40 mila dollari per un paio di Adidas

| È un prezzo di favore, perché anche nel mondo delle scarpe sportive esiste una stratosfera quasi inarrivabile di modelli esclusivi e rarissimi

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Outlet, saldi, sconti? Per carità, roba da “nerd”. Il trend dei giovanissimi, e non solo, punta sì verso le scarpe sportive, ma così uniche ed esclusive da far impallidire le griffe più blasonate per prezzo e rarità. Possono valere come esempio le “Adidas Humac Race NMD TR”, ennesimo frutto della collaborazione fra il marchio sportivo e Pharrell Williams, musicista, produttore e stilista (autore nel 2013 del tormentone “Happy”). Un paio di scarpe sportive molto colorate, addirittura con stringhe sistemate in modo creativo assai, ma soprattutto con una particolarità che a prima vista sfugge: i 12.350 dollari richiesti per averle. Tanto? Quasi nulla rispetto alle Air Jordan 11 Jeter”, ormai assestate sui 40mila dollari e le “Nike Air Mag”, che oscillano sui 30mila. E se perfino l’Italia, come buona parte del mondo, è stata contagiata da aste in cui iscriversi per aggiudicarsi un paio di Nike o Adidas rarissime, esistono paradisi assoluti dove certe cose finiscono in vetrina. Anche se per pochi minuti.

Uno dei più affermati “Tiffany” delle scarpe sportive si chiama “Stadium Goods”: 3mila mq al 47 di Howard Street, SoHo, New York. Un indirizzo imperdibile per chi cerca roba unica: lì portarsi via le “Nike Jordan 1” designate da Virgil Abloh a 2.700 dollari pare sia un affare, anche se originariamente erano a listino a 190 dollari. “Il punto non è l'utilità, ma piuttosto l'espressione dell'identità: le scarpe sportive sono il modo più flessibile e accettabile per comunicare la personalità di una nuova generazione di uomini ossessionati dallo shopping”.

John McPheters e Jed Stiller, i due titolari, il primo con un passato nella gestione degli account social per la “Nike”, il secondo immobiliarista in carriera, hanno centrato l’idea della vita. Lo scorso anno, a livello di incoraggiamento, hanno ottenuto 4,6 milioni di dollari dal fondo azionario “Forerunner Ventures”, mentre ancor più di recente il gruppo “LVMH”, proprietario di Luis Vuitton, Dior e Givenchy, ha acquisito una partecipazione di minoranza, pur di esserci.

Per lanciare la loro attività, ai due soci è bastato aprire una pagina sulla piattaforma “Tmall” del colosso “Alibaba”: da quel momento le vendite sono decollate in tutto il mondo, toccando picchi impensabili, come i tre milioni di dollari tirati su in un solo giorno durante l’Alibaba’s Day, l’equivalente del “Black Friday” americano.

Una gallina dalle uova d’oro che ovviamente non è rimasta l’unica: a Culver City, in California, spopolano le proposte di “GOAT” (Greatest of All Time), un’azienda che fra gli investitori ha anche l’attore Ashton Kutcher, mentre a Detroit detta legge la “StockX”, rivenditore di scarpe sportive creato da un ex dirigente della IBM e Dan Gilbert, proprietario dei “Cleveland Cavaliers” di basket: anche loro, fra gli investitori hanno stelle di Hollywood come Mark Wahlberg e il rapper Eminem. 

L’incredibile è che i prezzi della Adidas, delle Nike e della Air fluttuano come le borse: le “Adidas Yeezy Boost 350” firmate da Kanye West, ad esempio, si stanno apprezzando nuovamente dopo una lieve flessione dei mesi scorsi. Meno male.

Tendenze
Yovana Mendoza, la vegana traditrice
Yovana Mendoza, la vegana traditrice
Famosa influencer e testimonial del “raw veganism”, beccata mentre mangiava pesce. Ha dovuto ammettere che il crudismo vegano fa male e che lei stessa “vive meglio così”
Mangiar fuori nel 2019
Mangiar fuori nel 2019
Uno studio realizzato da TheFork e Doxa rivela i 7 trend più hot del 2019: chi mangia fuori casa ormai pretende vere esperienze gastronomiche e piatti sani e tracciabili
Ha sposato un ologramma ed è felice
Ha sposato un ologramma ed è felice
Un 35enne giapponese s'è unito in matrimonio con la cyber star Hatsune Miku. Cerimonia non riconosciuta ma l'episodio preoccupa. Primi segni dell'innamoramento digitale: dire grazie a Siri
YND239-20, un mondo in bianco e nero
YND239-20, un mondo in bianco e nero
È come entrare in un fumetto in 2D: tutto è disegnato a mano, compresi piatti e bicchieri. In poco tempo, è diventato uno dei locali più amati di Seul
Camping? No, Glamping
Camping? No, Glamping
Il campeggio 2.0, votato al lusso ecosostenibile. Fra le proposte più curiose, strutture uguali ai carri dei pionieri della frontiera americana, ma dotate di ogni confort
Professore uomo o donna? Non si sa
Professore uomo o donna? Non si sa
IL pro-rettore dell'Università tedesca di Rostock a volte si veste, cammina e si trucca come una donna, a volte da uomo. "Si chiama crossdressing ma io mi sento un uomo". Stupore di studenti e colleghi
il segreto di Banana Girl che vive nella giungla
il segreto di Banana Girl che vive nella giungla
La modella australiana Leanne Ratcliffe, vegana e YouTuber, ha lasciato il Queensland per la giungla. Mangia solo frutta e ortaggi e decine di banane. Via rasoi, cosmetici, vestiti. "Vivo per me stessa"
Londra, è caccia al tetto
Londra, è caccia al tetto
Una società che punta a realizzare stazioni per droni e taxi volanti sta acquistando decine di rooftop della capitale inglese
New York, la città del pisolino-bar
New York, la città del pisolino-bar
Per 25 dollari si ha diritto a 45 minuti in un letto, con tutto l’occorrente compreso nel prezzo. È l’idea di un’azienda che produce materassi, ormai pronta a invadere gli aeroporti
Per chi ama le grigliate notturne
Per chi ama le grigliate notturne
Nello stato di New York, una macelleria ha inaugurato una vending machine che vende carne di ogni tipo 24 ore su 24