Charlie Hebdo, preso capo del commando

| Peter Chérif, alias Abou Hamza, uno dei più ricercati terroristi del mondo è stato arrestato a Gibuti e presto sarà estradato in Francia. E' considerato il pianificatore degli attentati di Parigi. Aveva base in Yemen

+ Miei preferiti

E' stato arrestato a Gibuti il jihadista francese Peter Chérif. L'uomo, che è stato bloccato il 16 dicembre, era conosciuto con lo pseudonimo di Abou Hamza. E' già in viaggio verso la francia, dove è stato immeditamente estradato. Peter Chérif è coinvolto nell'inchiesta sulla strage alla redazione del settimanale "Charlie Hebdo", e secondo alcuni sarebbe addirittura la mente dell'attacco. Chérif era uno dei terroristi più ricercati al mondo, riferisce il settimanale "Marianne". Nel suo curriculum criminale di lunga data, ha militato nelle fila di Al Qaida in Iraq, dove è stato condannato a 15 anni di carcere. Poi un'evasione e la fuga in Siria. E dopo ancora in Yemen da dove manteneva i contatti con i jihadisti francesi. E' un grande successo, atteso da tempo, per i servizi francesi. Il Peter Chérif, in fuga dal 2011, è ora nelle mani della polizia francese. Amico dei fratelli Chérif e Said Kouachi, autori materiali della strage a Charlie Hebdo, noto anche come Abu Hamza, è uno dei terroristi più ricercati al mondo, membro della rete jihadista nella regione di Buttes-Chaumont alla fine degli anni '90.

A 36 anni, il suo curriculum jihadista è già particolarmente denso. Ex delinquente minorenne, ha combattuto in Iraq all'inizio degli anni 2000, prima di essere arrestato, fuggito e poi consegnato alla giustizia francese. Lasciato in libertà, era fuggito l'ultimo giorno del processo, nel gennaio 2011. Nello Yemen si è unito alle file di Al-Qaeda nella Penisola Arabica (AQPA). Un particolare incuriosisce particolarmente gli investigatori: Peter Chérif ha seguito un corso di formazione per autisti di camion a Dammartin-en-Goële, proprio accanto alla tipografia dove si sono rifugiati i fratelli Kouachi. Il jihadista potrà ora essere interrogato.
Terrorismo
Liberato Alessandro Sandrini
Liberato Alessandro Sandrini
Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano
Johnny il Talebano torna libero
Johnny il Talebano torna libero
John Walker Lindh ha scontato 20 anni per terrorismo, ma l’America non è convinta che ex terroristi possano reinserirsi nella società civile. La storia di un ragazzo che ha scelto di combattere al fianco dei Talebani
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Sri Lanka: la strage nella scuola dei bambini
Una vicenda poco conosciuta degli attacchi sucidi di Pasqua che hanno fatto oltre 250 vittime. Il paese resta in massima allerta: messe cancellate e burqa vietato perché “è una bandiera del fondamentalismo”
Sventati due attentati terroristici
Sventati due attentati terroristici
Il primo a Los Angeles, dove un ex militare progettava di colpire diverso obiettivi, il secondo nuovamente a Christchurch, in Nuova Zelanda, dove in un appartamento sono stati trovate munizioni e una bomba
Le nuove ombre del terrore
Le nuove ombre del terrore
Dopo gli attacchi in Sri Lanka, gli analisti internazionali dell'antiterrorismo sono convinti che l’Isis non sia stato sconfitto, ma ha solo cambiato pelle e strategia per continuare a colpire e seminare morte e paura
Sri Lanka, tra arresti e timori
Sri Lanka, tra arresti e timori
Mentre il turismo crolla, le forze speciali intensificano i controlli: la scorsa notte è stato individuato un covo dei miliziani che hanno preferito farsi saltare in aria
Isis: la squadra della morte
Isis: la squadra della morte
Due medici britannici entrati nelle file dell’Isis sono accusati di torture e atrocità: asportavano organi e realizzavano esperimenti chimici come i nazisti. Secondo l’intelligence guidavano una squadra di tortura in Siria
Il terrorista diventato cittadino americano
Il terrorista diventato cittadino americano
Un jihadista islamico condannato per aver tentato di far saltare in aria un autobus è riuscito ad ottenere la cittadinanza statunitense rimanendo nel paese indisturbato per quasi un decennio
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra
'L'abbiamo uccisa per errore'
NEW IRA, scuse alla famiglia di Lyra<br>
I terroristi nordirlandesi spiegano che Lyra Mc Kee è stata "tragicamente uccisa durante un attacco a una forza nemica". Prime analisi. La polizia: "Torna la lotta armata"
Sangue sulla Pasqua
Sangue sulla Pasqua
Otto esplosioni quasi simultanee in Sri Lanka lasciano a terra 200 morti e quasi 500 feriti. Le autorità proclamano il coprifuoco e oscurano i social: “Sappiamo chi sono, li prenderemo”