Isolò per giorni la Liberia, hacker condannato

| Quasi tre anni di carcere per un 30enne inglese che, assoldato da un network rivale, aveva bloccato la rete telefonica della Liberia "Lonestar". Tra le sue vittime anche Deutsche Telekom, causando gravi danni

+ Miei preferiti
Un hacker britannico i cui cyberattacks avevano messo offline la Liberia per giorni è stato condannato a quasi tre anni di carcere da un tribunale inglese. Daniel Kaye, 30 anni, aveva lanciato una serie di attacchi contro l'operatore di telefonia cellulare liberiano Lonestar nell'ottobre del 2015, bloccando le linee e la rete internet del paese dell'Africa occidentale. Kaye era stato assunto per lanciare gli attacchi da un dipendente di alto livello dell'operatore rivale Cellcom, ma la National Crime Agency britannica ha dichiarato che non vi è alcuna prova che "Cellcom fosse a conoscenza dell'attività criminosa".
L'hacker si è dichiarato colpevole di aver creato e utilizzato una botnet, una serie di computer collegati per attaccare i sistemi "con un fine criminale" ed è stato condannato dalla Blackfriars Crown Court, nel centro di Londra, a due anni e otto mesi di prigione. Mentre viveva a Cipro, Kaye AVaceva effettuato un micidiale attacco DDoS (Distributed Denial of Service) su Lonestar, causando un danno di circa 600.000 dollari per riparare il guasto.
I clienti che avevano lasciato in massa la rete hanno causato all'azienda decine di milioni di dollari di mancato guadagno. In seguito al suo arresto, nel febbraio 2017, Kaye è stato estradato in Germania, dove ha anche ammesso di aver attaccato Deutsche Telekom cusando danni a circa 1 milione di clienti nel novembre 2016. "Daniel Kaye stava operando come hacker altamente qualificato e capace", ha detto Mike Hulett, capo delle operazioni presso la National Cyber Crime Unit della NCA. "Le sue attività hanno inflitto danni sostanziali a numerose aziende in paesi di tutto il mondo, dimostrando la natura senza confini della criminalità informatica. Le vittime in questo caso hanno subito perdite di decine di milioni di dollari e hanno dovuto spendere somme rilevanti per rimediare ai danni causati dall'hacker".
 
Tecnologie
Apple in crisi?
Apple in crisi?
Le dimissioni del capo del design, Jony Ive, ha riacceso le voci di scontri interni e diversità di vedute. Un’inchiesta giornalistica ha tentato di spiegare i motivi dell’addio, seccamente smentite da Cupertino
iTunes va in pensione: la fine di un'era
iTunes va in pensione: la fine di un
Lo ha annunciato Tim Cook alla conferenza degli sviluppatori: i servizi in streaming hanno reso ormai obsoleto il sistema ideato da Steve Jobs, che ha rivoluzionato la musica
The Huawei Conspiration
The Huawei Conspiration
Dopo la messa al bando americana, il mondo delle telecomunicazioni inizia a voltare le spalle al colosso cinese
5G, la rivoluzione sta arrivando
5G, la rivoluzione sta arrivando
Le meraviglie del nuovo standard della telefonia mobile: il primo a garantire la trasmissione dati in tempo reale, ma soprattutto una porta aperta sul futuro. Una rivoluzione prevista a partire dal prossimo anno
Apple anti-crisi con tre nuovi modelli
Apple anti-crisi con tre nuovi modelli
Il calo delle vendite in Asia ha indotto i vertici Apple a varare una strategia più aggressiva contro i colossi Huawei e Samsung. Il modello top ha tre videocamere sul lato posteriore. Display Oled, Lcd solo per i meno cari
Tutti contro Huawei
Tutti contro Huawei
Sono sempre di più, colossi della telefonia e del web che prendono le distanze dall’azienda cinese. Sotto accusa i sistemi e le soluzioni di rete, potenzialmente dannosi per la sicurezza nazionale
Arrivano gli smartphone 5G, Il primo è Samsung
Arrivano gli smartphone 5G, Il primo è Samsung
Hanno connessioni 10 volte più veloci del 4G, diventeranno indispensabili per le reti aziendali e di servizio. La nuova rete consentirà l'utilizzo delle auto con guida autonoma
“Huawei, il nemico ti ascolta”
“Huawei, il nemico ti ascolta”
L’intelligence americana ha lanciato l’allarme ai paesi alleati: attenzione, i software delle infrastrutture di telecomunicazioni forniti dai giganti asiatici potrebbero essere vulnerabili. Nessuna conseguenza per i possessori di smartphone
Fuga di dati sensibili da Google
Fuga di dati sensibili da Google
Un baco avrebbe messo a repentaglio i profili di mezzo milione di persone, ma il colosso di Mountain View ha preferito tacere per tenere lontani i sospetti di un nuovo caso “Cambridge Analytica”
Arrivano i nuovi melafonini
Arrivano i nuovi melafonini
Le caratteristiche innovative del nuovo XS e del più economico Xr. Costano da 1289 euro a 899. Anche 512GB di memoria. Cambiano fotocamere e sistema operativo IOS12