Battisti indottrinato dall'ex ideologo dei PAC

| Fatale l'incontro con Arrigo Cavallina, tra i fondatori dei PAC, poi dissociato, nel 1977. Lui era un delinquente comune, evase e divenne un guerrigliero puri-assassino. Le sue vittime

+ Miei preferiti

C’è sempre un inizio, un‘alfa nella storia di tutti. Per Battisti, delinquente comune dedito alle rapine, l’ideologo che lo trascinò nelle spire del terrorismo rosso fu il carismatico Arrigo Cavallina, un veronese ora di 74 anni, incontrato in carcere nel 1977. Un anno chiave per la l’ultima vampata del terrorismo rosso prima di naufragare nel sangue e nel sequestro-omicidio Moro, dove era detenuto per reati politici. Lo conobbe in carcere, lo trasformò in un guerrigliero comunista, arruolato nei Pac appunto creati da Cavallina e da altri ex Br ed ex Prima Linea. Fu infatti uno dei fondatori del gruppo eversivo Proletari Armati per il Comunismo, tra i cui attivisti figura anche Cesare Battisti, che conobbe Cavallina in carcere nel 1977 durante un periodo di detenzione per reati comuni. Secondo Wikipedia, Cavallina in seguito si dissociò dal PAC, “figurando fra i protagonisti della "dissociazione politica dal terrorismo". Arrestato nuovamente il 21 settembre 1979, scontò la pena carceraria inflittagli in seguito alle responsabilità derivanti dalle attività eversive (22 anni poi ridotti a 12 per indulto e buona condotta). “Scarcerato preventivamente per la sua partecipazione all'opera rieducativa e scaduti i termini di pena, Arrigo Cavallina si è dedicato ad attività sociali e di volontariato. Dopo aver conosciuto il cardinale Carlo Maria Martini, arcivescovo di Milano, Cavallina si è convertito al cattolicesimo. Ha descritto il suo percorso autobiografico nel libro La piccola tenda d'azzurro edito da Ares”. 

Battisti, ex terrorista dei Pac, i Proletari armati per il comunismo, è stato condannato per quattro omicidi, due commessi materialmente, due in concorso: quello del maresciallo degli agenti di custodia Antonio Santoro, ucciso a Udine il 6 giugno 1978, quello del gioielliere Pierluigi Torregiani a Milano e del commerciante Lino Sabbadin a Mestre, che militava nel Msi, “giustiziati” dalle cellule dei Pac dei Pac il 16 febbraio 1979. Chiude la scia di sangue l’assassinio dell”agente della Digos Andrea Campagna, ucciso a Milano il 19 aprile 1978. Nato a Cisterna di Latina il 18 dicembre 1954, la sua è una vita segnata da mille peripezie, fughe, colpi di scena. E richieste di estradizione partite da Roma e andate in fumo. Nei primi anni ’70 abbandona la scuola e inizia la carriera criminale. Nel 1972 il primo arresto per una rapina a Frascati e due anni dopo per rapina con sequestro di persona a Sabaudia.

Nel ”76 si trasferisce a Milano e partecipa a varie azioni criminali. Viene arrestato di nuovo, sempre per rapina, e rinchiuso nel carcere di Udine dove da delinquente comune fa il salto politico, indottrinato appunto da Arrigo Cavallina. In questi anni partecipa alle azioni di “auto-finanziamento” del gruppo eversivo, che gli costeranno un”altra volta la libertà. Nel processo per l”omicidio dell’orefice Torregiani viene condannato nel ’79 a 13 anni e 5 mesi: detenuto nel carcere di Frosinone, nel 1981 evade grazie ad un assalto dei terroristi. La giustizia va comunque avanti e nell’85 lo condanna in contumacia all”ergastolo per vari reati legati alla lotta armata e per i quattro omicidi, sentenza confermata dalla Cassazione nel 1991.

Terrorismo
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore