Cesare Battisti si dichiara colpevole

| Per la prima volta, davanti ai magistrati italiano, l’ex terrorista dei Pac ammette “ciò che è ricostruito negli atti giudiziari corrisponde al vero”

+ Miei preferiti
Antonio Santoro, 52 anni, comandante della Casa Circondariale di Udine, ucciso il 6 giugno 1978. Andrea Campagna, 25 anni, agente della Digos milanese, ucciso il 19 aprile 1979 in un agguato sotto l’abitazione della fidanzata. Sono due omicidi ammessi qualche ora fa da Cesare Battisti, l’ex terrorista dei Pac arrestato lo scorso gennaio dopo quasi quarant’anni di latitanza in Sudamerica. Davanti al pm di Milano Alberto Nobili e al dirigente antiterrorismo della Digos Cristina Villa, assistito dal suo avvocato Davide Staccanella, al termine di un interrogatorio fiume nel carcere di Oristano durato più di nove ore, Battisti ha ammesso per la prima volta di essere l’esecutore materiale degli omicidi dei due agenti e di essere stato nel gruppo di copertura armata per i delitti del macellaio Lino Sabbadin e del gioielliere Pierluigi Torregiani, ambedue freddati nel febbraio del 1979 dai Pac. Oltre ai quattro omicidi che gli sono sempre stati contestati, tre ferimenti e “una marea di rapine e furti per autofinanziamento”.

“L’ammissione di Battisti fa giustizia delle polemiche di questi anni, rende onore alle forze dell’ordine e fa chiarezza su un gruppo come i Proletari Armati per il Terrorismo, che ha agito alla fine degli anni ’70 in modo efferato”, ha commentato il procuratore di Milano Francesco Greco nel corso di una conferenza stampa. “La confessione non è da intendersi come una collaborazione di giustizia ma di ammissioni di colpevolezza da parte di un uomo che si è dato alla latitanza e ha mentito per 37 anni dicendo di essere un perseguitato politico completamente innocente ed estraneo ai fatti”, ha invece precisato il pm Nobili.

“Mi rendo conto del male che ho fatto e chiedo scusa ai familiari delle vittime - ha aggiunto Battisti - la lotta armata ha impedito uno sviluppo culturale, sociale e politico nato nel ‘68”.

Terrorismo
CENTINAIA DI EX MILIZIANI ISIS
PRONTI A FUGGIRE IN EUROPA
CENTINAIA DI EX MILIZIANI ISIS<br>PRONTI A FUGGIRE IN EUROPA
Denuncia del ministro degli Esteri libanese. "Corridoi" tra il confine con Siria per i miliziani in fuga dopo la disfatta. E a Roma caccia all'aspirante martire che vuole "andare in Paradiso". E' un giovane siriano radicalizzato
Schiave per sempre
Schiave per sempre
Catturate dai miliziani dell’Isis per trasformale in schiave sessuali, in tante sono riuscite a fuggire, per finire nella rete dei bordelli di Baghdad. La storia di una di loro
Un generale russo nel team del Novichok
Un generale russo nel team del Novichok
Con i due colonnelli già identificati e i due esecutori materiali del fallito attentato con il gas nervino di marzo alla spia Skripal, ex KGB, e alla figlia Julia, ora spunta l'alto ufficiale. Scoop BBC e Bellincat
Strage Bologna, trovato interruttore della bomba
Strage Bologna, trovato interruttore della bomba
Dopo 40 anni, un frammento metallico trovato nei detriti della stazione distrutta da un ordigno punterebbe sulla pista tedesco-palestinese e dei servizi segreti deviati. Il processo e l'inchiesta
Attacco London Bridge, messaggi criptati sulle chat: MI5 impotente
Attacco London Bridge, messaggi criptati sulle chat: MI5 impotente
Al centro gli attentati con coltelli e furgoni sul London Bridge del 2017. I killer islamici avevano scambiato 329 messaggi con un estremista ma costui si rifiuta di consegnare i suoi smartphone. I legali delle vittime: "Assurdo"
Jihadisti inglesi, sterminata in Siria tutta la famiglia
Jihadisti inglesi, sterminata in Siria tutta la famiglia
Anziani genitori, figli, nipoti e tre bambini: tutti morti in Siria, tra bombardamenti e scontri a fuoco. Erano partiti nel 2015 da Luton "felici di vivere nel Califfato". Sotto choc i familiari rimasti in UK: "Era una famiglia normale"
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Si aggirava da giorni nei dintorni dell’ambasciata americana della capitale belga: è sospettato di essere il basista di un gruppo prossimo a colpire o un attentatore lui stesso
Condannati i genitori di Jihadi Jack
Condannati i genitori di Jihadi Jack
L’Old Bailey li ha ritenuti colpevoli di finanziamento del terrorismo per aver inviato del denaro a loro figlio, che si era unito alle file dell’Isis. La coppia si difende: “Qualsiasi genitore l’avrebbe fatto”
Torna in cella Ternera leader ETA
Torna in cella Ternera leader ETA
Il terrorista, rilasciato dalla Francia dove era in carcere, subito ricatturato per la richiesta estradizione in Spagna. Coinvolto in rapine e omicidi, partecipò anche all'attentato, 1973, in cui morì il premier Carrero Blanco
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo