Donne Isis, arrestata moglie di Cherif

| Era stata arrestata a Gibuti con il marito latitante, dovrà rispondere di accuse legate al terrorismo. Il marito, latitante da 7 anni, sta scontando la vecchia pena in attesa di nuove condanne. Collegato alla strage di Charlie Hebdo

+ Miei preferiti

Fanno carriera, le donne, in quel che resta dell’Isis. La moglie di un jihadista è accusata di crimini terroristici in Francia: è la moglie di uno dei più noti jihadisti francesi, Peter Cherif, accusata e provvisoriamente detenuta, giorni dopo che suo marito è stato riportato in prigione dopo sette anni di fuga. Soulef A, è stata arrestata insieme a Cherif a Gibuti a metà dicembre, ed è accusata di associazione criminale con terroristi e finanziamento di un'impresa terroristica, con l'udienza già fissata per il 7 gennaio.

Cherif, 36 anni, estradato in Francia a fine dicembre e detenuto, è considerato una potenziale fonte di informazioni preziose dai servizi segreti occidentali. Le autorità francesi lo cercano da quando è scomparso nel 2011, l'ultimo giorno del processo a Parigi per aver combattuto in Iraq insieme ad Al-Qaeda nel 2004. Si è presentato davanti a un giudice francese il 27 dicembre e ha ricevuto una nuova accusa di cospirazione terroristica prima di tornare in carcere per scontare la pena di cinque anni del suo processo originale. Era collegato ai fratelli che hanno massacrato il personale della rivista satirica Charlie Hebdo nel 2015. Nello stesso anno, Cherif, noto anche come Abou Hamza, è stato inserito nella lista nera dei terroristi stranieri.

Nel 2017 gli investigatori hanno aperto una nuova indagine sulle sue attività nello Yemen, dove si è unito ai vertici della sezione locale di Al-Qaida nella penisola arabica (AQAP). Gli Stati Uniti considerano l'AQAP la branca più pericolosa del gruppo jihadista, l’azione dei droni sul gruppo criminale sono aumentati da quando Donald Trump è diventato presidente degli Stati Uniti nel gennaio 2017.

 
Terrorismo
Schiave per sempre
Schiave per sempre
Catturate dai miliziani dell’Isis per trasformale in schiave sessuali, in tante sono riuscite a fuggire, per finire nella rete dei bordelli di Baghdad. La storia di una di loro
Un generale russo nel team del Novichok
Un generale russo nel team del Novichok
Con i due colonnelli già identificati e i due esecutori materiali del fallito attentato con il gas nervino di marzo alla spia Skripal, ex KGB, e alla figlia Julia, ora spunta l'alto ufficiale. Scoop BBC e Bellincat
Strage Bologna, trovato interruttore della bomba
Strage Bologna, trovato interruttore della bomba
Dopo 40 anni, un frammento metallico trovato nei detriti della stazione distrutta da un ordigno punterebbe sulla pista tedesco-palestinese e dei servizi segreti deviati. Il processo e l'inchiesta
Attacco London Bridge, messaggi criptati sulle chat: MI5 impotente
Attacco London Bridge, messaggi criptati sulle chat: MI5 impotente
Al centro gli attentati con coltelli e furgoni sul London Bridge del 2017. I killer islamici avevano scambiato 329 messaggi con un estremista ma costui si rifiuta di consegnare i suoi smartphone. I legali delle vittime: "Assurdo"
Jihadisti inglesi, sterminata in Siria tutta la famiglia
Jihadisti inglesi, sterminata in Siria tutta la famiglia
Anziani genitori, figli, nipoti e tre bambini: tutti morti in Siria, tra bombardamenti e scontri a fuoco. Erano partiti nel 2015 da Luton "felici di vivere nel Califfato". Sotto choc i familiari rimasti in UK: "Era una famiglia normale"
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Si aggirava da giorni nei dintorni dell’ambasciata americana della capitale belga: è sospettato di essere il basista di un gruppo prossimo a colpire o un attentatore lui stesso
Condannati i genitori di Jihadi Jack
Condannati i genitori di Jihadi Jack
L’Old Bailey li ha ritenuti colpevoli di finanziamento del terrorismo per aver inviato del denaro a loro figlio, che si era unito alle file dell’Isis. La coppia si difende: “Qualsiasi genitore l’avrebbe fatto”
Torna in cella Ternera leader ETA
Torna in cella Ternera leader ETA
Il terrorista, rilasciato dalla Francia dove era in carcere, subito ricatturato per la richiesta estradizione in Spagna. Coinvolto in rapine e omicidi, partecipò anche all'attentato, 1973, in cui morì il premier Carrero Blanco
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo
La vittima numero 87 della strage di Nizza
La vittima numero 87 della strage di Nizza
Tahar Mejri aveva perso la moglie e il figlio di 4 anni, travolti dal tir che aveva trasformato in carneficina il lungomare della città francese. È morto di dolore, lasciandosi andare