Cesare Battisti si dichiara colpevole

| Per la prima volta, davanti ai magistrati italiano, l’ex terrorista dei Pac ammette “ciò che è ricostruito negli atti giudiziari corrisponde al vero”

+ Miei preferiti
Antonio Santoro, 52 anni, comandante della Casa Circondariale di Udine, ucciso il 6 giugno 1978. Andrea Campagna, 25 anni, agente della Digos milanese, ucciso il 19 aprile 1979 in un agguato sotto l’abitazione della fidanzata. Sono due omicidi ammessi qualche ora fa da Cesare Battisti, l’ex terrorista dei Pac arrestato lo scorso gennaio dopo quasi quarant’anni di latitanza in Sudamerica. Davanti al pm di Milano Alberto Nobili e al dirigente antiterrorismo della Digos Cristina Villa, assistito dal suo avvocato Davide Staccanella, al termine di un interrogatorio fiume nel carcere di Oristano durato più di nove ore, Battisti ha ammesso per la prima volta di essere l’esecutore materiale degli omicidi dei due agenti e di essere stato nel gruppo di copertura armata per i delitti del macellaio Lino Sabbadin e del gioielliere Pierluigi Torregiani, ambedue freddati nel febbraio del 1979 dai Pac. Oltre ai quattro omicidi che gli sono sempre stati contestati, tre ferimenti e “una marea di rapine e furti per autofinanziamento”.

“L’ammissione di Battisti fa giustizia delle polemiche di questi anni, rende onore alle forze dell’ordine e fa chiarezza su un gruppo come i Proletari Armati per il Terrorismo, che ha agito alla fine degli anni ’70 in modo efferato”, ha commentato il procuratore di Milano Francesco Greco nel corso di una conferenza stampa. “La confessione non è da intendersi come una collaborazione di giustizia ma di ammissioni di colpevolezza da parte di un uomo che si è dato alla latitanza e ha mentito per 37 anni dicendo di essere un perseguitato politico completamente innocente ed estraneo ai fatti”, ha invece precisato il pm Nobili.

“Mi rendo conto del male che ho fatto e chiedo scusa ai familiari delle vittime - ha aggiunto Battisti - la lotta armata ha impedito uno sviluppo culturale, sociale e politico nato nel ‘68”.

Terrorismo
Al Qaeda promette nuove stragi
Al Qaeda promette nuove stragi
L’organizzazione terroristica di Osama bin Laden è oggi molto ridimensionata, ma torna ad alzare la testa promettendo nuove azioni che colpiranno l’America
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme