Come l’Isis sta rinascendo

| Secondo il capo dell’intelligence militare irachena, i nuovi leader dell’Isis stanno tramando di liberare migliaia di prigionieri per far rinascere il califfato del terrore

+ Miei preferiti
Il generale Saad al-Allaq, capo dell’intelligence militare irachena, ha rivelato in un’intervista alla CNN che l’Iraq ha consegnato alla Turchia i fascicoli di nove presunti leader dell’Isis che starebbero tramando per far rinascere il califfato del terrore. Alcuni avrebbero accesso a “capitali enormi” con cui finanziare operazioni in tutto il mondo da parte di singole cellule, sempre più piccole e difficili da individuare in tempo.

A conferma delle parole del militare ci sono alcuni recenti rapporti intelligence in cui si conferma che l’Isis starebbe tentando di pianificare la liberazione di centinaia di prigionieri dai campi e dalle prigioni in Siria e in Iraq: “Credo che enormi sforzi dovrebbero essere intrapresi dalla comunità internazionale per affrontare il problema, perché si tratta di criminali in grado di tornare nei loro paesi d’origine, diventando un pericolo enorme per l’Europa, l’Asia e l’Africa nord-occidentale.

Si parla di circa 10.000 presunti combattenti dell’Isis, fra cui molti cittadini stranieri, detenuti nel nord della Siria dalle forze siriane e curde: ognuno di loro è stato descritto dagli Stati Uniti come una “bomba a orologeria”.

Il generale Al-Allaq rilascia raramente interviste: le informazioni sull’Isis di cui dispone sono emerse durante un’ampia discussione sul ruolo dell’Iraq nell’uccisione di Al-Baghdadi. Secondo il generale, alcune figure dell’Isis note come “emiri”, sfuggite dall’offensiva a Baghouz, “Hanno attraversato segretamente queste aree dal confine siro-turco con l’aiuto dei contrabbandieri, pagando forti somme di denaro per entrare in segreto nel territorio turco, dove svolgono un ruolo chiave nel reclutamento di combattenti e terroristi”.

Terrorismo
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore