Battisti, solo con due dollari e odore di alcol
E presto sarà in Italia, lo dice Conte su Facebook

| L'ex terrorista vagava ozioso nel centro storico della città boliviana di Santa Cruz de la Sierra, maldestramente travestito. Preso da una task force Interpol. Per ora tace, subito estradizione in Italia dove lo attende una cella

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha annunciato su Facebook che Battisti "rientrerà in Italia nelle prossime ore, con un volo in partenza da Santa Cruz e diretto a Roma". Due uomini dell'Antiterrorismo e della Criminalpol sono sul posto. Mentre un aereo del governo italiano con a bordo anche uomini dell'Aise - l'Agenzia d'intelligence che si occupa dell'estero - e investigatori della Polizia è stato inviato oggi in Bolivia.  Non è ancora chiara la dinamica del rientro, ma il giornale brasiliano Folha de San Paolo riferisce le parole del generale Augusto Heleno, ministro del "gabinetto di sicurezza istituzionale", secondo cui un aereo della polizia federale brasiliana è partito per la Bolivia per portare il terrorista italiano Cesare Battisti in Brasile: "L'aereo atterrerà in Brasile come se fosse uno scalo. Ma non è uno scalo perché dovrà cambiare aereo per andare in Italia". Secondo il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, Battisti "sarà portato nel carcere più vicino allo scalo di atterraggio. Presumibilmente sarà Rebibbia".

Arrestato in Bolivia, a 150 km dalla Higuera (dove nel 1967 trovò la morte Ernesto Che Guevara con i suoi guerriglieri cubani), in un’operazione congiunta dagli investigatori brasiliani della Polizia Federale e una task force italiana, con il supporto dei servizi di sicurezza boliviani. Finisce così la ultra-decennale latitanza dell’ex guerrigliero del Pac (Proletari Armati per il Comunismo) Cesare Battisti (nella foto il momento del primo arresto, due anni fa, e della prima fuga sempre in Bolivia). 64 anni, in Italia deve scontare due ergastoli per altrettanti omicidi politici. Passeggiava, maldestramente travestito, in una calle affollata di Santa Cruz de la Sierra, Bolivia, una città di oltre 2 milioni di abitanti, la città più popolosa nell'entroterra del Paese. Barba finta, abiti transadati, in tasca aveva la carta d’identità brasiliana con il suo vero nome. E' stato catturato alle 17:09 di sabato 12 gennaio, le 22 in Italia, da una task force dell’Interpol formata da investigatori italiani, boliviani e brasiliani che ha finalmente messo le manette ai polsi a un pluri-assassino. Una primula rossa che della fuga aveva fatto una scienza esatta, beffandosi della vittime e di chi era deciso ad arrestarlo. Jeans e maglietta blu, berretto di tela, lenti scure sugli occhi. Non avrebbe detto una sola parola una volta in caserma della polizia locale, durante il rito del foto-segnalamento, la presa delle impronte digitali, più il tampone orofaringeo per risalire con certezza assoluta al suo DNA. Gli 007 brasiliani avevano dato, poco prima di Natale, un’informazione preziosa all’Interpol e alla squadra di detective italiani piombati in Brasile all’indomani del mandato di arresto emesso da un giudice. ma Battisti non c’era più. Sparito nel nulla. L’informazione era precisa e certa: l’ex terrorista si trovava in Bolivia, dove cercava asilo presso un governo che ha già protetto transfughi delle Farc colombiane e di altri gruppi di sinistra sudamericani. Ma questa volta il gioco non ha funzionato. L’estradizione è già stata concessa, fra poche ore Cesare Battisti sarà rinchiuso in una cella per detenuti con giudizio definitivo all'interno di un carcere di italiano di massima sicurezza. Giustizia è stata fatta per le vittime di una sanguinosa stagione, quella del terrorismo rosso, che insanguinò l’Italia per oltre 10 anni.

 
Terrorismo
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce
L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato
L’Isis sta rinascendo<br>più forte e organizzato
Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia