Bufera sulla presentazione della Balzerani

| La brigatista rossa, mai pentita o dissociata, viene invitata a Milano in una serata per presentare il suo nuovo libro, e scatta la protesta dei familiari delle vittime

+ Miei preferiti
“Sara”, nome di battaglia della brigatista Barbara Balzerani, ha un curriculum scritto facebdo versare parecchio sangue: partecipa all'omicidio di Girolamo Minervini, ha un ruolo operativo nella strage di via Fani, quella che diede il via al sequestro Moro e partecipa al sequestro del generale della “Nato” James Lee Dozier. È stata fra le ultime brigatiste ad essere catturata, il 19 giugno del 1985, ed una delle poche che non si è mai pentita o dissociata dalla lotta armata. Condannata a diversi ergastoli, da dietro le sbarre trova ancora il tempo di rivendicare l’omicidio dell'ex sindaco di Firenze Lando Conti, per poi ottenere la libertà condizionata e dedicarsi anima e corpo alla letteratura, firmando alcuni libri.



È proprio nella veste di scrittrice che la Balzerani è stata invitata a presentare la sua ultima fatica letteraria a Milano, quartiere Bruzzano, ospite di una sala di proprietà del comune. Ne è nata una bufera, sollevata da Deborah Giovanati, assessore alla scuola del municipio 9: ”Un’ex brigatista rossa, membro del commando che ha rapito Moro che presenta un suo libro in uno spazio comunale, e senza alcun contradditorio. Mi sembra un ulteriore schiaffo nei confronti delle vittime del terrorismo: sono veramente indignata, il sindaco farebbe bene a rispondere del grave episodio”. 



La notizia, inevitabile, manda su tutte le furie le famiglie delle vittime della terrorista, a cominciare da Lorenzo Conti, figlio di Lando, trucidato nel 1986. “Ho presentato una denuncia per diffamazione contro la Balzerani, per la frase ‘quello di vittima è diventato un mestiere’, pronunciata in occasione del quarantennale della strage di via Fani. Ma la magistratura dorme, non si sa in quale cassetto sia finita: se questi sono i segnali che manda chi dovrebbe difenderci, è chiaro che per questa gente ci sarà sempre più possibilità di presenziare a mostre, presentare libri e partecipare a conferenze senza che questo crei scalpore. O la magistratura inizia a fare il suo dovere o finirà che prima o poi qualcuno si farà giustizia da solo”.

Parole forti, a cui si accoda poco dopo Sandro Leonardi, figlio di Oreste, il caposcorta dell’onorevole Moro, ucciso il 16 marzo 1978 in via Fani: “Non so nulla della presentazione del libro, ma resto basito ogni volta di fronte alla sfacciataggine dimostrata dagli ex terroristi con frasi inopportune e un eccessivo protagonismo”.

Galleria fotografica
Bufera sulla presentazione della Balzerani - immagine 1
Bufera sulla presentazione della Balzerani - immagine 2
Bufera sulla presentazione della Balzerani - immagine 3
Bufera sulla presentazione della Balzerani - immagine 4
Terrorismo
Al Qaeda promette nuove stragi
Al Qaeda promette nuove stragi
L’organizzazione terroristica di Osama bin Laden è oggi molto ridimensionata, ma torna ad alzare la testa promettendo nuove azioni che colpiranno l’America
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme