Austria, i veleni dopo la strage

| Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme

+ Miei preferiti
La scia del sanguinoso attentato di Vienna si è trasformata in pesanti accuse reciproche e sull’inefficienza dei servizi segreti. Il ministro degli interni austriaco Karl Nehammer ha apertamente accusato la “Derad”, l’associazione che aveva seguito il caso di Fejzulai Kujtim, il ventenne di origine macedone già accusato di associazione di stampo terroristico e ucciso dalla polizia in uno scontro a fuoco.

Accuse che l’associazione ha respinto con forza, affermando che il giovane non era mai stato indicato su alcun documento come “soggetto derecalizzato”, scaricando di fatto la responsabilità sui servizi segreti, che proprio in mancanza di questo avallo avrebbero dovuto tenerlo sotto stretta sorveglianza. Ma se a questo si aggiunge che l’attentatore aveva annunciato il massacro con un post su Instagram, diventa chiaro che in Austria sia necessaria una “profonda revisione del sistema”.

Alle polemiche si aggiungono i pareri di alcuni esperti di terrorismo internazionale, che ammettono di considerare Vienna come un obiettivo molto facile per via di misure antiterrorismo poco rigide rispetto ad altri vicini europei, malgrado l’Austria sia il quarto Paese per numero di foreign fighters (in proporzione alla popolazione), rientrati in patria dopo essere passati da Siria e Iraq.

Le indagini, nel frattempo, hanno portato all’arresto di due cittadini svizzeri di 18 e 24 anni, fermati nelle scorse ore a Winterthur, in Svizzera. Non è chiaro il ruolo che si sospetta abbiano avuto nell’attentato di Vienna, rivendicato dall’Isis attraverso il canale “Amaq”, che ha definito Fejzulai Kujtim un “soldato del califfato”.

Terrorismo
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città