Brenton Tarrant
un altro killer della porta accanto

| Dietro una vita all’apparenza normale, si nascondeva un crescendo di odio e rancore verso il mondo islamico, che andava punito. Il profilo del farneticante killer che ha insanguinato la Nuova Zelanda

+ Miei preferiti
Anders Breivik, il killer di Utoya, 77 morti, Dylan Roof, autore della strage di Charleston del 2015, 9 vittime, Anton Lundin Pettersson, 4 morti nella strage di Trollhattan nel 2015, Darren Osborne, una vittima a Londra, Luca Traini, 6 feriti a Macerata nel febbraio 2018. Sono i folli a cui si è ispirato Brenton Tarrant, 28 anni, il “white supremacist” il cui nome è già entrato nell’elenco delle peggiori stragi di sempre. Alle sue spalle, nelle due moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda, si è lasciato 49 morti, filmando tutto con una piccola videocamera perché il mondo vedesse e sapesse.

L’ennesimo killer della porta accanto, il giovane che adesso tutti raccontano come appena un po’ strano, ma nulla di più, e che invece covava odio, rancore e vendetta. Tarrant è originario dell’Australia, il New South Wales: appassionato frequentatore di palestre, ha lavorato dal 2009 al 2011 come personal trainer presso la “Big River Gym” di Grafton, era riuscito a sfruttare il boom iniziale dei “Bitcoin” per mettete insieme un po’ di denaro, mollare tutto e parte, visitando Asia ed Europa. Offriva formazione gratuita ai bambini, dice qualcuno, lui stesso di definisce “un uomo bianco qualunque che viene da una famiglia di lavoratori della classe operaia, gente che ha sempre guadagnato poco”. Suo padre Rodney è morto nell’agosto del 2010, a 49 anni, per un cancro provocato dall’amianto.

L’hanno catturato vivo, ma pensando di non riuscire a scamparla si era premurato di scrivere tutto, spiegando in un’ottantina di pagine deliranti com’è nata la folle idea di “difendere la razza bianca dagli invasori e vendicare gli attacchi terroristici di matrice islamica in Europa”. Avrebbe voluto vedere morta il cancelliere tedesco Angela Merkel, il sindaco di Londra Sadiq Khan, il presidente turco Erdogan.

Per caricarsi d’odio ogni angolo della mente, Tarrant ha letto gli scritti lasciati da gente come lui, che un giorno ha deciso fosse giusto uccidere. 

Sui fucili di Tarrant, un vero arsenale, il dettaglio che ha colpito tutto il mondo: tantissime scritte bianche sulla canna, sui caricatori, sull’impugnatura. Si riferiscono a personaggi storici come Carlo Martello, che nel 732 respinse l’invasione arabo-islamica in Europa, o luoghi legati a fatti di cronaca, come Rotheram, località dello Yorkshire dove si registrarono 1400 casi di abusi su minori da parte della folta comunità pakistana.

Galleria fotografica
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto - immagine 1
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto - immagine 2
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto - immagine 3
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto - immagine 4
Terrorismo
Johnny il Talebano torna libero
Johnny il Talebano torna libero
John Walker Lindh ha scontato 20 anni per terrorismo, ma l’America non è convinta che ex terroristi possano reinserirsi nella società civile. La storia di un ragazzo che ha scelto di combattere al fianco dei Talebani
Liberato Alessandro Sandrini
Liberato Alessandro Sandrini
Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Una vicenda poco conosciuta degli attacchi sucidi di Pasqua che hanno fatto oltre 250 vittime. Il paese resta in massima allerta: messe cancellate e burqa vietato perché “è una bandiera del fondamentalismo”
Sventati due attentati terroristici
Sventati due attentati terroristici
Il primo a Los Angeles, dove un ex militare progettava di colpire diverso obiettivi, il secondo nuovamente a Christchurch, in Nuova Zelanda, dove in un appartamento sono stati trovate munizioni e una bomba
Le nuove ombre del terrore
Le nuove ombre del terrore
Dopo gli attacchi in Sri Lanka, gli analisti internazionali dell'antiterrorismo sono convinti che l’Isis non sia stato sconfitto, ma ha solo cambiato pelle e strategia per continuare a colpire e seminare morte e paura
Sri Lanka, tra arresti e timori
Sri Lanka, tra arresti e timori
Mentre il turismo crolla, le forze speciali intensificano i controlli: la scorsa notte è stato individuato un covo dei miliziani che hanno preferito farsi saltare in aria
Isis: la squadra della morte
Isis: la squadra della morte
Due medici britannici entrati nelle file dell’Isis sono accusati di torture e atrocità: asportavano organi e realizzavano esperimenti chimici come i nazisti. Secondo l’intelligence guidavano una squadra di tortura in Siria
Il terrorista diventato cittadino americano
Il terrorista diventato cittadino americano
Un jihadista islamico condannato per aver tentato di far saltare in aria un autobus è riuscito ad ottenere la cittadinanza statunitense rimanendo nel paese indisturbato per quasi un decennio
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra
'L'abbiamo uccisa per errore'
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra<br>
I terroristi nordirlandesi spiegano che Lyra Mc Kee è stata "tragicamente uccisa durante un attacco a una forza nemica". Prime analisi. La polizia: "Torna la lotta armata"
Sangue sulla Pasqua
Sangue sulla Pasqua
Otto esplosioni quasi simultanee in Sri Lanka lasciano a terra 200 morti e quasi 500 feriti. Le autorità proclamano il coprifuoco e oscurano i social: “Sappiamo chi sono, li prenderemo”