti, in qualsiasi campo e per qualsiasi dispositivo, dagli smartphone ai televisori, dai sistemi di sicurezza all’Internet of Things, dalle smart home allo sdoganamento definitivo del “4K”, lo standard che permette di vedere film ad una risoluzione impressionante. Fra le prime a beneficiare del 5G saranno le grandi metropoli, con un enorme sistema in grado di gestire traffico, viabilità e videosorveglianza, tutto connesso e gestibile da remoto. Qualcuno mette le mani in avanti intravedendo una nuova forma di “big brother”, inteso come quanto ipotizzava il romanzo di Orwell: tanta connessione può mettere a rischio la privacy, svelando alle aziende gusti, preferenze, vizi e debolezze di ogni abitante del pianeta. Altri parlano invece di una divisione ancor più netta fra i paesi che potranno permettersi di adottare a piene mani la nuova tecnologia e quelli in cui invece ancora oggi il concetto di telefonia mobile è roba per pochi.

Saranno necessari investimenti enormi in infrastrutture da parte delle compagnie di telefonia: antenne, stazioni di base e cavi in fibra ottica, un enorme e costosissimo apparato che necessariamente essere pienamente operativo prima che il 5G possa essere ampiamente adottato. Ma le cifre in ballo sono enormi: secondo alcune stime, entro il 2035 il volume d’affari del 5G potrebbe raggiungere i 12,3 trilioni di dollari, trascinato da prodotti, soluzioni e servizi sempre più innovativi e veloci.

Un po’ di storia

Il “2G”, oggi preistoria, nacque nel 1991 con l’introduzione dello standard “GSM”, basato su reti totalmente digitali. Concentrata sui servizi voce, è la tecnologia che ha permesso l’enorme sviluppo della telefonia mobile, utilizzata per servire l’80% degli utenti di tutto il mondo. È il Giappone il primo paese al mondo ad adottare il “3G” nel 2005, una tecnologia che include uno snodo fondamentale: l’uso di internet attraverso gli smartphone. Si arriva al 2010, con il “4G”, il passaggio che migliora efficienza e velocità permettendo “applicazioni multimediali avanzate e collegamenti dati con banda passante”.

Tecnologie
A Mirafiori il progetto pilota «V2G»
A Mirafiori il progetto pilota «V2G»
La tecnologia “Vehicle-to-Grid” bidirezionale consente alle auto elettriche di immagazzinare, ma anche di restituire energia alla rete. Quello dello stabilimento FCA di Torino sarà il più grande impianto al mondo
La prima guerra mondiale tecnologica
La prima guerra mondiale tecnologica
Le reti 5G, la telefonia mobile, l’intelligenza artificiale: è in corso una battaglia epocale fra Stati Uniti e Cina sul fronte delle nuove tecnologie. A farne le spese colossi come Huawei e app di enorme successo come TikTok
Clearview Al, il cacciatore di volti
Clearview Al, il cacciatore di volti
Il New York Times ha svelato l’esistenza di Clearview Al, un sofisticato sistema di riconoscimento facciale che abbina ai volti le informazioni contenute nei social
Riconoscimento facciale, una tecnologia razzista
Riconoscimento facciale, una tecnologia razzista
Una ricerca scientifica ha accertato che sono molto più alti i margini di errore verso i volti di asiatici e afroamericani rispetto ai bianchi caucasici. Con conseguenze spesso pesanti
Addio biglietti aerei, arriva il riconoscimento facciale
Addio biglietti aerei, arriva il riconoscimento facciale
Niente più scanner per le carte d’imbarco, adesso i sistemi biometrici riprendono i volti, li abbinano ai biglietti e li confrontano con immagini già acquisite
Il virus che attacca le Sim
Il virus che attacca le Sim
Sarebbero già stati colpiti almeno un miliardo di apparecchi in tutto il mondo: “Simjacker” era stato creato per motivi di sorveglianza. Accorgersene è impossibile: arriva tramite un sms di cui non resta traccia
Apple in crisi?
Apple in crisi?
Le dimissioni del capo del design, Jony Ive, ha riacceso le voci di scontri interni e diversità di vedute. Un’inchiesta giornalistica ha tentato di spiegare i motivi dell’addio, seccamente smentite da Cupertino
iTunes va in pensione: la fine di un'era
iTunes va in pensione: la fine di un
Lo ha annunciato Tim Cook alla conferenza degli sviluppatori: i servizi in streaming hanno reso ormai obsoleto il sistema ideato da Steve Jobs, che ha rivoluzionato la musica
The Huawei Conspiration
The Huawei Conspiration
Dopo la messa al bando americana, il mondo delle telecomunicazioni inizia a voltare le spalle al colosso cinese
Isolò per giorni la Liberia, hacker condannato
Isolò per giorni la Liberia, hacker condannato
Quasi tre anni di carcere per un 30enne inglese che, assoldato da un network rivale, aveva bloccato la rete telefonica della Liberia "Lonestar". Tra le sue vittime anche Deutsche Telekom, causando gravi danni