A processo in Germania una donna dell’Isis

| Una 27enne di origine tedesca che si era unita ai tagliagole deve rispondere della fine di un bimba di cinque anni, incatenata e lasciata morire di sete

+ Miei preferiti
Il processo che si apre in queste ore a Monaco di Baviera è in qualche modo epocale: è il primo di chi si abbia notizia in Occidente a carico di un militante dell’Isis per crimini di guerra. Sul banco degli imputati Jennifer W., una 27enne tedesca che nel 2015 aveva deciso di unirsi ai tagliagole dell’autoproclamato stato islamico prendendo parte alle terribile rappresaglie contro i membri della minoranza yazida. Pesantissime le accuse di cui deve rispondere: oltre ad adesione a gruppo terroristico e violazione del trattato sul controllo delle armi da guerra, la riduzione in schiavitù una bambina di cinque anni di etnia yazida, lasciando che morisse di sete sotto il sole. Rischia il carcere a vita.

La bimba fu “acquistata” insieme alla madre da Jennifer e suo marito, Taha Sabah Noori A-J, per farne schiave da impiegare nei lavori di casa di Mossul, una delle roccaforti dell’Isis. Terribile il racconto della vicenda fatto in aula dall’accusa: “Quando la bimba si sentì male e bagnò il materasso, il marito dell’accusata scelse di legarla all’esterno per punirla, dove sotto il sole rovente la bmba morì di stenti dopo una lunga e penosa agonia. E Jennifer W. non fece nulla per impedirlo”. A fine gennaio 2016, la donna si è presentata all’ambasciata tedesca di Ankara per ottenere nuovi documenti, ma all’uscita era stata arrestata dalla polizia turca e subito dopo estradata in Germania.



Nel team legale che assiste la madre della bambina anche Amal Alamuddin, la moglie di George Clooney, avvocato difensore dei diritti umani.

Secondo il ministero dell’interno tedesco, “Si ha notizia di oltre 1.050 islamisti tedeschi partiti dalla Germania verso Siria e Iraq: per oltre 200 persone ci sono indizi che siano stati uccisi”. Ma il problema, sottolineano dal ministero, è che soltanto per la metà degli jihadisti tedeschi esistono “Indizi idonei ad avviare un procedimento penale. Circa un terzo delle persone che erano partite per Siria e Iraq sono tornate in Germania: di oltre 110 si sa che hanno preso parte ai combattimenti o sono stati sottoposti ad addestramento e restano sotto stretta osservazione”.

Galleria fotografica
A processo in Germania una donna dell’Isis - immagine 1
Terrorismo
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo
La vittima numero 87 della strage di Nizza
La vittima numero 87 della strage di Nizza
Tahar Mejri aveva perso la moglie e il figlio di 4 anni, travolti dal tir che aveva trasformato in carneficina il lungomare della città francese. È morto di dolore, lasciandosi andare
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Un giovane originario del Bangladesh, radicalizzato in America, è stato agganciato da un agente sotto copertura che lo ha assecondato in tutto: quando ha tentato di acquistare delle armi, è stato arrestato
Il misterioso complice della 'compagna Mara'
Il misterioso complice della
Quarantaquattro anni dopo il conflitto a fuoco alla Cascina Spiotta tra carabinieri e Brigate Rosse, dove morirono un militare e Margherita Cagol, moglie di Curcio, ancora non è noto il nome del brigatista che riuscì a fuggire
Il pianto di Battisti: 'Toglietemi l'ergastolo'
Il pianto di Battisti:
I legali dell'ex guerrigliero dei Pac (quattro omicidi, due ergastoli) tentano la strada del ricorso in Cassazione. I legali, invase a un accordo tra Italia e Brasile, chiedono la commutazione della pena a 30 anni di carcere.
La vedova dell'Isis sulle tracce di al-Baghdadi
La vedova dell
Catturata e condannata per terrorismo e violenza, ha iniziato a collaborare con la Cia e i servizi segreti svelando modi e metodi utilizzati dal califfo per spostarsi e nascondersi
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Nel pacco bomba è stata individuato una quantità minima dell’esplosivo più volte utilizzato dall’Isis. L’ordigno azionato a distanza. I dubbi della polizia francese
Johnny il Talebano torna libero
Johnny il Talebano torna libero
John Walker Lindh ha scontato 20 anni per terrorismo, ma l’America non è convinta che ex terroristi possano reinserirsi nella società civile. La storia di un ragazzo che ha scelto di combattere al fianco dei Talebani
Liberato Alessandro Sandrini
Liberato Alessandro Sandrini
Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano