Servizio ai tavoli, bara inclusa

| Ha aperto a Bangkok il “Kid Mai Death Cafe”, un locale che mette a disposizione una bara a chiunque voglia provare la sensazione del trapasso

+ Miei preferiti
“Darei la vita per non morire”, diceva ironicamente Jim Morrison, senza sapere che la morte lo avrebbe preteso quand’era ancora troppo giovane per andarsene. Una frase che a Bangkok, qualcuno ha preso alla lettera.

Visto da fuori sembra un bar come tanti altri, arredato in stile minimal con fiori, divani, poltrone e una vasca piena di pesci, ma ha una particolarità che lo rende unico: al centro della sala c’è un’inquietante bara bianca. Vuota, sia chiaro, perché è a completa disposizione di chiunque voglia provare l’ebrezza dell’ultimo viaggio. Ci si sdraia dentro, e mentre gli amici ci danno dentro con foto e selfie, il consiglio è di prendersi tempo e pensare. Perché tanto lì, prima o poi, ci finiremo tutti: è solo questione di tempo.

È l’ultima attrazione del “Kid Mai Death Cafe”, un locale aperto lo scorso marzo a Bangkok, Thailandia, che secondo Veeranut Rojanaprapa, il proprietario, ha l’obiettivo di far “Riflettere sulla brevità della vita”. Ma forse anche pensare di aver risparmiato il 10% sulle consumazioni, come promesso da Veeranut a chiunque sia disposto a farsi chiudere.

In effetti, all’interno del locale il richiamo alla morte è presente ovunque, a cominciare dal menù, con una lista di bevande e biscottini dai nomi inquietanti che richiamano all’oltretomba. E questo senza contare gli scheletri in resina strategicamente sistemati sui divani, compagni silenziosi di una pausa al bar fra amici o colleghi.

La bara è decorata con i tradizionali spiriti dorati, ma non tutti accettano di entrarci: chi lo fa è invitato a lasciare un segno della propria esperienza su una sorta di “guest book”, spiegando come immagina il proprio funerale, che fra l’altro il “Kid Mai Death Cafe” è disposto ad ospitare.

L’idea non è comunque una novità: il primo Death Cafe al mondo ha aperto nel 2010 a Parigi, su idea del programmatore Jon Underwood, convinto di voler spezzare il tabù della morte. Da allora gli appuntamenti con la bara condivisa si sono tenuti a Londra e a Columbus, negli Stati Uniti.

Galleria fotografica
Servizio ai tavoli, bara inclusa - immagine 1
Servizio ai tavoli, bara inclusa - immagine 2
Servizio ai tavoli, bara inclusa - immagine 3
Servizio ai tavoli, bara inclusa - immagine 4
Tendenze
Yovana Mendoza, la vegana traditrice
Yovana Mendoza, la vegana traditrice
Famosa influencer e testimonial del “raw veganism”, beccata mentre mangiava pesce. Ha dovuto ammettere che il crudismo vegano fa male e che lei stessa “vive meglio così”
Mangiar fuori nel 2019
Mangiar fuori nel 2019
Uno studio realizzato da TheFork e Doxa rivela i 7 trend più hot del 2019: chi mangia fuori casa ormai pretende vere esperienze gastronomiche e piatti sani e tracciabili
Ha sposato un ologramma ed è felice
Ha sposato un ologramma ed è felice
Un 35enne giapponese s'è unito in matrimonio con la cyber star Hatsune Miku. Cerimonia non riconosciuta ma l'episodio preoccupa. Primi segni dell'innamoramento digitale: dire grazie a Siri
YND239-20, un mondo in bianco e nero
YND239-20, un mondo in bianco e nero
È come entrare in un fumetto in 2D: tutto è disegnato a mano, compresi piatti e bicchieri. In poco tempo, è diventato uno dei locali più amati di Seul
Camping? No, Glamping
Camping? No, Glamping
Il campeggio 2.0, votato al lusso ecosostenibile. Fra le proposte più curiose, strutture uguali ai carri dei pionieri della frontiera americana, ma dotate di ogni confort
Professore uomo o donna? Non si sa
Professore uomo o donna? Non si sa
IL pro-rettore dell'Università tedesca di Rostock a volte si veste, cammina e si trucca come una donna, a volte da uomo. "Si chiama crossdressing ma io mi sento un uomo". Stupore di studenti e colleghi
il segreto di Banana Girl che vive nella giungla
il segreto di Banana Girl che vive nella giungla
La modella australiana Leanne Ratcliffe, vegana e YouTuber, ha lasciato il Queensland per la giungla. Mangia solo frutta e ortaggi e decine di banane. Via rasoi, cosmetici, vestiti. "Vivo per me stessa"
Londra, è caccia al tetto
Londra, è caccia al tetto
Una società che punta a realizzare stazioni per droni e taxi volanti sta acquistando decine di rooftop della capitale inglese
New York, la città del pisolino-bar
New York, la città del pisolino-bar
Per 25 dollari si ha diritto a 45 minuti in un letto, con tutto l’occorrente compreso nel prezzo. È l’idea di un’azienda che produce materassi, ormai pronta a invadere gli aeroporti
Per chi ama le grigliate notturne
Per chi ama le grigliate notturne
Nello stato di New York, una macelleria ha inaugurato una vending machine che vende carne di ogni tipo 24 ore su 24