Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente

| Nel giorno delle commemorazioni dell’11 settembre, il successore di Bin Laden Al Zawahiri rinnova la minaccia di colpire gli Stati Uniti e i loro alleati

+ Miei preferiti
Ayman Al Zawahiri, il leader di Al Qaeda succeduto a Bin Laden, è uno stratega: lanciare nuove minacce mentre il mondo per la 18esima volta ricorda il dolore e il sacrificio di migliaia di persone, ha un effetto moltiplicatore.

Il suo messaggio video, diffuso da un sito che monitora l’attività jihadista, Al Zawahiri è un’esortazione ai seguaci di colpire ancora l’Occidente: “L’America è il principale nemico dei musulmani per una guerra contro l’Islam iniziata all’alba dei tempi. La stupida decisione di Trump di trasferire la loro ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme è l’ennesima conferma di inimicizia religiosa. Sono trascorsi diciassette anni da quando l'ex Presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha lanciato la sua guerra crociata contro i musulmani e conosciamo bene la visione strategica americana di questo conflitto religioso: Washington sfrutta le alleanze per compensare i costi delle guerre cercando di colpire i nemici con disinformazione subdola. Gli americani sono deboli, chiedo al popolo musulmano di colpirli nel loro stesso territorio”.

Al Zawahiri cita gli Stati Uniti, l’Europa, la Russia e Israele, ma la sua è anche l’ennesima orgogliosa rivendicazione dell’11 settembre, e se la prende con i “backtracker”, i jihadisti che in questo tempo hanno rinnegato gli attentati di quel giorno. Per gli analisti, il leader di Al Qaeda deve anche fare i conti con scenari completamente diversi di quelli di 18 anni fa. Da allora, la stella dell’organizzazione terroristica passata alla storia della jihad è stata offuscata dai tagliagole dell’Isis, senza più riuscire a mettere a segno imprese eclatanti.

La replica di Trump non si fa attendere, ed è altrettanto perentoria: se qualcuno colpirà il suolo americano, “la reazione sarà di una forza che non hanno mai visto prima”.

Ayman Muhammad Rabi a-Zawahiri, classe 1951, egiziano di origine, è stato tra i fondatori del gruppo terroristico Al Qaeda insieme a Osama Bin Laden, alla cui morte ha assunto la guida. Sulla sua testa, con l’accusa di essere la mente degli attentati alle ambasciate americane in Kenya e Tanziana, dall’agosto 1988 pende una taglia di 25 milioni di dollari per informazioni che possano portare alla cattura.

Galleria fotografica
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente - immagine 1
Terrorismo
Al Qaeda promette nuove stragi
Al Qaeda promette nuove stragi
L’organizzazione terroristica di Osama bin Laden è oggi molto ridimensionata, ma torna ad alzare la testa promettendo nuove azioni che colpiranno l’America
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme