Brenton Tarrant
un altro killer della porta accanto

| Dietro una vita all’apparenza normale, si nascondeva un crescendo di odio e rancore verso il mondo islamico, che andava punito. Il profilo del farneticante killer che ha insanguinato la Nuova Zelanda

+ Miei preferiti
Anders Breivik, il killer di Utoya, 77 morti, Dylan Roof, autore della strage di Charleston del 2015, 9 vittime, Anton Lundin Pettersson, 4 morti nella strage di Trollhattan nel 2015, Darren Osborne, una vittima a Londra, Luca Traini, 6 feriti a Macerata nel febbraio 2018. Sono i folli a cui si è ispirato Brenton Tarrant, 28 anni, il “white supremacist” il cui nome è già entrato nell’elenco delle peggiori stragi di sempre. Alle sue spalle, nelle due moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda, si è lasciato 49 morti, filmando tutto con una piccola videocamera perché il mondo vedesse e sapesse.

L’ennesimo killer della porta accanto, il giovane che adesso tutti raccontano come appena un po’ strano, ma nulla di più, e che invece covava odio, rancore e vendetta. Tarrant è originario dell’Australia, il New South Wales: appassionato frequentatore di palestre, ha lavorato dal 2009 al 2011 come personal trainer presso la “Big River Gym” di Grafton, era riuscito a sfruttare il boom iniziale dei “Bitcoin” per mettete insieme un po’ di denaro, mollare tutto e parte, visitando Asia ed Europa. Offriva formazione gratuita ai bambini, dice qualcuno, lui stesso di definisce “un uomo bianco qualunque che viene da una famiglia di lavoratori della classe operaia, gente che ha sempre guadagnato poco”. Suo padre Rodney è morto nell’agosto del 2010, a 49 anni, per un cancro provocato dall’amianto.

L’hanno catturato vivo, ma pensando di non riuscire a scamparla si era premurato di scrivere tutto, spiegando in un’ottantina di pagine deliranti com’è nata la folle idea di “difendere la razza bianca dagli invasori e vendicare gli attacchi terroristici di matrice islamica in Europa”. Avrebbe voluto vedere morta il cancelliere tedesco Angela Merkel, il sindaco di Londra Sadiq Khan, il presidente turco Erdogan.

Per caricarsi d’odio ogni angolo della mente, Tarrant ha letto gli scritti lasciati da gente come lui, che un giorno ha deciso fosse giusto uccidere. 

Sui fucili di Tarrant, un vero arsenale, il dettaglio che ha colpito tutto il mondo: tantissime scritte bianche sulla canna, sui caricatori, sull’impugnatura. Si riferiscono a personaggi storici come Carlo Martello, che nel 732 respinse l’invasione arabo-islamica in Europa, o luoghi legati a fatti di cronaca, come Rotheram, località dello Yorkshire dove si registrarono 1400 casi di abusi su minori da parte della folta comunità pakistana.

Galleria fotografica
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto - immagine 1
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto - immagine 2
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto - immagine 3
Brenton Tarrant<br>un altro killer della porta accanto - immagine 4
Terrorismo
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà