Cesare Battisti si dichiara colpevole

| Per la prima volta, davanti ai magistrati italiano, l’ex terrorista dei Pac ammette “ciò che è ricostruito negli atti giudiziari corrisponde al vero”

+ Miei preferiti
Antonio Santoro, 52 anni, comandante della Casa Circondariale di Udine, ucciso il 6 giugno 1978. Andrea Campagna, 25 anni, agente della Digos milanese, ucciso il 19 aprile 1979 in un agguato sotto l’abitazione della fidanzata. Sono due omicidi ammessi qualche ora fa da Cesare Battisti, l’ex terrorista dei Pac arrestato lo scorso gennaio dopo quasi quarant’anni di latitanza in Sudamerica. Davanti al pm di Milano Alberto Nobili e al dirigente antiterrorismo della Digos Cristina Villa, assistito dal suo avvocato Davide Staccanella, al termine di un interrogatorio fiume nel carcere di Oristano durato più di nove ore, Battisti ha ammesso per la prima volta di essere l’esecutore materiale degli omicidi dei due agenti e di essere stato nel gruppo di copertura armata per i delitti del macellaio Lino Sabbadin e del gioielliere Pierluigi Torregiani, ambedue freddati nel febbraio del 1979 dai Pac. Oltre ai quattro omicidi che gli sono sempre stati contestati, tre ferimenti e “una marea di rapine e furti per autofinanziamento”.

“L’ammissione di Battisti fa giustizia delle polemiche di questi anni, rende onore alle forze dell’ordine e fa chiarezza su un gruppo come i Proletari Armati per il Terrorismo, che ha agito alla fine degli anni ’70 in modo efferato”, ha commentato il procuratore di Milano Francesco Greco nel corso di una conferenza stampa. “La confessione non è da intendersi come una collaborazione di giustizia ma di ammissioni di colpevolezza da parte di un uomo che si è dato alla latitanza e ha mentito per 37 anni dicendo di essere un perseguitato politico completamente innocente ed estraneo ai fatti”, ha invece precisato il pm Nobili.

“Mi rendo conto del male che ho fatto e chiedo scusa ai familiari delle vittime - ha aggiunto Battisti - la lotta armata ha impedito uno sviluppo culturale, sociale e politico nato nel ‘68”.

Terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti
Attentato di Reading: è terrorismo
Attentato di Reading: è terrorismo
Fonti dell’intelligence hanno cambiato la prima versione classificando come atto terroristico l’accoltellamento di tre persone in un parco della città inglese
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
GB, arrestato un 14enne: stava per compiere un attentato
Il blitz della polizia dopo mesi di pedinamenti: il giovane era ormai pronto a mettere in pratica un attentato di matrice islamica
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Il killer delle moschee di Christchurch si dichiara colpevole
Un anno fa, Brenton Tarrant ha fatto irruzione in due moschee uccidendo 51 persone: si è sempre dichiarato innocente, ma poche ore ha cambiato strategia ammettendo la colpevolezza di tutti i 92 capi d’accusa
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Si avvicina la cattura di al-Zawahiri
Secondo un ex agente dei servizi britannici, la guida di Al-Qaeda, successore di Bin Laden, farebbe parte dell’accordo degli Stati Uniti con i Talebani