Br in Francia, decideranno i magistrati

| Il governo francese interviene sul caso dei terroristi latitanti in Francia: "Non siamo il Brasile di Bolsonaro, ogni caso sarà valutato dai giudici"

+ Miei preferiti

La Francia non è il Brasile di Jair Bolsonaro e spetterà ai magistrati valutare “caso per caso” le richieste di estradizione di una dozzina di ex brigatisti italiani da decenni in esilio Oltralpe. Lo ha detto oggi la ministra degli Affari europei, Nathalie Loiseau, ribadendo la disponibilità annunciata nelle scorse settimane a valutare la richiesta di Roma. E' una risposta indiretta agli interventi del ministro Salvini per riportare in Italia gli ex terroristi con condanne in giudicato. “Spetta alla giustizia valutare chi debba essere estradato”, ha detto ai microfoni della tv CNEWS, rimarcando ancora una volta che “per anni in Francia si è sottovalutato il trauma inflitto all’Italia dai terroristi delle Brigate rosse, questo non lo condivido e mi colpisce”. “Oggi saranno i magistrati in funzione di diritto che determineranno caso per caso” se accogliere o meno le richieste italiane. In ogni caso, ha aggiunto, “non tocca al ministro degli Interni italiano immischiarsi nei procedimenti giudiziari”. Alla domanda se “la Francia agirà come il Brasile di Jair Bolsonaro con la spettacolare estradizione di Cesare Battisti”, la ministra ha risposto: “Non farei paragoni con Bolsonaro, in questo caso è la giustizia francese che ha l’autorità di procedere… i magistrati valuteranno caso per caso”.

Terrorismo
Johnny il Talebano torna libero
Johnny il Talebano torna libero
John Walker Lindh ha scontato 20 anni per terrorismo, ma l’America non è convinta che ex terroristi possano reinserirsi nella società civile. La storia di un ragazzo che ha scelto di combattere al fianco dei Talebani
Liberato Alessandro Sandrini
Liberato Alessandro Sandrini
Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Una vicenda poco conosciuta degli attacchi sucidi di Pasqua che hanno fatto oltre 250 vittime. Il paese resta in massima allerta: messe cancellate e burqa vietato perché “è una bandiera del fondamentalismo”
Sventati due attentati terroristici
Sventati due attentati terroristici
Il primo a Los Angeles, dove un ex militare progettava di colpire diverso obiettivi, il secondo nuovamente a Christchurch, in Nuova Zelanda, dove in un appartamento sono stati trovate munizioni e una bomba
Le nuove ombre del terrore
Le nuove ombre del terrore
Dopo gli attacchi in Sri Lanka, gli analisti internazionali dell'antiterrorismo sono convinti che l’Isis non sia stato sconfitto, ma ha solo cambiato pelle e strategia per continuare a colpire e seminare morte e paura
Sri Lanka, tra arresti e timori
Sri Lanka, tra arresti e timori
Mentre il turismo crolla, le forze speciali intensificano i controlli: la scorsa notte è stato individuato un covo dei miliziani che hanno preferito farsi saltare in aria
Isis: la squadra della morte
Isis: la squadra della morte
Due medici britannici entrati nelle file dell’Isis sono accusati di torture e atrocità: asportavano organi e realizzavano esperimenti chimici come i nazisti. Secondo l’intelligence guidavano una squadra di tortura in Siria
Il terrorista diventato cittadino americano
Il terrorista diventato cittadino americano
Un jihadista islamico condannato per aver tentato di far saltare in aria un autobus è riuscito ad ottenere la cittadinanza statunitense rimanendo nel paese indisturbato per quasi un decennio
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra
'L'abbiamo uccisa per errore'
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra<br>
I terroristi nordirlandesi spiegano che Lyra Mc Kee è stata "tragicamente uccisa durante un attacco a una forza nemica". Prime analisi. La polizia: "Torna la lotta armata"
Sangue sulla Pasqua
Sangue sulla Pasqua
Otto esplosioni quasi simultanee in Sri Lanka lasciano a terra 200 morti e quasi 500 feriti. Le autorità proclamano il coprifuoco e oscurano i social: “Sappiamo chi sono, li prenderemo”