Belfast, condanne per gli ex Ira

| Due attivisti che hanno continuato ad esaltare anche recepente le imprese criminali dell'Ira condannati a severe pene detentive

+ Miei preferiti
In Irlanda del Nord le ombre dell'Ira tornano nelle aule dei tribunali. A Belfast, l'ex militante Sean Carlin è stato condannato per l'appartenenza ad un'organizzazione illegale. Nel 2017, aveva esposto una bandiera della Brigata INLA Belfast in occasione di una commemorazione per i veterani della Belfast Brigade, caduti alla fine degli anni Ottanta nel corso di operazione terorristiche o durante la reazioni delle forze di polizia o dell'Esercito Inglese. È stato condannato a tre anni di prigione con una sospensione condizionale di due anni. Un altro attivista "non pentito", Conor Metcalfe è stato condannato dal Tribunale Penale Speciale per l'appartenenza ad un'organizzazione illegale, l'IRA di Belfast. Osservano i redattori di Secour Rouge. "Il suo rifiuto di rispondere al Gardai (la polizia irlandese) ha contribuito al verdetto di colpevolezza. In Irlanda, la sezione del codice penale relativa ai reati di Stato consente di effettuare detrazioni sulla base del rifiuto dell'indagato di rispondere. La sentenza sarà pronunciata il 25 gennaio, mentre Metcalfe rimane in carcere.
 
Terrorismo
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Si aggirava da giorni nei dintorni dell’ambasciata americana della capitale belga: è sospettato di essere il basista di un gruppo prossimo a colpire o un attentatore lui stesso
Condannati i genitori di Jihadi Jack
Condannati i genitori di Jihadi Jack
L’Old Bailey li ha ritenuti colpevoli di finanziamento del terrorismo per aver inviato del denaro a loro figlio, che si era unito alle file dell’Isis. La coppia si difende: “Qualsiasi genitore l’avrebbe fatto”
Torna in cella Ternera leader ETA
Torna in cella Ternera leader ETA
Il terrorista, rilasciato dalla Francia dove era in carcere, subito ricatturato per la richiesta estradizione in Spagna. Coinvolto in rapine e omicidi, partecipò anche all'attentato, 1973, in cui morì il premier Carrero Blanco
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo
La vittima numero 87 della strage di Nizza
La vittima numero 87 della strage di Nizza
Tahar Mejri aveva perso la moglie e il figlio di 4 anni, travolti dal tir che aveva trasformato in carneficina il lungomare della città francese. È morto di dolore, lasciandosi andare
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Un giovane originario del Bangladesh, radicalizzato in America, è stato agganciato da un agente sotto copertura che lo ha assecondato in tutto: quando ha tentato di acquistare delle armi, è stato arrestato
Il misterioso complice della 'compagna Mara'
Il misterioso complice della
Quarantaquattro anni dopo il conflitto a fuoco alla Cascina Spiotta tra carabinieri e Brigate Rosse, dove morirono un militare e Margherita Cagol, moglie di Curcio, ancora non è noto il nome del brigatista che riuscì a fuggire
Il pianto di Battisti: 'Toglietemi l'ergastolo'
Il pianto di Battisti:
I legali dell'ex guerrigliero dei Pac (quattro omicidi, due ergastoli) tentano la strada del ricorso in Cassazione. I legali, invase a un accordo tra Italia e Brasile, chiedono la commutazione della pena a 30 anni di carcere.
La vedova dell'Isis sulle tracce di al-Baghdadi
La vedova dell
Catturata e condannata per terrorismo e violenza, ha iniziato a collaborare con la Cia e i servizi segreti svelando modi e metodi utilizzati dal califfo per spostarsi e nascondersi