Apple in crisi?

| Le dimissioni del capo del design, Jony Ive, ha riacceso le voci di scontri interni e diversità di vedute. Un’inchiesta giornalistica ha tentato di spiegare i motivi dell’addio, seccamente smentite da Cupertino

+ Miei preferiti
Per quelli – e sono tanti - che da tempo parlano di una crisi profonda del marchio “Apple”, per qualcuno avviato su un inesorabile viale del tramonto, le dimissioni di Jony Ive rappresentano la prova della teoria catastrofista. Sicuramente non è un bel segnale, soprattutto perché l’addio dopo 30 anni è stato accompagnato da “rumors” che parlano di malumori insanabili consumati fra le mura dii Cupertino, il quartier generale del sogno di Steve Jobs.

A tentare una ricostruzione del clamoroso addio del Chief Designer Officer, padre di successi planetari come iPhone, iPod, iMac, MacBook Air, Apple Watch e AirPods, sono “Bloomberg” e il “Wall Street Journal”, che racchiudono i motivi all’interno di una profonda e insanabile “diversità di vedute”, frase al cui interno può starci davvero di tutto. La realtà, secondo le due autorevoli fonti, racconta che Jony Ive abbia masticato amarezza per anni, visto il crescente disinteresse verso le questioni di design dei top manager, a cominciare da Tim Cook, il CEO, troppo concentrato sulle questioni finanziarie: una situazione che sarebbe esplosa al termine di una riunione in cui si doveva decidere il design della nuova generazione di iPhone, prevista in uscita per il prossimo settembre.

Le due inchieste hanno fatto rumore proprio a Cupertino, che attraverso Tim Cook, il grande timoniere, ha diffuso una nota in cui si smentiscono seccamente le ricostruzioni giornalistiche. Jony Ive, si specifica, ha lasciato l’azienda ma continuerà a lavorare con Apple come committente esterno attraverso la “LoveFrom”, la sua azienda.

Tecnologie
A Mirafiori il progetto pilota «V2G»
A Mirafiori il progetto pilota «V2G»
La tecnologia “Vehicle-to-Grid” bidirezionale consente alle auto elettriche di immagazzinare, ma anche di restituire energia alla rete. Quello dello stabilimento FCA di Torino sarà il più grande impianto al mondo
La prima guerra mondiale tecnologica
La prima guerra mondiale tecnologica
Le reti 5G, la telefonia mobile, l’intelligenza artificiale: è in corso una battaglia epocale fra Stati Uniti e Cina sul fronte delle nuove tecnologie. A farne le spese colossi come Huawei e app di enorme successo come TikTok
Clearview Al, il cacciatore di volti
Clearview Al, il cacciatore di volti
Il New York Times ha svelato l’esistenza di Clearview Al, un sofisticato sistema di riconoscimento facciale che abbina ai volti le informazioni contenute nei social
Riconoscimento facciale, una tecnologia razzista
Riconoscimento facciale, una tecnologia razzista
Una ricerca scientifica ha accertato che sono molto più alti i margini di errore verso i volti di asiatici e afroamericani rispetto ai bianchi caucasici. Con conseguenze spesso pesanti
Addio biglietti aerei, arriva il riconoscimento facciale
Addio biglietti aerei, arriva il riconoscimento facciale
Niente più scanner per le carte d’imbarco, adesso i sistemi biometrici riprendono i volti, li abbinano ai biglietti e li confrontano con immagini già acquisite
Il virus che attacca le Sim
Il virus che attacca le Sim
Sarebbero già stati colpiti almeno un miliardo di apparecchi in tutto il mondo: “Simjacker” era stato creato per motivi di sorveglianza. Accorgersene è impossibile: arriva tramite un sms di cui non resta traccia
iTunes va in pensione: la fine di un'era
iTunes va in pensione: la fine di un
Lo ha annunciato Tim Cook alla conferenza degli sviluppatori: i servizi in streaming hanno reso ormai obsoleto il sistema ideato da Steve Jobs, che ha rivoluzionato la musica
The Huawei Conspiration
The Huawei Conspiration
Dopo la messa al bando americana, il mondo delle telecomunicazioni inizia a voltare le spalle al colosso cinese
5G, la rivoluzione sta arrivando
5G, la rivoluzione sta arrivando
Le meraviglie del nuovo standard della telefonia mobile: il primo a garantire la trasmissione dati in tempo reale, ma soprattutto una porta aperta sul futuro. Una rivoluzione prevista a partire dal prossimo anno
Isolò per giorni la Liberia, hacker condannato
Isolò per giorni la Liberia, hacker condannato
Quasi tre anni di carcere per un 30enne inglese che, assoldato da un network rivale, aveva bloccato la rete telefonica della Liberia "Lonestar". Tra le sue vittime anche Deutsche Telekom, causando gravi danni