Condannati i genitori di Jihadi Jack

| L’Old Bailey li ha ritenuti colpevoli di finanziamento del terrorismo per aver inviato del denaro a loro figlio, che si era unito alle file dell’Isis. La coppia si difende: “Qualsiasi genitore l’avrebbe fatto”

+ Miei preferiti
La storia di “Jihadi Jack” era stata una delle più emblematiche, nel periodo in cui l’Isis terrorizzava il mondo. Inglese di Oxford, vero nome Jack Letts, ventenne di famiglia borghese – padre botanico e madre scrittrice – tifosissimo del Liverpool, sulla sua strada incrocia la causa jihadista. Si converte e nel 2014 parte per la Siria, i suoi genitori dicono “per motivi umanitari di interessi religiosi”: ma lì qualcosa cambia, e Jack diventa uno dei 750 jihadisti anglosassoni che scelgono di sposare in pieno la folle missione del Califfato. Nel 2017, Jack viene arrestato dalla milizia curda al termine della sanguinosa battaglia di Raqqa: i genitori chiedono alle autorità inglesi di attivare le procedure per l’estradizione, ma è lui stesso a rifiutare ogni aiuto. Cambia idea qualche mese dopo, quando chiede di tornare nel Regno Unito, dicendosi pronto a “Essere arrestato e processato per qualsiasi crimine la giustizia creda io abbia commesso”.

E mentre lui resta rinchiuso in qualche carcere in Medioriente, a finire nei pasticci in queste ore sono i suoi genitori, John Letts, 58 anni, e sua moglie Sally Lane, di 56, che devono rispondere davanti alla “Central Criminal Court” di “finanziamento del terrorismo”. Loro si difendono: ammettono di aver inviato 223 sterline a loro figlio, ma “È quello che qualsiasi genitori avrebbe fatto. Abbiamo cercato di fare la cosa giusta collaborando pienamente con la polizia: hanno promesso che ci avrebbero aiutato, ma in realtà hanno usato le informazioni che abbiamo fornito per accusarci”.

Una giustificazione che non è bastata all’Old Bailey, che nel periodo del bonifico registrava attentamente le parole di Jihadi Jack: “Sono nemico del Regno Unito”, oltre a dichiararsi pronto e desideroso di decapitare i soldati inglesi. La coppia è stata giudicata colpevole di aver finanziato il terrorismo nel settembre 2015, ma non della stessa accusa risalente al dicembre dello stesso anno, quando hanno tentato di inviare altre 1.500 sterline al figlio. Alla coppia è stata risparmiata la pena detentiva massima di 14 anni di carcere, commutati in 15 mesi di reclusione sospesi per 12 mesi. Al termine dell’udienza, i giudici hanno ammesso di aver avuto una grande empatia verso la famiglia Letts: “È facile immaginare il travaglio che hanno vissuto e la lenta agonia che devono affrontare a causa delle scelte del figlio”.

Jihadi Jack ha sempre negato di aver mai ucciso qualcuno, ammettendo di aver aderito alle file del califfato convinto di andare incontro “a qualcosa di meglio”, pur avendo un “ottimo rapporto” con i suoi genitori. Ma capisce che tutto questo non può essere dimenticato e non riesce a biasimare l’opinione pubblica inglese, che più volte si è dichiarata contraria a concedergli una seconda possibilità.

Galleria fotografica
Condannati i genitori di Jihadi Jack - immagine 1
Condannati i genitori di Jihadi Jack - immagine 2
Condannati i genitori di Jihadi Jack - immagine 3
Condannati i genitori di Jihadi Jack - immagine 4
Terrorismo
Al Qaeda promette nuove stragi
Al Qaeda promette nuove stragi
L’organizzazione terroristica di Osama bin Laden è oggi molto ridimensionata, ma torna ad alzare la testa promettendo nuove azioni che colpiranno l’America
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme