Bufera sulla presentazione della Balzerani

| La brigatista rossa, mai pentita o dissociata, viene invitata a Milano in una serata per presentare il suo nuovo libro, e scatta la protesta dei familiari delle vittime

+ Miei preferiti
“Sara”, nome di battaglia della brigatista Barbara Balzerani, ha un curriculum scritto facebdo versare parecchio sangue: partecipa all'omicidio di Girolamo Minervini, ha un ruolo operativo nella strage di via Fani, quella che diede il via al sequestro Moro e partecipa al sequestro del generale della “Nato” James Lee Dozier. È stata fra le ultime brigatiste ad essere catturata, il 19 giugno del 1985, ed una delle poche che non si è mai pentita o dissociata dalla lotta armata. Condannata a diversi ergastoli, da dietro le sbarre trova ancora il tempo di rivendicare l’omicidio dell'ex sindaco di Firenze Lando Conti, per poi ottenere la libertà condizionata e dedicarsi anima e corpo alla letteratura, firmando alcuni libri.



È proprio nella veste di scrittrice che la Balzerani è stata invitata a presentare la sua ultima fatica letteraria a Milano, quartiere Bruzzano, ospite di una sala di proprietà del comune. Ne è nata una bufera, sollevata da Deborah Giovanati, assessore alla scuola del municipio 9: ”Un’ex brigatista rossa, membro del commando che ha rapito Moro che presenta un suo libro in uno spazio comunale, e senza alcun contradditorio. Mi sembra un ulteriore schiaffo nei confronti delle vittime del terrorismo: sono veramente indignata, il sindaco farebbe bene a rispondere del grave episodio”. 



La notizia, inevitabile, manda su tutte le furie le famiglie delle vittime della terrorista, a cominciare da Lorenzo Conti, figlio di Lando, trucidato nel 1986. “Ho presentato una denuncia per diffamazione contro la Balzerani, per la frase ‘quello di vittima è diventato un mestiere’, pronunciata in occasione del quarantennale della strage di via Fani. Ma la magistratura dorme, non si sa in quale cassetto sia finita: se questi sono i segnali che manda chi dovrebbe difenderci, è chiaro che per questa gente ci sarà sempre più possibilità di presenziare a mostre, presentare libri e partecipare a conferenze senza che questo crei scalpore. O la magistratura inizia a fare il suo dovere o finirà che prima o poi qualcuno si farà giustizia da solo”.

Parole forti, a cui si accoda poco dopo Sandro Leonardi, figlio di Oreste, il caposcorta dell’onorevole Moro, ucciso il 16 marzo 1978 in via Fani: “Non so nulla della presentazione del libro, ma resto basito ogni volta di fronte alla sfacciataggine dimostrata dagli ex terroristi con frasi inopportune e un eccessivo protagonismo”.

Galleria fotografica
Bufera sulla presentazione della Balzerani - immagine 1
Bufera sulla presentazione della Balzerani - immagine 2
Bufera sulla presentazione della Balzerani - immagine 3
Bufera sulla presentazione della Balzerani - immagine 4
Terrorismo
Uccidere come in un videogame
Uccidere come in un videogame
È successo ancora una volta ad Halle, in Germania: un attentatore ha scelto di riprendere e divulgare le fasi del tentato massacro, utilizzando il linguaggio tipico dei videogames
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Sono gli ultimi sopravvissuti del gruppo di tagliagole più mediaticamente celebre. Arrestati dalle milizie curde, sono stati presi in consegna dagli americani, che ora vogliono processarli
Riesplode il caso di Jihadi Jack
Riesplode il caso di Jihadi Jack
L’ex studente di Oxford partito per arruolarsi nell’Isis è stato ripreso in un video che mostra le condizioni delle carceri curde. I genitori chiedono il rimpatrio, ma il governo nega con forza
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
Quasi un mese e mezzo dopo la rivelazione di un canale televisivo americano, gli Stati Uniti confermano la morte del figlio di Osama bin Laden
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Nel giorno delle commemorazioni dell’11 settembre, il successore di Bin Laden Al Zawahiri rinnova la minaccia di colpire gli Stati Uniti e i loro alleati
Isis, catturato in Germania il boia di Dara'a
Isis, catturato in Germania il boia di Dara
Processo a Coblenza per crimini di guerra. Tradito dai suoi ex compagni e dalle immagini e video che lo riprendono con in mano teste appena mozzate che lui derideva. Rischia 10 anni di carcere
Il 'santo stragista' e i suoi devoti discepoli
Il
IN USA, Europa e Commonwealth si diffonde il culto per chi ha ucciso in nome del suprematismo per combattere la "sostituzione" del controllo dei bianchi da parte di ebrei, islamici, etnie latine e straniere. E l'idolo è Tarrant
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Il 66enne in carcere ad Oristano chiede la cancellazione dell'ergastolo per una pena più mite per accedere alle misure alternative. L'avvocato: "Farò il possibile perché non muoia in cella". E ammette i quattro omicidi
Il corpo di una donna nella casa dell'attentatore
Il corpo di una donna nella casa dell
Oslo, macabra scoperta nell'alloggio del 20enne che era entrato armato in una moschea aprendo il fuoco e ferendo una persona. Un 75enne è riuscito a bloccarlo e lo consegnato alla polizia
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Lo dice un report delle Nazioni Unite, che ha valutato le riserve finanziarie e le forze sul campo ancora legate all’Isis. A preoccupare è anche il futuro dei 2000 foreign fighters tornati in Europa