Battisti spera nella clemenza dello Stato

| Il 66enne in carcere ad Oristano chiede la cancellazione dell'ergastolo per una pena più mite per accedere alle misure alternative. L'avvocato: "Farò il possibile perché non muoia in cella". E ammette i quattro omicidi

+ Miei preferiti
Di Alberto C.Ferro

Il quasi 66enne Cesare Battisti, in carcere ad Oristano dove sconta in una cella di massima sicurezza l’ergastolo per quattro omicidi finalmente ammessi, vorrebbe uscire (vivo) dal caceere. L’idea è di ottenere, non subito, l’accesso a misure alternative, data l’età e quello che si potrebbe definire - con l’ammissione delle sue colpe - una specie di pentimento. In una lettera scritta a uno dei suoi sostenitori più fervidi, l’ex guerrigliero del Pac, latitante per 37 anni e arrestato in Bolivia dopo una latitanza dorata in Brasile, racconta di sentirsi “piegato nel fisico e nel morale” e invoca clemenza dallo Stato. Le sue ragioni tecnico-giuridico le spiega bene il suo avvocato di di fiducia, Davide Steccanella, studioso e storico del terrorismo, in una recente intervista all’AGI. Uno dei temi sarebbe  l’accordo con il Brasile che prevedeva la commutazione dell’ergastolo in una pena definita per ragioni costituzionali. Spiega il legale: “Il mio impegno è far sì che Cesare Battisti non muoia in carcere. Tu non puoi rimproverare di avere violato la legge se non sei il primo a rispettarla e uno Stato che non rispetta la legge perde autorevolezza anche nei confronti di chi la viola… La situazione di Battisti è molto particolare perché qui non soltanto si parla di fatti commessi 40 anni fa, ma anche di una persona che è andata via dall’Italia 40 anni fa, nel 1979 quando, dopo  due anni di galera, è stato fatto evadere da altri, è andato all’estero e non ha più fatto rientro nel nostro Paese. Ora, chiunque abbia potuto vivere in Italia negli ultimi 40 anni sa che questo è un Paese completamente diverso. C’è questo duplice problema: sono vecchi i fatti ed è vecchissimo questo rapporto con lo Stato che in questo momento sta eseguendo nei suoi confronti una pena”.

L’avvocato Steccanella respinge anche le ipotesi che dietro alle fortunose fughe nel corso dei decenni ci sia lo zampino dei Servizi di qualche paese occidentale, vedi la Francia. Fatto che Battisti nega da sempre con forza. Semmai parla di solidarietà internazionale tra “compagni della stessa fede” che lo avrebbe sostenuto e protetto. “Da quello che ho capito io, mi pare assolutamente compatibile la sua versione. Ai tempi anche prendere gli aerei non era così complicato come oggi, è pieno di casi, non sarebbe né il primo né l’ultimo ad averlo fatto in quegli anni, non è necessario che ci sia dietro chissà quale protezione francese. Tra l'altro con la Francia lui ha un rapporto particolare perché è stato per tanti anni al riparo della cosiddetta 'dottrina Mitterand' che poi è saltata praticamente per lui perché sono pochissimi i casi contrari.  Non credo francamente che abbia avuto protezioni al di là di quello che ha dichiarato".

Poi, finalmente, il capitolo degli omicidi. Battisti ha sempre negato di essere un assassino; ora ammette “di avere avuto un ruolo materiale o come mandante in quattro omicidi”: quelli del maresciallo degli agenti di custodia del carcere di Udine Antonio Santoro, del gioielliere Pierluigi Torregiani, del commerciante Lino Sabbadin e del poliziotto Andrea Campagna.

Nell’interrogatorio davanti al pm, Battisti è entrato nei dettagli, spiegando che il poliziotto Andrea Campagna fu ucciso “su indicazione data dal collettivo di Zona Sud in quanto Campagna era stato ritenuto uno dei principali responsabili di una retata ai danni dei compagni del collettivo Barona che erano poi stati torturati in caserma”.

Com’è, come si sente, come vive il carcere? "L’ho visto per la prima volta nel carcere di massima sicurezza, è una persona di 65 anni che ha tutta una storia particolare, completamente diversa dalla mia, per cui all’inizio è stato un po’ difficile. Quello che posso dire è che mi pare una persona sincera. Il mito che era stato costruito non mi sembra corrispondere per niente alla persona fisica e reale che in questi mesi sto conoscendo. Sicuramente la mia impressione è migliore di quella che la stampa aveva trasmesso".

 
Terrorismo
Uccidere come in un videogame
Uccidere come in un videogame
È successo ancora una volta ad Halle, in Germania: un attentatore ha scelto di riprendere e divulgare le fasi del tentato massacro, utilizzando il linguaggio tipico dei videogames
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Sono gli ultimi sopravvissuti del gruppo di tagliagole più mediaticamente celebre. Arrestati dalle milizie curde, sono stati presi in consegna dagli americani, che ora vogliono processarli
Riesplode il caso di Jihadi Jack
Riesplode il caso di Jihadi Jack
L’ex studente di Oxford partito per arruolarsi nell’Isis è stato ripreso in un video che mostra le condizioni delle carceri curde. I genitori chiedono il rimpatrio, ma il governo nega con forza
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
Quasi un mese e mezzo dopo la rivelazione di un canale televisivo americano, gli Stati Uniti confermano la morte del figlio di Osama bin Laden
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Nel giorno delle commemorazioni dell’11 settembre, il successore di Bin Laden Al Zawahiri rinnova la minaccia di colpire gli Stati Uniti e i loro alleati
Isis, catturato in Germania il boia di Dara'a
Isis, catturato in Germania il boia di Dara
Processo a Coblenza per crimini di guerra. Tradito dai suoi ex compagni e dalle immagini e video che lo riprendono con in mano teste appena mozzate che lui derideva. Rischia 10 anni di carcere
Il 'santo stragista' e i suoi devoti discepoli
Il
IN USA, Europa e Commonwealth si diffonde il culto per chi ha ucciso in nome del suprematismo per combattere la "sostituzione" del controllo dei bianchi da parte di ebrei, islamici, etnie latine e straniere. E l'idolo è Tarrant
Il corpo di una donna nella casa dell'attentatore
Il corpo di una donna nella casa dell
Oslo, macabra scoperta nell'alloggio del 20enne che era entrato armato in una moschea aprendo il fuoco e ferendo una persona. Un 75enne è riuscito a bloccarlo e lo consegnato alla polizia
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Lo dice un report delle Nazioni Unite, che ha valutato le riserve finanziarie e le forze sul campo ancora legate all’Isis. A preoccupare è anche il futuro dei 2000 foreign fighters tornati in Europa
Mogadiscio, l'estremo sacrificio di un sindaco che voleva la pace
Mogadiscio, l
Abdirahman Omar Omar Osman era un ingegnere britannico che aveva deciso di tornare in patria per aiutare gli eritrei contro i terroristi di Al Shabaab. Ucciso da un kamikaze. il dolore del figlio che studia a Londra