Condannati i genitori di Jihadi Jack

| L’Old Bailey li ha ritenuti colpevoli di finanziamento del terrorismo per aver inviato del denaro a loro figlio, che si era unito alle file dell’Isis. La coppia si difende: “Qualsiasi genitore l’avrebbe fatto”

+ Miei preferiti
La storia di “Jihadi Jack” era stata una delle più emblematiche, nel periodo in cui l’Isis terrorizzava il mondo. Inglese di Oxford, vero nome Jack Letts, ventenne di famiglia borghese – padre botanico e madre scrittrice – tifosissimo del Liverpool, sulla sua strada incrocia la causa jihadista. Si converte e nel 2014 parte per la Siria, i suoi genitori dicono “per motivi umanitari di interessi religiosi”: ma lì qualcosa cambia, e Jack diventa uno dei 750 jihadisti anglosassoni che scelgono di sposare in pieno la folle missione del Califfato. Nel 2017, Jack viene arrestato dalla milizia curda al termine della sanguinosa battaglia di Raqqa: i genitori chiedono alle autorità inglesi di attivare le procedure per l’estradizione, ma è lui stesso a rifiutare ogni aiuto. Cambia idea qualche mese dopo, quando chiede di tornare nel Regno Unito, dicendosi pronto a “Essere arrestato e processato per qualsiasi crimine la giustizia creda io abbia commesso”.

E mentre lui resta rinchiuso in qualche carcere in Medioriente, a finire nei pasticci in queste ore sono i suoi genitori, John Letts, 58 anni, e sua moglie Sally Lane, di 56, che devono rispondere davanti alla “Central Criminal Court” di “finanziamento del terrorismo”. Loro si difendono: ammettono di aver inviato 223 sterline a loro figlio, ma “È quello che qualsiasi genitori avrebbe fatto. Abbiamo cercato di fare la cosa giusta collaborando pienamente con la polizia: hanno promesso che ci avrebbero aiutato, ma in realtà hanno usato le informazioni che abbiamo fornito per accusarci”.

Una giustificazione che non è bastata all’Old Bailey, che nel periodo del bonifico registrava attentamente le parole di Jihadi Jack: “Sono nemico del Regno Unito”, oltre a dichiararsi pronto e desideroso di decapitare i soldati inglesi. La coppia è stata giudicata colpevole di aver finanziato il terrorismo nel settembre 2015, ma non della stessa accusa risalente al dicembre dello stesso anno, quando hanno tentato di inviare altre 1.500 sterline al figlio. Alla coppia è stata risparmiata la pena detentiva massima di 14 anni di carcere, commutati in 15 mesi di reclusione sospesi per 12 mesi. Al termine dell’udienza, i giudici hanno ammesso di aver avuto una grande empatia verso la famiglia Letts: “È facile immaginare il travaglio che hanno vissuto e la lenta agonia che devono affrontare a causa delle scelte del figlio”.

Jihadi Jack ha sempre negato di aver mai ucciso qualcuno, ammettendo di aver aderito alle file del califfato convinto di andare incontro “a qualcosa di meglio”, pur avendo un “ottimo rapporto” con i suoi genitori. Ma capisce che tutto questo non può essere dimenticato e non riesce a biasimare l’opinione pubblica inglese, che più volte si è dichiarata contraria a concedergli una seconda possibilità.

Galleria fotografica
Condannati i genitori di Jihadi Jack - immagine 1
Condannati i genitori di Jihadi Jack - immagine 2
Condannati i genitori di Jihadi Jack - immagine 3
Condannati i genitori di Jihadi Jack - immagine 4
Terrorismo
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese