Donne Isis, arrestata moglie di Cherif

| Era stata arrestata a Gibuti con il marito latitante, dovrà rispondere di accuse legate al terrorismo. Il marito, latitante da 7 anni, sta scontando la vecchia pena in attesa di nuove condanne. Collegato alla strage di Charlie Hebdo

+ Miei preferiti

Fanno carriera, le donne, in quel che resta dell’Isis. La moglie di un jihadista è accusata di crimini terroristici in Francia: è la moglie di uno dei più noti jihadisti francesi, Peter Cherif, accusata e provvisoriamente detenuta, giorni dopo che suo marito è stato riportato in prigione dopo sette anni di fuga. Soulef A, è stata arrestata insieme a Cherif a Gibuti a metà dicembre, ed è accusata di associazione criminale con terroristi e finanziamento di un'impresa terroristica, con l'udienza già fissata per il 7 gennaio.

Cherif, 36 anni, estradato in Francia a fine dicembre e detenuto, è considerato una potenziale fonte di informazioni preziose dai servizi segreti occidentali. Le autorità francesi lo cercano da quando è scomparso nel 2011, l'ultimo giorno del processo a Parigi per aver combattuto in Iraq insieme ad Al-Qaeda nel 2004. Si è presentato davanti a un giudice francese il 27 dicembre e ha ricevuto una nuova accusa di cospirazione terroristica prima di tornare in carcere per scontare la pena di cinque anni del suo processo originale. Era collegato ai fratelli che hanno massacrato il personale della rivista satirica Charlie Hebdo nel 2015. Nello stesso anno, Cherif, noto anche come Abou Hamza, è stato inserito nella lista nera dei terroristi stranieri.

Nel 2017 gli investigatori hanno aperto una nuova indagine sulle sue attività nello Yemen, dove si è unito ai vertici della sezione locale di Al-Qaida nella penisola arabica (AQAP). Gli Stati Uniti considerano l'AQAP la branca più pericolosa del gruppo jihadista, l’azione dei droni sul gruppo criminale sono aumentati da quando Donald Trump è diventato presidente degli Stati Uniti nel gennaio 2017.

 
Terrorismo
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo
La vittima numero 87 della strage di Nizza
La vittima numero 87 della strage di Nizza
Tahar Mejri aveva perso la moglie e il figlio di 4 anni, travolti dal tir che aveva trasformato in carneficina il lungomare della città francese. È morto di dolore, lasciandosi andare
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Un giovane originario del Bangladesh, radicalizzato in America, è stato agganciato da un agente sotto copertura che lo ha assecondato in tutto: quando ha tentato di acquistare delle armi, è stato arrestato
Il misterioso complice della 'compagna Mara'
Il misterioso complice della
Quarantaquattro anni dopo il conflitto a fuoco alla Cascina Spiotta tra carabinieri e Brigate Rosse, dove morirono un militare e Margherita Cagol, moglie di Curcio, ancora non è noto il nome del brigatista che riuscì a fuggire
Il pianto di Battisti: 'Toglietemi l'ergastolo'
Il pianto di Battisti:
I legali dell'ex guerrigliero dei Pac (quattro omicidi, due ergastoli) tentano la strada del ricorso in Cassazione. I legali, invase a un accordo tra Italia e Brasile, chiedono la commutazione della pena a 30 anni di carcere.
La vedova dell'Isis sulle tracce di al-Baghdadi
La vedova dell
Catturata e condannata per terrorismo e violenza, ha iniziato a collaborare con la Cia e i servizi segreti svelando modi e metodi utilizzati dal califfo per spostarsi e nascondersi
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Nel pacco bomba è stata individuato una quantità minima dell’esplosivo più volte utilizzato dall’Isis. L’ordigno azionato a distanza. I dubbi della polizia francese
Johnny il Talebano torna libero
Johnny il Talebano torna libero
John Walker Lindh ha scontato 20 anni per terrorismo, ma l’America non è convinta che ex terroristi possano reinserirsi nella società civile. La storia di un ragazzo che ha scelto di combattere al fianco dei Talebani
Liberato Alessandro Sandrini
Liberato Alessandro Sandrini
Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano