Charlie Hebdo, preso capo del commando

| Peter Chérif, alias Abou Hamza, uno dei più ricercati terroristi del mondo è stato arrestato a Gibuti e presto sarà estradato in Francia. E' considerato il pianificatore degli attentati di Parigi. Aveva base in Yemen

+ Miei preferiti

E' stato arrestato a Gibuti il jihadista francese Peter Chérif. L'uomo, che è stato bloccato il 16 dicembre, era conosciuto con lo pseudonimo di Abou Hamza. E' già in viaggio verso la francia, dove è stato immeditamente estradato. Peter Chérif è coinvolto nell'inchiesta sulla strage alla redazione del settimanale "Charlie Hebdo", e secondo alcuni sarebbe addirittura la mente dell'attacco. Chérif era uno dei terroristi più ricercati al mondo, riferisce il settimanale "Marianne". Nel suo curriculum criminale di lunga data, ha militato nelle fila di Al Qaida in Iraq, dove è stato condannato a 15 anni di carcere. Poi un'evasione e la fuga in Siria. E dopo ancora in Yemen da dove manteneva i contatti con i jihadisti francesi. E' un grande successo, atteso da tempo, per i servizi francesi. Il Peter Chérif, in fuga dal 2011, è ora nelle mani della polizia francese. Amico dei fratelli Chérif e Said Kouachi, autori materiali della strage a Charlie Hebdo, noto anche come Abu Hamza, è uno dei terroristi più ricercati al mondo, membro della rete jihadista nella regione di Buttes-Chaumont alla fine degli anni '90.

A 36 anni, il suo curriculum jihadista è già particolarmente denso. Ex delinquente minorenne, ha combattuto in Iraq all'inizio degli anni 2000, prima di essere arrestato, fuggito e poi consegnato alla giustizia francese. Lasciato in libertà, era fuggito l'ultimo giorno del processo, nel gennaio 2011. Nello Yemen si è unito alle file di Al-Qaeda nella Penisola Arabica (AQPA). Un particolare incuriosisce particolarmente gli investigatori: Peter Chérif ha seguito un corso di formazione per autisti di camion a Dammartin-en-Goële, proprio accanto alla tipografia dove si sono rifugiati i fratelli Kouachi. Il jihadista potrà ora essere interrogato.
Terrorismo
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Due uomini, a diverse centinaia di km di distanza, attaccano a colpi di coltello passanti ignari. L’attentatore di Londra ucciso dalla polizia, quello de l’Aja è ancora in fuga
Un anno senza Silvia
Un anno senza Silvia
È ancora mistero sulla sorte della cooperante milanese sequestrata un anno fa in Kenya: secondo l’intelligence italiana sarebbe trattenuta in Somalia, dopo essere passata nelle mani di numerose bande armate
Come l’Isis sta rinascendo
Come l’Isis sta rinascendo
Secondo il capo dell’intelligence militare irachena, i nuovi leader dell’Isis stanno tramando di liberare migliaia di prigionieri per far rinascere il califfato del terrore
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Nuovi dettagli emergono sulla presunta partecipazione di Tamerlan Carnaev ad un caso tutt’ora irrisolto, avvenuto pochi mesi prima della strage alla maratona
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
Per un tribunale Hoda Muthana non sarebbe americana, ma soltanto nata in America da un funzionario yemenita alle Nazioni Unite. Un cavillo legale che per adesso le impedisce di tornare insieme al bimbo di due anni
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Il fenomeno sta diventando particolarmente preoccupante a Singapore e Hong Kong: numerosi casi di donne sole convinte a immolarsi in attacchi suicidi. L’obiettivo del Califfato è di spostarsi verso Oriente, alla ricerca di nuovi territori
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Rasmiya Awad, sorella del califfo dell’Isis, individuata insieme alla sua famiglia in un insediamento nel nord della Siria: per i turchi si tratta di “una miniera d’oro di informazioni di intelligence”