Bombe islamiche in cattedrale, 27 morti e 56 feriti nella Messa della domenica

| Tensione a Jolo (Filippine) dopo un attentato di matrice islamica nella missione cattolica. Due ordigni sono esplosi a pochi istanti uno dall'altro, provocando anche 56 feriti. La firma dei miliziani del gruppo Abu Sayyaf

+ Miei preferiti

MICHAEL O' BRIEN

Il gruppo terrorista islamico delle FiIippine Abu Sayyaf , rspinsabile di decine di attentati nonché del rapimento di numerosi cittadini stranieri (il 31 dicembre, due persone sono state uccise in un'esplosione fuori da un trafficato centro commerciale a Cotabato City) avrebbe firmato l’attentato alla chiesa cattolica costato in queste ore la vita a 27 persone con decine di feriti. Abu Sayyaf - insieme al gruppo Maute, un'altra organizzazione terroristica con sede a Mindanao - è stata nel frattempo responsabile dell'invasione e dell'occupazione di Marawi, la più grande città a maggioranza musulmana del paese, nel 2017. I militanti affiliati all'ISIS avevano assediato Marawi per cinque mesi, e la violenza ha costretto più di 350.000 residenti a fuggire dalla città, le case sono state ridotte in macerie da attacchi aerei e incendi. Nei 150 giorni dell'operazione dell'esercito filippino di evacuazione dei militanti, più di 800 militanti e 162 membri delle forze di sicurezza governative erano stati uccisi. E oggi altre due bombe hanno devastato una cattedrale cattolica romana nel sud delle Filippine.

Secondo le autorità della Regione Autonoma di Mindanao, due ordigni esplosivi sono esplosi a intervalli nella cattedrale cattolica di Jolo, nella regione di Mindanao, all’indomani dal referendum sull’autonomia della regione proposta dai musulmani. Almeno 56 persone sono rimaste ferite, alcune in modo gravissimo, Il primo dispositivo è divampato all'interno della cattedrale, e il secondo ha preso di mira i soldati vicini che si erano precipitati per aiutare le vittime della prima esplosione, ha detto il portavoce delle Forze Armate delle Filippine, secondo una tecnica già esprimentata altrove dai seguaci dell’Isis.

In una dichiarazione, il segretario alla Difesa Delfin N. Lorenzana ha condannato l’attentato e ha ordinato alle truppe di "innalzare il loro livello di allerta" e a proteggere i luoghi di culto e gli spazi pubblici. "Mentre porgiamo le nostre più sincere condoglianze alle famiglie e agli amici delle vittime e offriamo la nostra solidarietà al popolo pacifico di Sulu, gravemente colpito da questo atto vile, assicuriamo alla nostra gente che useremo tutta la forza della legge per assicurare alla giustizia i responsabili", ha detto Lorenzana.

Ha esortato la popolazione a "mantenere la calma ed evitare di diffondere il panico nelle nostre rispettive comunità per negare al terrorismo qualsiasi vittoria".

Il Vicariato Apostolico di Jolo è una missione cattolico latino-cattolico.

L'esplosione segue un referendum del lunedì che chiede alla maggioranza della popolazione musulmana di sostenere il piano dei separatisti e del governo per creare una nuova regione autogestita. Il referendum ha chiesto di creare una nuova regione autonoma musulmana che potrebbe portare a una soluzione pacifica tra il governo e il gruppo ribelle del Fronte di liberazione islamica Moro - un conflitto che dagli anni '70 ha mietuto 120.000 vittime. La maggioranza dei 2,8 milioni di persone che hanno partecipato al voto ha sostenuto il referendum, ma la città di Jolo lo ha respinto.

La Philippines Commission on Elections ha annunciato venerdì scorso che il referendum è stato ratificato dopo aver contato i voti di cinque province.

Soldati e polizia hanno isolato l'area dopo che due bombe sono esplose fuori da una cattedrale cattolica romana. La regione di Mindanao è stata per decenni teatro di violenze tra musulmani e cristiani.

 
Galleria fotografica
Bombe islamiche in cattedrale, 27 morti e 56 feriti nella Messa della domenica - immagine 1
Bombe islamiche in cattedrale, 27 morti e 56 feriti nella Messa della domenica - immagine 2
Bombe islamiche in cattedrale, 27 morti e 56 feriti nella Messa della domenica - immagine 3
Bombe islamiche in cattedrale, 27 morti e 56 feriti nella Messa della domenica - immagine 4
Bombe islamiche in cattedrale, 27 morti e 56 feriti nella Messa della domenica - immagine 5
Terrorismo
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra
'L'abbiamo uccisa per errore'
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra<br>
I terroristi nordirlandesi spiegano che Lyra Mc Kee è stata "tragicamente uccisa durante un attacco a una forza nemica". Prime analisi. La polizia: "Torna la lotta armata"
Sangue sulla Pasqua
Sangue sulla Pasqua
Otto esplosioni quasi simultanee in Sri Lanka lasciano a terra 200 morti e quasi 500 feriti. Le autorità proclamano il coprifuoco e oscurano i social: “Sappiamo chi sono, li prenderemo”
Irlanda: torna l’incubo dell’Ira
Irlanda: torna l’incubo dell’Ira
Scoppiano le tensioni fra manifestanti e la polizia a Derry: uccisa una giornalista di 29 anni. Per la polizia si tratta di terrorismo
Bufera sulla presentazione della Balzerani
Bufera sulla presentazione della Balzerani
La brigatista rossa, mai pentita o dissociata, viene invitata a Milano in una serata per presentare il suo nuovo libro, e scatta la protesta dei familiari delle vittime
A processo in Germania una donna dell’Isis
A processo in Germania una donna dell’Isis
Una 27enne di origine tedesca che si era unita ai tagliagole deve rispondere della fine di un bimba di cinque anni, incatenata e lasciata morire di sete
Sergio Zanotti interrogato dal pm
Sergio Zanotti interrogato dal pm
L’italiano liberato in Siria deve spiegare le modalità di un sequestro che per molti è risultato anomalo fin dall’inizio, nel 2016
Silvia Romano è stata uccisa?
Silvia Romano è stata uccisa?
L’ipotesi lanciata da un quotidiano kenyano, che ha raccolto gli umori del villaggio in cui viveva la giovane volontaria italiana. Nessuna conferma dalle autorità, ma neanche una smentita. L’altro caso insoluto: Luca Tacchetto
Strage di Bologna
nuove prove in un filmato
Strage di Bologna<br>nuove prove in un filmato
Le immagini, girate da un turista tedesco, riprenderebbero Paolo Bellini, “l’aviere” di Avanguardia Nazionale citato in intercettazioni che avrebbe avuto il compito di piazzare l’esplosivo
Cesare Battisti si dichiara colpevole
Cesare Battisti si dichiara colpevole
Per la prima volta, davanti ai magistrati italiano, l’ex terrorista dei Pac ammette “ciò che è ricostruito negli atti giudiziari corrisponde al vero”
L’Isis non esiste più
L’Isis non esiste più
Lo ha annunciato un portavoce della Casa Bianca: l’ultima roccaforte di Baghouz è caduta. Donald Trump si prende tutto il merito della vittoria: “prima che arrivassi io era un casino”