"Anarchici, non testimoniate nei processi"

| Duro monito della leader dell'area informale Anna Beniamino in una lettera-documento diffusa dal web. Si allarga la frattura con i movimenti anti-autoritari. Analisi dei processi. Controllo remoto e automazione

+ Miei preferiti

MASSIMO NUMA

Pubblichiamo integralmente una lettera di una degli esponenti più di rilievo dell'area informale anarchica a livello europeo, Anna Beniamino (nella foto il suo compagno, Alfredo Cospito, nel processo di Genova per il ferimento del manager Ansaldo Roberto Adinolfi, 2012), attualmente sotto processo nell'aula-bunker con altri sette attivisti di una lunga catena di attentati con l'uso di esplosivo avvenuti dal 2003 sino al momento degli arresti nel 2015. Il processo Scripta Manent (pm Roberto Maria Sparagna, indagini di Digos e Ros dei carabinieri) è alla battute finali. Le indagini sono costate oltre due milioni di euro ma senza attenzione da parte dei media che hanno "dimenticato" di raccontare gli anni in cui l'ultimo segmento che si ispira senza equivoci al terrorismo pianificava decine di attentati con feriti e devastazioni. Il documento di Beniamino assume un'importanza cruciale. E' stato scritto nel luglio 2018 di Rebibbia dove l'anarchica è tuttora detenuta. E' un avvertimento, non troppo bonario, nei riguardi della rete anarchica che ha scelto di condurre campagne anti-sistemi, anche su temi popolari. Quindi un'analisi sui processi di ultima generazione, sempre più tecnologici e asettici, tra banche-dati del Dna, videoconferenze, imputati persi nell'etere, senza il contatto con i compagni, chiuse in gabbie separate. 

DAL CARCERE DI REBIBBIA

Recentemente, ci sono state diverse pubblicazioni con le quali sono stati pubblicati dei compagni. I diversi ambienti anarchici e anti-autoritari invitano alla discussione su alcuni temi - attuali o meno - riguardanti le strategie messe in atto dalla repressione: dall'estensione dell'uso della videoconferenza durante i processi penali e delle cosiddette "prove del DNA", alla spiacevole possibilità (che non è una novità, ma che era evidente al processo Scripta Manent, [nota 1]) di convocare un compagno, come persone informate dei fatti durante le indagini o come testimoni nelle udienze di processo.

Rifiutando di ragionare “in stato di urgenza" e di essere sorpresa ogni volta, non credo che questo problema possa essere risolto a posteriori con consigli giuridici, ma piuttosto con un atteggiamento di riflessione "preventiva", cioè cercando di diffondere e approfondire ulteriormente i fondamenti etici della solidarietà, nonché la comunicazione e la controinformazione di contenuti teorici e pratici antiautoritari, e la riflessione sui progressi della tecnologia repressiva[nota 2].

Prima di qualsiasi forma di lotta contro l'autorità, ci dovrebbe essere la consapevolezza della repressione, ma la sua lotta non può essere determinata dal fatto di contrastare i colpi della repressione. La repressione c'è, c'era e ci sarà, e la affrontiamo ogni giorno, così come affrontiamo ogni giorno gli aspetti più prosaici di essa, ma non possiamo trasformare una conseguenza, il corollario della nostra lotta, nella lotta stessa.

Tuttavia, vorrei capire come si è arrivati a leggere, nel 2018, una guida destinata agli ambienti anti-autorità (che sono quindi già a conoscenza di alcuni soggetti) questo tipo di consigli: "dobbiamo evitare di essere usati dalla Procura contro persone sotto inchiesta o imputate”[3]. Comprendo lo sforzo dei compagni che l'hanno curato, ma.....ricordiamo ai compagni, con decoro e squisita cortesia, che noi non dobbiamo testimoniare contro i compagni?

Quando l'hanno dimenticato? Perché è stato dimenticato?

Forse perché, negli ultimi anni, in tutta questa eccitazione tesa al raggiungimento del consenso, ne abbiamo perso il senso? Deve esserci stato un tempo in cui abbiamo perso di vista i principi fondamentali dell'azione e del pensiero di coloro che si oppongono a questo sistema, che dobbiamo sempre combattere, ovunque esso sia. Tuttavia, il concetto di non collaborazione con le autorità non è in senso stretto un'idea emarginata: dovrebbe essere fondamentale per tutti.

Proprio come, come anarchici, rifiutiamo, tra le altre cose, di collaborare durante un interrogatorio se veniamo arrestati.

Continuiamo a coltivare la consapevolezza e l'opposizione all'iniquità o cerchiamo spazi per l'azione politica calcolando la porzione di ali che siamo disposti a bruciare noi stessi? Un calcolo che ognuno di noi fa, siamo esseri umani pieni di imperfezioni e paure, ma è ridicolo cercare di dargli una giustificazione teorico/giuridica. Soprattutto perché lavorare sui propri limiti e sul desiderio di superarli è un processo di crescita individuale e di confronto all'interno della propria comunità - una situazione di conflitto, che non può essere codificata se non in modo etico.

Mi spiego: tra anarchici e anti-autoritari (l’area anarco-insurrezionalista e gli inarchi della Federazione Anarchica Italiana), se pensiamo che questo può avere ancora senso, dovremmo discutere nuovamente le cause prima delle conseguenze. Per tornare a considerare il significato troppo leggero dato ai criteri di azione, che hanno teso a darsi l'orizzonte - basso - della ricerca di nicchie di azione politica e di "possibili lotte”. Una volta compreso questo, possiamo riflettere in modo utile e concreto sugli effetti, sui casi particolari e sul modo migliore di combattere, altrimenti la discussione rimarrà incentrata su argomenti che sono spinti dalla repressione stessa, cioè il timore di sanzioni penali e amministrative[4].

Dobbiamo essere consapevoli che è facile per la repressione affidarsi alle divisioni del movimento (io continuo a ritenere che sia salutare e utile che esse esistano - anche se fortunatamente non esistono mai secondo i rigidi schemi che appartengono al potere), alle paure e alle incapacità di comprendere o usare le parole e i loro contenuti che ne derivano: il peso di diversi anni di cattive abitudini generalizzate nella contro-informazione e nelle pubblicazioni del movimento (censura e autocensura, discorso parziale, incapacità di mantenere uno sguardo aperto e critico a 360°) ha permesso, negli ultimi anni, troppi anni, a pubblici ministeri e investigatori di buttarsi su pochi siti web, giornali, blog.

L'incapacità di praticare la solidarietà verso la lotta contro l'autorità nelle sue molteplici espressioni (e quindi verso tutti i detenuti) permette di raggiungere l'attuale assurdità di chiedere a ciascun detenuto se vuole o meno la solidarietà, invece di praticarla semplicemente.

Sento di avere un'altra osservazione da fare sul tentativo di creare una mobilitazione collettiva (credo ancora limitata al movimento) per combattere il DNA sampling [una pratica repressiva ancora nuova e relativamente rara in Italia; ndr] o contro i processi in videoconferenza. In considerazione di come li ho vissuti nella mia carne, non sono lotte praticabili in termini di disobbedienza civile, resistenza passiva (anche se volevamo affrontarli in questo modo): sono lo specchio della trasformazione tecnologica della società, del neo-positivismo scientifico predominante, e, come altri aspetti di questi cambiamenti nella società contemporanea, possono - e devono - creare repulsione e risposta, ma a queste reazioni individuali di base non si deve dare il peso e il ruolo di una "lotta".

Cioè, posso rifiutare di consegnare i miei documenti ai poliziotti, di dare loro le mie impronte digitali o di fare l'identificazione fotografica (quando sono in carcere o durante un semplice VAG), posso rifiutare il campione di DNA o qualsiasi altra visita durante la visita medica all'ingresso in carcere, ma queste sono semplici e buone reazioni individuali contro la violazione della mia sfera fisica, contro l'imposizione dell'autorità sul mio corpo. Tuttavia, esse non possono essere interpretate come una lotta contro l'evoluzione tecnologica del controllo che, se necessario ai fini dell'applicazione della legge, viene comunque imposto (con mezzi subdoli o con la forza).

C'è un altro caso: il processo in videoconferenza. In questo caso, la legge stessa dà il diritto di rifiutare (vale a dire, di rifiutare di "essere presenti" in video e rimanere in silenzio nella sua cella); condurre una protesta attiva è piuttosto complicato e in ogni caso si concentrerebbe nel chiedere i diritti di difesa che vengono negati, oltre a lamentarsi della distanza, cosa che potrebbe essere il caso anche se uno è fisicamente presente in aula. Questo dipende sempre dalla loro buona volontà (gabbie lontane dal "pubblico", imputati rinchiusi in gabbie diverse, ecc.

Il processo di videoconferenza fa parte dell'ammodernamento tecnologico dell'intero sistema carcerario, che si sta muovendo sempre più verso il controllo remoto e l'automazione, così come il resto della società. Questo non significa che nessuna risposta è possibile, ma credo che dobbiamo scegliere, poiché le nostre forze non sono illimitate, le priorità che vogliamo dare a noi stessi - e il loro significato.

Anna

Roma, luglio 2018

 

Note :

1. All'inizio del processo Scripta Manent, ben 4 editori o ex editori di Radio Blackout [radio attivista torinese; ndr] sono stati chiamati come testimoni dell'accusa......, l'amministratore di un sito di controinformazione, il direttore del settimanale anarchico Umanità Nova [organo ufficiale della Federazione Anarchica Italiana; ndr] e un anziano compagno, già accusato nel processo Shadow, oltre al tentativo di convocare 4 attivisti già condannate in altri processi.

2.. Osservando solo la cartella di prova Scripta Manent, dal 2009 sono documentati i campioni di DNA provenienti dalle ricerche; dal 2015 sono stati effettuati confronti con le banche dati dei vari laboratori di polizia.

3. "Giuro di dire la verità"...., qualche spunto su come affrontare l'ennesima tattica per dividere e reprimere: la testimonianza in aula, 2018.

4. In più di un processo, si parla solo di aspetti legali, nel caso di un tentativo di bloccare una strada, l'occupazione di uno squat, si parla solo di sanzioni amministrative (che, tra l'altro, sono state recentemente una strategia vincente in molte occasioni).

 

Anna Beniamino

Terrorismo
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Due uomini, a diverse centinaia di km di distanza, attaccano a colpi di coltello passanti ignari. L’attentatore di Londra ucciso dalla polizia, quello de l’Aja è ancora in fuga
Un anno senza Silvia
Un anno senza Silvia
È ancora mistero sulla sorte della cooperante milanese sequestrata un anno fa in Kenya: secondo l’intelligence italiana sarebbe trattenuta in Somalia, dopo essere passata nelle mani di numerose bande armate
Come l’Isis sta rinascendo
Come l’Isis sta rinascendo
Secondo il capo dell’intelligence militare irachena, i nuovi leader dell’Isis stanno tramando di liberare migliaia di prigionieri per far rinascere il califfato del terrore
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Nuovi dettagli emergono sulla presunta partecipazione di Tamerlan Carnaev ad un caso tutt’ora irrisolto, avvenuto pochi mesi prima della strage alla maratona
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
Per un tribunale Hoda Muthana non sarebbe americana, ma soltanto nata in America da un funzionario yemenita alle Nazioni Unite. Un cavillo legale che per adesso le impedisce di tornare insieme al bimbo di due anni
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Il fenomeno sta diventando particolarmente preoccupante a Singapore e Hong Kong: numerosi casi di donne sole convinte a immolarsi in attacchi suicidi. L’obiettivo del Califfato è di spostarsi verso Oriente, alla ricerca di nuovi territori
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Rasmiya Awad, sorella del califfo dell’Isis, individuata insieme alla sua famiglia in un insediamento nel nord della Siria: per i turchi si tratta di “una miniera d’oro di informazioni di intelligence”
La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”
La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”
Ankara non ci sta all’indifferenza dell’UE verso i propri cittadini diventati jihadisti: non basta togliere la cittadinanza per liberarsene, tuona il ministro d egli esteri