Droni a Gatwick? Forse mai stati

| Sorprendente dichiarazione della polizia dopo il rilascio della coppia che aveva un alibi di ferro. "Solo testimonianze, zero prove". Ma ora si potrà sparare ai droni con i bazooka. Taglia da 50mila sterline sui (presunti) autori

+ Miei preferiti

MICHAEL 0'BRIEN

Passerà alla storia come il caso giudiziario più bizzarro del 2018. Ma davvero un drone (nell'immagine un fotomontaggio pubblicato dia media inglesi), o più droni, sono stati in grado di bloccare uno degli aeroporti più protetti e controllati del mondo, lasciando a terra per due giorni 140mila passeggeri con oltre 1000 voli annullati? La polizia, dopo aver rilasciato con tante scusa una coppia di appassionati di modellismo aereo, ammette che forse non c‘è mai stato un attacco con i droni allo scalo internazionale. Paul Gait, 47, e la moglie Elaine, 54, hanno trascorso in stato di fermo oltre 36 ore. Droni come fake news? Non proprio. Perché ne è stato trovato uno danneggiato vicino alla pista principale. L’aeroporto di Gatwick ora offre una ricompensa di 50.000 sterline (55mila euro circa) per catturare il colpevole o i colpevoli, mentre fioccano le inchieste interne, tra il personale militare in servizio all’aeroporto e gli agenti della polizia di frontiera, senza contare i cotractors che affiancano nella sorveglianza le forze di polizia. Salteranno delle teste, questo è certo. Ma tutti si domandano: può accadere di nuovo? Ci saranno episodi emulativi in Europa o altrove? Si è capito che per bloccare uno scalo anche di enormi dimensioni basta sapere manovrare un piccolo velivolo radiocomandato con un costo medio di poche centinaia di euro. La polizia dei più grandi aeroporti britannici sarà da ora in poi armata di bazooka che uccidono i droni sulla scia del caos.  

Oggi la polizia è stata messa sotto accusa per il flop delle indagini e dopo aver tenuto sotto scacco una coppia sposata per quasi due giorni senza accuse, prima di ammettere che "potrebbe non esserci mai stato un drone". 

Paul ed Elaine Kirk-Gait sono tornati a casa loro, a Crawley, dove hanno potuto riabbracciare gli anziani genitori e i loro due figli piccoli.

Amici e famiglia avevano ripetuto con forza che la mite coppia non poteva far parte degli Eco-Warriors” che contestano gli aeroporti per il loro potenziale inquinante. Gli investitori confermano che "drone danneggiato” è stato trovato vicino a Gatwick, ma il detective Jason Tingley esclude ci siano "filmati disponibili e si basano soltanto su alcuni testimoni”. Eppure costoro hanno affidato al Daily Mail on line il video dei droni che si librano sopra lo spazio aereo la scorsa settimana. 

Quattro giorni dopo l'attacco dei droni che ha portato l'aeroporto di Gatwick a un punto morto, è emerso che il datore di lavoro di Gait, John Allard, che avrebbe potuto subito confermare l’alibi del suo operaio: “non sono mai stato nemmeno interrogato, hanno fatto un’indagine sballata”, ha detto al Mail. I vertici della polizia si limitano  ad osservare che hanno in mano un paio di verbali in cui si descrive il volo dei droni. E nient’altro.

Terrorismo
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Bruxelles: arrestato un uomo per sospetto terrorismo
Si aggirava da giorni nei dintorni dell’ambasciata americana della capitale belga: è sospettato di essere il basista di un gruppo prossimo a colpire o un attentatore lui stesso
Condannati i genitori di Jihadi Jack
Condannati i genitori di Jihadi Jack
L’Old Bailey li ha ritenuti colpevoli di finanziamento del terrorismo per aver inviato del denaro a loro figlio, che si era unito alle file dell’Isis. La coppia si difende: “Qualsiasi genitore l’avrebbe fatto”
Torna in cella Ternera leader ETA
Torna in cella Ternera leader ETA
Il terrorista, rilasciato dalla Francia dove era in carcere, subito ricatturato per la richiesta estradizione in Spagna. Coinvolto in rapine e omicidi, partecipò anche all'attentato, 1973, in cui morì il premier Carrero Blanco
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo
La vittima numero 87 della strage di Nizza
La vittima numero 87 della strage di Nizza
Tahar Mejri aveva perso la moglie e il figlio di 4 anni, travolti dal tir che aveva trasformato in carneficina il lungomare della città francese. È morto di dolore, lasciandosi andare
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Un giovane originario del Bangladesh, radicalizzato in America, è stato agganciato da un agente sotto copertura che lo ha assecondato in tutto: quando ha tentato di acquistare delle armi, è stato arrestato
Il misterioso complice della 'compagna Mara'
Il misterioso complice della
Quarantaquattro anni dopo il conflitto a fuoco alla Cascina Spiotta tra carabinieri e Brigate Rosse, dove morirono un militare e Margherita Cagol, moglie di Curcio, ancora non è noto il nome del brigatista che riuscì a fuggire
Il pianto di Battisti: 'Toglietemi l'ergastolo'
Il pianto di Battisti:
I legali dell'ex guerrigliero dei Pac (quattro omicidi, due ergastoli) tentano la strada del ricorso in Cassazione. I legali, invase a un accordo tra Italia e Brasile, chiedono la commutazione della pena a 30 anni di carcere.
La vedova dell'Isis sulle tracce di al-Baghdadi
La vedova dell
Catturata e condannata per terrorismo e violenza, ha iniziato a collaborare con la Cia e i servizi segreti svelando modi e metodi utilizzati dal califfo per spostarsi e nascondersi