A processo in Germania una donna dell’Isis

| Una 27enne di origine tedesca che si era unita ai tagliagole deve rispondere della fine di un bimba di cinque anni, incatenata e lasciata morire di sete

+ Miei preferiti
Il processo che si apre in queste ore a Monaco di Baviera è in qualche modo epocale: è il primo di chi si abbia notizia in Occidente a carico di un militante dell’Isis per crimini di guerra. Sul banco degli imputati Jennifer W., una 27enne tedesca che nel 2015 aveva deciso di unirsi ai tagliagole dell’autoproclamato stato islamico prendendo parte alle terribile rappresaglie contro i membri della minoranza yazida. Pesantissime le accuse di cui deve rispondere: oltre ad adesione a gruppo terroristico e violazione del trattato sul controllo delle armi da guerra, la riduzione in schiavitù una bambina di cinque anni di etnia yazida, lasciando che morisse di sete sotto il sole. Rischia il carcere a vita.

La bimba fu “acquistata” insieme alla madre da Jennifer e suo marito, Taha Sabah Noori A-J, per farne schiave da impiegare nei lavori di casa di Mossul, una delle roccaforti dell’Isis. Terribile il racconto della vicenda fatto in aula dall’accusa: “Quando la bimba si sentì male e bagnò il materasso, il marito dell’accusata scelse di legarla all’esterno per punirla, dove sotto il sole rovente la bmba morì di stenti dopo una lunga e penosa agonia. E Jennifer W. non fece nulla per impedirlo”. A fine gennaio 2016, la donna si è presentata all’ambasciata tedesca di Ankara per ottenere nuovi documenti, ma all’uscita era stata arrestata dalla polizia turca e subito dopo estradata in Germania.



Nel team legale che assiste la madre della bambina anche Amal Alamuddin, la moglie di George Clooney, avvocato difensore dei diritti umani.

Secondo il ministero dell’interno tedesco, “Si ha notizia di oltre 1.050 islamisti tedeschi partiti dalla Germania verso Siria e Iraq: per oltre 200 persone ci sono indizi che siano stati uccisi”. Ma il problema, sottolineano dal ministero, è che soltanto per la metà degli jihadisti tedeschi esistono “Indizi idonei ad avviare un procedimento penale. Circa un terzo delle persone che erano partite per Siria e Iraq sono tornate in Germania: di oltre 110 si sa che hanno preso parte ai combattimenti o sono stati sottoposti ad addestramento e restano sotto stretta osservazione”.

Galleria fotografica
A processo in Germania una donna dell’Isis - immagine 1
Terrorismo
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà