iTunes va in pensione: la fine di un'era

| Lo ha annunciato Tim Cook alla conferenza degli sviluppatori: i servizi in streaming hanno reso ormai obsoleto il sistema ideato da Steve Jobs, che ha rivoluzionato la musica

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Se i compact disc erano stati una rivoluzione, capaci di mandare in pensione i 33 ed i 45 giri in vinile, “iTunes” è in senso assoluto il “big bang” della lunga storia della musica. Da quando è nato, nulla è più stato come prima, e nulla lo sarà mai più. Anche se i vinili stanno tornando di gran moda, ma restano pur sempre una nicchia per nostalgici, e i cd si aggirano ancora negli scaffali del mondo intero.

Eppure, anche per iTunes è arrivato il momento della pensione: lo ha annunciato Tim Cook, il potente e ricchissimo amministratore delegato di “Apple” sul palcoscenico della “WWDC”, la conferenza mondiale degli sviluppatori in corso a San José, in California.

È la storia che va, l’evoluzione che non si ferma, la tecnologia che manda in soffitta se stessa: iTunes era nata da un’idea diventata un reato di violazione dei diritti di copyright perseguito dalla legge americana. Shawn Fanning e Sean Parker, due giovani che insieme non raggiungevano i quarant’anni, avevano messo al mondo “Napster”, un programma che permetteva di scambiarsi gratuitamente tutta la musica del mondo. Era il 1999, l’anno del massacro della Columbine, dell’Oscar di Roberto Benigni e di Michael Jordan che lascia il basket, ma soprattutto quello in cui il mondo impara che la musica è di tutti. La copertina di “Rolling Stones”, nel novembre del 2002, ha un titolo sintomatico: “The Fall of the Music Industry”, la caduta dell’impero.

Napster finisce nelle aule dei tribunali, ma Steve Jobs, il geniale creatore del colosso “Apple”, ci macina su per un paio d’anni, va a trovare uno dopo l’altro i dirigenti delle major discografiche e li convince che quella è l’unica strada possibile: o siete con me, o di voi non resterà traccia. Tre anni dopo, il 28 aprile 2003, Steve annuncia al mondo la nascita di “iTunes”, il più grande jukebox della storia. Il lancio, epocale, è accompagnato dallo slogan “Rip. Mix. Burn”: iTunes permette di organizzare la propria musica a piacere, di acquistare anche solo un brano, di crearsi le proprie playlist, di fare della musica ciò che si vuole. Dopo la musica conquisterà anche film e telefilm, imponendo i podcast.

L’offerta parte con 200mila canzoni, vendute a 0,99 centesimi di dollaro: in 18 ore se ne vendono 275mila, pochi mesi dopo sarebbero diventate 50milioni. Uno dopo l’altro cedono le loro opere i mostri sacri della musica: Madonna nel 2005, i Led Zeppelin due anni dopo, i Beatles nel 2010. Sul mercato arrivano i lettori mp3, a cominciare dall’iPod, l’erede elettronico del tenero “walkman” a cassette che aveva dominato gli anni Ottanta e Novanta: la musica diventa un bene impalpabile, solo un’aria democratica piena di suoni, qualcosa che non si può più toccare, come un CD o un 33 giri.

Eppure, 18 anni dopo, anche iTunes è pronto per diventare storia: oggi a dettare legge è il principio dello “streaming” portato avanti da servizi on demand come “Spotify”, che nel gennaio dello scorso anno ha celebrato i 70 milioni di abbonati.

Tim Cook, sul palco di San José, ha dettato le regole del futuro prossimo venturo: iTunes sparirà dall’autunno di quest’anno, con l’arrivo del sistema operativo iOS 13 “Catalina”. Al suo posto tre app create appositamente per gestire Musica, Podcast e Apple TV, tutto attraverso i “cloud”. I nuovi sentieri seguiti a Cupertino superano il concetto primordiale di iPhone per trasformare l’azienda in un fornitore di servizi che trasforma in business il desiderio di privacy, scavalcando la supremazia dei social. Arriveranno un nuovo MacPro, AppleTV si metterà a produrre programmi e sarà in grado di dialogare con le consolle dei videogames, e iWatch, l’orologio intelligente, si trasformerà in un genietto pensante dotato di app che sapranno tenere sotto controllo tutto, dal ciclo mestruale al rumore dell’ambiente in cui si trova, avvertendo dei possibili danni.

Galleria fotografica
iTunes va in pensione: la fine di unera - immagine 1
Tecnologie
Apple in crisi?
Apple in crisi?
Le dimissioni del capo del design, Jony Ive, ha riacceso le voci di scontri interni e diversità di vedute. Un’inchiesta giornalistica ha tentato di spiegare i motivi dell’addio, seccamente smentite da Cupertino
The Huawei Conspiration
The Huawei Conspiration
Dopo la messa al bando americana, il mondo delle telecomunicazioni inizia a voltare le spalle al colosso cinese
5G, la rivoluzione sta arrivando
5G, la rivoluzione sta arrivando
Le meraviglie del nuovo standard della telefonia mobile: il primo a garantire la trasmissione dati in tempo reale, ma soprattutto una porta aperta sul futuro. Una rivoluzione prevista a partire dal prossimo anno
Isolò per giorni la Liberia, hacker condannato
Isolò per giorni la Liberia, hacker condannato
Quasi tre anni di carcere per un 30enne inglese che, assoldato da un network rivale, aveva bloccato la rete telefonica della Liberia "Lonestar". Tra le sue vittime anche Deutsche Telekom, causando gravi danni
Apple anti-crisi con tre nuovi modelli
Apple anti-crisi con tre nuovi modelli
Il calo delle vendite in Asia ha indotto i vertici Apple a varare una strategia più aggressiva contro i colossi Huawei e Samsung. Il modello top ha tre videocamere sul lato posteriore. Display Oled, Lcd solo per i meno cari
Tutti contro Huawei
Tutti contro Huawei
Sono sempre di più, colossi della telefonia e del web che prendono le distanze dall’azienda cinese. Sotto accusa i sistemi e le soluzioni di rete, potenzialmente dannosi per la sicurezza nazionale
Arrivano gli smartphone 5G, Il primo è Samsung
Arrivano gli smartphone 5G, Il primo è Samsung
Hanno connessioni 10 volte più veloci del 4G, diventeranno indispensabili per le reti aziendali e di servizio. La nuova rete consentirà l'utilizzo delle auto con guida autonoma
“Huawei, il nemico ti ascolta”
“Huawei, il nemico ti ascolta”
L’intelligence americana ha lanciato l’allarme ai paesi alleati: attenzione, i software delle infrastrutture di telecomunicazioni forniti dai giganti asiatici potrebbero essere vulnerabili. Nessuna conseguenza per i possessori di smartphone
Fuga di dati sensibili da Google
Fuga di dati sensibili da Google
Un baco avrebbe messo a repentaglio i profili di mezzo milione di persone, ma il colosso di Mountain View ha preferito tacere per tenere lontani i sospetti di un nuovo caso “Cambridge Analytica”
Arrivano i nuovi melafonini
Arrivano i nuovi melafonini
Le caratteristiche innovative del nuovo XS e del più economico Xr. Costano da 1289 euro a 899. Anche 512GB di memoria. Cambiano fotocamere e sistema operativo IOS12