A processo in Germania una donna dell’Isis

| Una 27enne di origine tedesca che si era unita ai tagliagole deve rispondere della fine di un bimba di cinque anni, incatenata e lasciata morire di sete

+ Miei preferiti
Il processo che si apre in queste ore a Monaco di Baviera è in qualche modo epocale: è il primo di chi si abbia notizia in Occidente a carico di un militante dell’Isis per crimini di guerra. Sul banco degli imputati Jennifer W., una 27enne tedesca che nel 2015 aveva deciso di unirsi ai tagliagole dell’autoproclamato stato islamico prendendo parte alle terribile rappresaglie contro i membri della minoranza yazida. Pesantissime le accuse di cui deve rispondere: oltre ad adesione a gruppo terroristico e violazione del trattato sul controllo delle armi da guerra, la riduzione in schiavitù una bambina di cinque anni di etnia yazida, lasciando che morisse di sete sotto il sole. Rischia il carcere a vita.

La bimba fu “acquistata” insieme alla madre da Jennifer e suo marito, Taha Sabah Noori A-J, per farne schiave da impiegare nei lavori di casa di Mossul, una delle roccaforti dell’Isis. Terribile il racconto della vicenda fatto in aula dall’accusa: “Quando la bimba si sentì male e bagnò il materasso, il marito dell’accusata scelse di legarla all’esterno per punirla, dove sotto il sole rovente la bmba morì di stenti dopo una lunga e penosa agonia. E Jennifer W. non fece nulla per impedirlo”. A fine gennaio 2016, la donna si è presentata all’ambasciata tedesca di Ankara per ottenere nuovi documenti, ma all’uscita era stata arrestata dalla polizia turca e subito dopo estradata in Germania.



Nel team legale che assiste la madre della bambina anche Amal Alamuddin, la moglie di George Clooney, avvocato difensore dei diritti umani.

Secondo il ministero dell’interno tedesco, “Si ha notizia di oltre 1.050 islamisti tedeschi partiti dalla Germania verso Siria e Iraq: per oltre 200 persone ci sono indizi che siano stati uccisi”. Ma il problema, sottolineano dal ministero, è che soltanto per la metà degli jihadisti tedeschi esistono “Indizi idonei ad avviare un procedimento penale. Circa un terzo delle persone che erano partite per Siria e Iraq sono tornate in Germania: di oltre 110 si sa che hanno preso parte ai combattimenti o sono stati sottoposti ad addestramento e restano sotto stretta osservazione”.

Galleria fotografica
A processo in Germania una donna dell’Isis - immagine 1
Terrorismo
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra
'L'abbiamo uccisa per errore'
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra<br>
I terroristi nordirlandesi spiegano che Lyra Mc Kee è stata "tragicamente uccisa durante un attacco a una forza nemica". Prime analisi. La polizia: "Torna la lotta armata"
Sangue sulla Pasqua
Sangue sulla Pasqua
Otto esplosioni quasi simultanee in Sri Lanka lasciano a terra 200 morti e quasi 500 feriti. Le autorità proclamano il coprifuoco e oscurano i social: “Sappiamo chi sono, li prenderemo”
Irlanda: torna l’incubo dell’Ira
Irlanda: torna l’incubo dell’Ira
Scoppiano le tensioni fra manifestanti e la polizia a Derry: uccisa una giornalista di 29 anni. Per la polizia si tratta di terrorismo
Bufera sulla presentazione della Balzerani
Bufera sulla presentazione della Balzerani
La brigatista rossa, mai pentita o dissociata, viene invitata a Milano in una serata per presentare il suo nuovo libro, e scatta la protesta dei familiari delle vittime
Sergio Zanotti interrogato dal pm
Sergio Zanotti interrogato dal pm
L’italiano liberato in Siria deve spiegare le modalità di un sequestro che per molti è risultato anomalo fin dall’inizio, nel 2016
Silvia Romano è stata uccisa?
Silvia Romano è stata uccisa?
L’ipotesi lanciata da un quotidiano kenyano, che ha raccolto gli umori del villaggio in cui viveva la giovane volontaria italiana. Nessuna conferma dalle autorità, ma neanche una smentita. L’altro caso insoluto: Luca Tacchetto
Strage di Bologna
nuove prove in un filmato
Strage di Bologna<br>nuove prove in un filmato
Le immagini, girate da un turista tedesco, riprenderebbero Paolo Bellini, “l’aviere” di Avanguardia Nazionale citato in intercettazioni che avrebbe avuto il compito di piazzare l’esplosivo
Cesare Battisti si dichiara colpevole
Cesare Battisti si dichiara colpevole
Per la prima volta, davanti ai magistrati italiano, l’ex terrorista dei Pac ammette “ciò che è ricostruito negli atti giudiziari corrisponde al vero”
L’Isis non esiste più
L’Isis non esiste più
Lo ha annunciato un portavoce della Casa Bianca: l’ultima roccaforte di Baghouz è caduta. Donald Trump si prende tutto il merito della vittoria: “prima che arrivassi io era un casino”
L’Isis promette vendetta
L’Isis promette vendetta
Il terrorismo islamico torna ad alzare i toni dello scontro promettendo di vendicare i morti in Nuova Zelanda. Massima allerta dell’antiterrorismo in tutto il mondo