A processo in Germania una donna dell’Isis

| Una 27enne di origine tedesca che si era unita ai tagliagole deve rispondere della fine di un bimba di cinque anni, incatenata e lasciata morire di sete

+ Miei preferiti
Il processo che si apre in queste ore a Monaco di Baviera è in qualche modo epocale: è il primo di chi si abbia notizia in Occidente a carico di un militante dell’Isis per crimini di guerra. Sul banco degli imputati Jennifer W., una 27enne tedesca che nel 2015 aveva deciso di unirsi ai tagliagole dell’autoproclamato stato islamico prendendo parte alle terribile rappresaglie contro i membri della minoranza yazida. Pesantissime le accuse di cui deve rispondere: oltre ad adesione a gruppo terroristico e violazione del trattato sul controllo delle armi da guerra, la riduzione in schiavitù una bambina di cinque anni di etnia yazida, lasciando che morisse di sete sotto il sole. Rischia il carcere a vita.

La bimba fu “acquistata” insieme alla madre da Jennifer e suo marito, Taha Sabah Noori A-J, per farne schiave da impiegare nei lavori di casa di Mossul, una delle roccaforti dell’Isis. Terribile il racconto della vicenda fatto in aula dall’accusa: “Quando la bimba si sentì male e bagnò il materasso, il marito dell’accusata scelse di legarla all’esterno per punirla, dove sotto il sole rovente la bmba morì di stenti dopo una lunga e penosa agonia. E Jennifer W. non fece nulla per impedirlo”. A fine gennaio 2016, la donna si è presentata all’ambasciata tedesca di Ankara per ottenere nuovi documenti, ma all’uscita era stata arrestata dalla polizia turca e subito dopo estradata in Germania.



Nel team legale che assiste la madre della bambina anche Amal Alamuddin, la moglie di George Clooney, avvocato difensore dei diritti umani.

Secondo il ministero dell’interno tedesco, “Si ha notizia di oltre 1.050 islamisti tedeschi partiti dalla Germania verso Siria e Iraq: per oltre 200 persone ci sono indizi che siano stati uccisi”. Ma il problema, sottolineano dal ministero, è che soltanto per la metà degli jihadisti tedeschi esistono “Indizi idonei ad avviare un procedimento penale. Circa un terzo delle persone che erano partite per Siria e Iraq sono tornate in Germania: di oltre 110 si sa che hanno preso parte ai combattimenti o sono stati sottoposti ad addestramento e restano sotto stretta osservazione”.

Galleria fotografica
A processo in Germania una donna dell’Isis - immagine 1
Terrorismo
Uccidere come in un videogame
Uccidere come in un videogame
È successo ancora una volta ad Halle, in Germania: un attentatore ha scelto di riprendere e divulgare le fasi del tentato massacro, utilizzando il linguaggio tipico dei videogames
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Sono gli ultimi sopravvissuti del gruppo di tagliagole più mediaticamente celebre. Arrestati dalle milizie curde, sono stati presi in consegna dagli americani, che ora vogliono processarli
Riesplode il caso di Jihadi Jack
Riesplode il caso di Jihadi Jack
L’ex studente di Oxford partito per arruolarsi nell’Isis è stato ripreso in un video che mostra le condizioni delle carceri curde. I genitori chiedono il rimpatrio, ma il governo nega con forza
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
Quasi un mese e mezzo dopo la rivelazione di un canale televisivo americano, gli Stati Uniti confermano la morte del figlio di Osama bin Laden
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Nel giorno delle commemorazioni dell’11 settembre, il successore di Bin Laden Al Zawahiri rinnova la minaccia di colpire gli Stati Uniti e i loro alleati
Isis, catturato in Germania il boia di Dara'a
Isis, catturato in Germania il boia di Dara
Processo a Coblenza per crimini di guerra. Tradito dai suoi ex compagni e dalle immagini e video che lo riprendono con in mano teste appena mozzate che lui derideva. Rischia 10 anni di carcere
Il 'santo stragista' e i suoi devoti discepoli
Il
IN USA, Europa e Commonwealth si diffonde il culto per chi ha ucciso in nome del suprematismo per combattere la "sostituzione" del controllo dei bianchi da parte di ebrei, islamici, etnie latine e straniere. E l'idolo è Tarrant
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Il 66enne in carcere ad Oristano chiede la cancellazione dell'ergastolo per una pena più mite per accedere alle misure alternative. L'avvocato: "Farò il possibile perché non muoia in cella". E ammette i quattro omicidi
Il corpo di una donna nella casa dell'attentatore
Il corpo di una donna nella casa dell
Oslo, macabra scoperta nell'alloggio del 20enne che era entrato armato in una moschea aprendo il fuoco e ferendo una persona. Un 75enne è riuscito a bloccarlo e lo consegnato alla polizia
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Lo dice un report delle Nazioni Unite, che ha valutato le riserve finanziarie e le forze sul campo ancora legate all’Isis. A preoccupare è anche il futuro dei 2000 foreign fighters tornati in Europa