Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo

| Si aggirava da giorni nei dintorni dell’ambasciata americana della capitale belga: è sospettato di essere il basista di un gruppo prossimo a colpire o un attentatore lui stesso

+ Miei preferiti
L’allarme terrorismo a Bruxelles è ai massimi livelli dopo l’arresto di un uomo sospettato di essere prossimo a sferrare un attacco o di essere un basista che agiva per conto di altri. Descritto dalla polizia unicamente come “MG”, l’uomo è stato visto aggirarsi più volte nei giorni scorsi nelle vicinanze dell’ambasciata americana di Bruxelles con fare sospetto. I nuclei antiterrorismo, che l’avrebbero identificato attraverso le immagini della videosorveglianza, hanno deciso di intervenire giudicando “probabile” un attacco terroristico imminente.

L’uomo nega ogni accusa, ma la particolarità di Bruxelles, sede della Nato e quartier generale dell’UE, aggiunta agli attacchi terroristici di cui è stata vittima in tempi recenti, suggeriscono di tenere altissima l’allerta. Nel marzo di tre anni fa, 32 persone sono rimaste uccise e centinaia ferite quando un grippo di attentatori suicidi si sono fatti esplodere all’aeroporto della città e all’interno della metropolitana. Oltre a questo Molenbeek, un sobborgo di Bruxelles, ha offerto rifugio a molti degli attentatori del 13 novembre 2015 a Parigi.

Terrorismo
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Aimen Dean, l’artificiere di Bin Laden
Per anni ha costruito bombe per i militanti di al-Qaeda, poi ha deciso di cambiare sponda diventando un informatore dell’MI6 britannico. Oggi sta aiutando i servizi segreti occidentali a capire e combattere i jihadisti
Un domenica di paura in Europa
Un domenica di paura in Europa
Un uomo e una donna, il primo a Londra, la seconda a Gent, in Belgio, feriscono i passanti a colpi di coltello: il primo è stato ucciso, la seconda ferita. L’allarme terrorismo scatta in tutta Europa
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce
L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato
L’Isis sta rinascendo<br>più forte e organizzato
Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia