Donne Isis, arrestata moglie di Cherif

| Era stata arrestata a Gibuti con il marito latitante, dovrà rispondere di accuse legate al terrorismo. Il marito, latitante da 7 anni, sta scontando la vecchia pena in attesa di nuove condanne. Collegato alla strage di Charlie Hebdo

+ Miei preferiti

Fanno carriera, le donne, in quel che resta dell’Isis. La moglie di un jihadista è accusata di crimini terroristici in Francia: è la moglie di uno dei più noti jihadisti francesi, Peter Cherif, accusata e provvisoriamente detenuta, giorni dopo che suo marito è stato riportato in prigione dopo sette anni di fuga. Soulef A, è stata arrestata insieme a Cherif a Gibuti a metà dicembre, ed è accusata di associazione criminale con terroristi e finanziamento di un'impresa terroristica, con l'udienza già fissata per il 7 gennaio.

Cherif, 36 anni, estradato in Francia a fine dicembre e detenuto, è considerato una potenziale fonte di informazioni preziose dai servizi segreti occidentali. Le autorità francesi lo cercano da quando è scomparso nel 2011, l'ultimo giorno del processo a Parigi per aver combattuto in Iraq insieme ad Al-Qaeda nel 2004. Si è presentato davanti a un giudice francese il 27 dicembre e ha ricevuto una nuova accusa di cospirazione terroristica prima di tornare in carcere per scontare la pena di cinque anni del suo processo originale. Era collegato ai fratelli che hanno massacrato il personale della rivista satirica Charlie Hebdo nel 2015. Nello stesso anno, Cherif, noto anche come Abou Hamza, è stato inserito nella lista nera dei terroristi stranieri.

Nel 2017 gli investigatori hanno aperto una nuova indagine sulle sue attività nello Yemen, dove si è unito ai vertici della sezione locale di Al-Qaida nella penisola arabica (AQAP). Gli Stati Uniti considerano l'AQAP la branca più pericolosa del gruppo jihadista, l’azione dei droni sul gruppo criminale sono aumentati da quando Donald Trump è diventato presidente degli Stati Uniti nel gennaio 2017.

 
Terrorismo
Uccidere come in un videogame
Uccidere come in un videogame
È successo ancora una volta ad Halle, in Germania: un attentatore ha scelto di riprendere e divulgare le fasi del tentato massacro, utilizzando il linguaggio tipico dei videogames
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Due “Beatles” dell’Isis verso l’estradizione in America
Sono gli ultimi sopravvissuti del gruppo di tagliagole più mediaticamente celebre. Arrestati dalle milizie curde, sono stati presi in consegna dagli americani, che ora vogliono processarli
Riesplode il caso di Jihadi Jack
Riesplode il caso di Jihadi Jack
L’ex studente di Oxford partito per arruolarsi nell’Isis è stato ripreso in un video che mostra le condizioni delle carceri curde. I genitori chiedono il rimpatrio, ma il governo nega con forza
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
La conferma degli USA: Hamza bin Laden è morto
Quasi un mese e mezzo dopo la rivelazione di un canale televisivo americano, gli Stati Uniti confermano la morte del figlio di Osama bin Laden
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Al Qaeda torna a minacciare l’Occidente
Nel giorno delle commemorazioni dell’11 settembre, il successore di Bin Laden Al Zawahiri rinnova la minaccia di colpire gli Stati Uniti e i loro alleati
Isis, catturato in Germania il boia di Dara'a
Isis, catturato in Germania il boia di Dara
Processo a Coblenza per crimini di guerra. Tradito dai suoi ex compagni e dalle immagini e video che lo riprendono con in mano teste appena mozzate che lui derideva. Rischia 10 anni di carcere
Il 'santo stragista' e i suoi devoti discepoli
Il
IN USA, Europa e Commonwealth si diffonde il culto per chi ha ucciso in nome del suprematismo per combattere la "sostituzione" del controllo dei bianchi da parte di ebrei, islamici, etnie latine e straniere. E l'idolo è Tarrant
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Battisti spera nella clemenza dello Stato
Il 66enne in carcere ad Oristano chiede la cancellazione dell'ergastolo per una pena più mite per accedere alle misure alternative. L'avvocato: "Farò il possibile perché non muoia in cella". E ammette i quattro omicidi
Il corpo di una donna nella casa dell'attentatore
Il corpo di una donna nella casa dell
Oslo, macabra scoperta nell'alloggio del 20enne che era entrato armato in una moschea aprendo il fuoco e ferendo una persona. Un 75enne è riuscito a bloccarlo e lo consegnato alla polizia
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Pericolo di attacchi terroristici entro la fine del 2019
Lo dice un report delle Nazioni Unite, che ha valutato le riserve finanziarie e le forze sul campo ancora legate all’Isis. A preoccupare è anche il futuro dei 2000 foreign fighters tornati in Europa