Come l’Isis sta rinascendo

| Secondo il capo dell’intelligence militare irachena, i nuovi leader dell’Isis stanno tramando di liberare migliaia di prigionieri per far rinascere il califfato del terrore

+ Miei preferiti
Il generale Saad al-Allaq, capo dell’intelligence militare irachena, ha rivelato in un’intervista alla CNN che l’Iraq ha consegnato alla Turchia i fascicoli di nove presunti leader dell’Isis che starebbero tramando per far rinascere il califfato del terrore. Alcuni avrebbero accesso a “capitali enormi” con cui finanziare operazioni in tutto il mondo da parte di singole cellule, sempre più piccole e difficili da individuare in tempo.

A conferma delle parole del militare ci sono alcuni recenti rapporti intelligence in cui si conferma che l’Isis starebbe tentando di pianificare la liberazione di centinaia di prigionieri dai campi e dalle prigioni in Siria e in Iraq: “Credo che enormi sforzi dovrebbero essere intrapresi dalla comunità internazionale per affrontare il problema, perché si tratta di criminali in grado di tornare nei loro paesi d’origine, diventando un pericolo enorme per l’Europa, l’Asia e l’Africa nord-occidentale.

Si parla di circa 10.000 presunti combattenti dell’Isis, fra cui molti cittadini stranieri, detenuti nel nord della Siria dalle forze siriane e curde: ognuno di loro è stato descritto dagli Stati Uniti come una “bomba a orologeria”.

Il generale Al-Allaq rilascia raramente interviste: le informazioni sull’Isis di cui dispone sono emerse durante un’ampia discussione sul ruolo dell’Iraq nell’uccisione di Al-Baghdadi. Secondo il generale, alcune figure dell’Isis note come “emiri”, sfuggite dall’offensiva a Baghouz, “Hanno attraversato segretamente queste aree dal confine siro-turco con l’aiuto dei contrabbandieri, pagando forti somme di denaro per entrare in segreto nel territorio turco, dove svolgono un ruolo chiave nel reclutamento di combattenti e terroristi”.

Terrorismo
La mente crudele di Salah Abdeslam
La mente crudele di Salah Abdeslam
Svelate alcune intercettazioni ambientali in cui l’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 2015 racconta a compagni di prigionia i dettagli di quella notte e dei giorni successivi
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
La Francia pronta a restituire i terroristi all’Italia
Lo svela “Le Parisien”, che parla di 13 nomi totali: ecco chi potrebbe tornare in Italia a breve per scontare le proprie condanne
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Un alert di Whatsapp mette in fuga un terrorista
Seguito e controllato da agenti americani attraverso uno spyware, è stato avvisato che il suo smartphone era stato violato. Da allora è scomparso
Isis: la strage di Natale
Isis: la strage di Natale
11 cristiani decapitati per vendicare la morte di al-Baghdadi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Il Natale che non c’è per gli italiani scomparsi
Silvia, Luca, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Paolo, Luigi: sono i nomi degli italiani di cui si è persa ogni traccia. Le indagini vanno avanti, ma il tempo passa e la paura cresce
L’Isis sta rinascendo
più forte e organizzato
L’Isis sta rinascendo<br>più forte e organizzato
Lo dicono diversi rapporti delle intelligence di mezzo mondo, che raccontano la nuova organizzazione priva di territori da controllare, più agile, snella e cattiva di prima
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Il foreign fighter che vuole tornare in Italia
Mohamed Koraichi ha lasciato la provincia di Lecco per unirsi all’Isis: catturato, chiede all’Italia di poter tornare assicurando di non aver fatto nulla. Ma sul suo conto ci sono numerose prove che dicono il contrario
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Due uomini, a diverse centinaia di km di distanza, attaccano a colpi di coltello passanti ignari. L’attentatore di Londra ucciso dalla polizia, quello de l’Aja è ancora in fuga