Allah Akbhar! E accoltella una coppia

| Terrore nella stazione ferroviaria di Manchester, donna ferita al volto e allo stomaco, un uomo grave per lesioni addominali. Poliziotto pugnalato a una spalla. Attentatore subito neutralizzato. E' già in carcere

+ Miei preferiti

Il 2019 in Europa comincia con il terrorismo islamico. A Manchester, nella hall della Victoria Station, un uomo armato di un lungo coltello ha pugnalato due persone e ferito un poliziotto. L’uomo, che durante l'attacco ha urlato "Allah Akbar", è stato arrestato.

L’ennesimo episodio di violenza religiosa è avvenuto poco dopo le 21, non distante dalla Manchester Arena, dove il terrorista Salman Abedi aveva ucciso 22 persone in un attentato suicida nel maggio 2017, durante il concerto della popstar Ariana Grande.

Testimoni raccontato di avere udito le urla dell’accoltellatore mentre colpiva due persone indifese, con il coltello ancora in pugno. Gli agenti di servizio della stazione sono immediatamente intervenuti e lo hanno bloccato a terra, sotto gli occhi di decine di viaggiatori spaventati. Una donna è stata pugnalata in pieno viso e allo stomaco e un uomo è stato ferito nell’addome, riportando la lacerazione dell’intestino, sono entranbi sui 50 anni. Un ufficiale di polizia è stato pugnalato alla spalla, ma è già stato dimesso dall’ospedale. Uno dei testimoni oculari, il produttore della BBC Sam Clack, ha raccontato che i poliziotti hanno usato un Taser e uno spray al peperoncino prima che "sei o sette" agenti saltassero sull'uomo che si lamentava ad alta voce della politica estera britannica, rivela il Sun. La stazione è stata chiusa per ore e tenuta in isolamento, mentre i poliziotti dell’anti-terrorismo portavano avanti l’indagine. Uno dei testimoni ha ricordi precisi: era con alcuni amici e aspettavano un tram per fare ancora un giro nel pub del centro. "Ho sentito un grido e ho guardato verso l’atrio, in basso. Una coppia sui 50 anni era stata appena aggredita da un ragazzo vestito di nero. Sembrava che stessero litigando, ma lei urlava in preda al dolore e al terrore mentre l’uomo in nero correva verso di me: aveva un coltello con manico nero in mano”.

 
Terrorismo
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo
La vittima numero 87 della strage di Nizza
La vittima numero 87 della strage di Nizza
Tahar Mejri aveva perso la moglie e il figlio di 4 anni, travolti dal tir che aveva trasformato in carneficina il lungomare della città francese. È morto di dolore, lasciandosi andare
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Un giovane originario del Bangladesh, radicalizzato in America, è stato agganciato da un agente sotto copertura che lo ha assecondato in tutto: quando ha tentato di acquistare delle armi, è stato arrestato
Il misterioso complice della 'compagna Mara'
Il misterioso complice della
Quarantaquattro anni dopo il conflitto a fuoco alla Cascina Spiotta tra carabinieri e Brigate Rosse, dove morirono un militare e Margherita Cagol, moglie di Curcio, ancora non è noto il nome del brigatista che riuscì a fuggire
Il pianto di Battisti: 'Toglietemi l'ergastolo'
Il pianto di Battisti:
I legali dell'ex guerrigliero dei Pac (quattro omicidi, due ergastoli) tentano la strada del ricorso in Cassazione. I legali, invase a un accordo tra Italia e Brasile, chiedono la commutazione della pena a 30 anni di carcere.
La vedova dell'Isis sulle tracce di al-Baghdadi
La vedova dell
Catturata e condannata per terrorismo e violenza, ha iniziato a collaborare con la Cia e i servizi segreti svelando modi e metodi utilizzati dal califfo per spostarsi e nascondersi
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Nel pacco bomba è stata individuato una quantità minima dell’esplosivo più volte utilizzato dall’Isis. L’ordigno azionato a distanza. I dubbi della polizia francese
Johnny il Talebano torna libero
Johnny il Talebano torna libero
John Walker Lindh ha scontato 20 anni per terrorismo, ma l’America non è convinta che ex terroristi possano reinserirsi nella società civile. La storia di un ragazzo che ha scelto di combattere al fianco dei Talebani
Liberato Alessandro Sandrini
Liberato Alessandro Sandrini
Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano