Battisti come Assange

| Cercava rifugio in un’ambasciata. Le ultime novità sulla fuga del terrorista dei Pac, con l’ottimismo della polizia brasiliana: “lo prenderemo”

+ Miei preferiti
Luana Priscila Pereira, per cinque anni – fra il 2012 ed il 2017 compagna di Cesare Battisti – ne è certa: l’ex terrorista su cui pesa un mandato di cattura internazionale, ne è certa: avrebbe voluto fare come Julian Assange, la mente di “WikiLeaks”, trovando rifugio nel consolato di un non meglio precisato paese amico. La donna, 33 anni, insegnante, ha raccontato la sua versione al quotidiano “Folha de S. Paulo”, aggiungendo di non avere alcuna idea di dove possa trovarsi il terrorista dei PAC, fra l’altro definito “un uomo amorevole, pacifico e buono”.

La polizia brasiliana, intanto, continua a mostrare ottimismo: Battisti sarà catturato e riconsegnato all’Italia anche grazie alla cooperazione fra le forze di polizia brasiliane e quelle internazionali di Interpol ed Europol.

“Il Messaggero” ha anche rivelato che ci sarebbe stata una trattativa fra l’avvocato di Battisti e Raul Jungmann, ministro della sicurezza brasiliano, ma senza riuscire a trovare una soluzione. 

Ma è comunque polemica, perché le indiscrezioni della stampa che annunciavano l’arresto per estradizione avrebbero dato a Battisti il tempo di sparire, nella sua migliore tradizione. In più, al governo brasiliano viene anche contestata la mancanza di una taglia per chiunque sia in grado di fornire informazioni. Raul Jungmann si difende: in Brasile non è prevista, “ma nulla vieta all’Italia di farlo”.

Bolsonaro, intervenendo sul caso, ha svelato di 32 blitz effettuati dalla polizia per individuare il rifugio del terrorista italiano. 

Terrorismo
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo
La vittima numero 87 della strage di Nizza
La vittima numero 87 della strage di Nizza
Tahar Mejri aveva perso la moglie e il figlio di 4 anni, travolti dal tir che aveva trasformato in carneficina il lungomare della città francese. È morto di dolore, lasciandosi andare
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Un giovane originario del Bangladesh, radicalizzato in America, è stato agganciato da un agente sotto copertura che lo ha assecondato in tutto: quando ha tentato di acquistare delle armi, è stato arrestato
Il misterioso complice della 'compagna Mara'
Il misterioso complice della
Quarantaquattro anni dopo il conflitto a fuoco alla Cascina Spiotta tra carabinieri e Brigate Rosse, dove morirono un militare e Margherita Cagol, moglie di Curcio, ancora non è noto il nome del brigatista che riuscì a fuggire
Il pianto di Battisti: 'Toglietemi l'ergastolo'
Il pianto di Battisti:
I legali dell'ex guerrigliero dei Pac (quattro omicidi, due ergastoli) tentano la strada del ricorso in Cassazione. I legali, invase a un accordo tra Italia e Brasile, chiedono la commutazione della pena a 30 anni di carcere.
La vedova dell'Isis sulle tracce di al-Baghdadi
La vedova dell
Catturata e condannata per terrorismo e violenza, ha iniziato a collaborare con la Cia e i servizi segreti svelando modi e metodi utilizzati dal califfo per spostarsi e nascondersi
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Nel pacco bomba è stata individuato una quantità minima dell’esplosivo più volte utilizzato dall’Isis. L’ordigno azionato a distanza. I dubbi della polizia francese
Johnny il Talebano torna libero
Johnny il Talebano torna libero
John Walker Lindh ha scontato 20 anni per terrorismo, ma l’America non è convinta che ex terroristi possano reinserirsi nella società civile. La storia di un ragazzo che ha scelto di combattere al fianco dei Talebani
Liberato Alessandro Sandrini
Liberato Alessandro Sandrini
Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano