Giustiziato killer dei marinai dello USS Cole

| Dopo 19 anni gli americani lanciano un missile sull'auto di Jamel Ahmed Mohammed Ali Al-Badawi, esponente di rilievo di Al Qaeda. Era il pianificatore dell'attacco alla nave US Cole, in cui morirono 17 marinai, 39 i feriti

+ Miei preferiti

Non è vendetta ma giustizia. Il terrorista islamico che pianificò l’attacco, nel 2000, al cacciatorpediniere USS Cole è stato ucciso martedì in un attacco aereo statunitense nello Yemen. La conferma arriva in queste ore dal Pentagono. Jamel Ahmed Mohammed Ali Al-Badawi era un dirigente operativo di al Qaeda: nell’attacco del 12 ottobre 2000 contro l'USS Cole morirono 17 marinai americani.

Jamel Ahmed Mohammed Ali Al-Badawi


Al-Badawi è stato ucciso in un’operazione nello Yemen come risultato di un'incursione militare e di intelligence congiunta degli Stati Uniti. Funzionari americani hanno riferito alla CNN che l’attacco ha avuto luogo nel governatorato di Ma'rib dello Yemen. "Le forze americane hanno condotto un attacco il 1° gennaio nel governo di Marib, nello Yemen, prendendo di mira Jamal al-Badawi, dirgiente di al-Qaeda operativo nello Yemen coinvolto nel bombardamento dell'USS Cole", ha dichiarato alla CNN in un comunicato il capitano della marina statunitense Bill Urban, portavoce del Comando Centrale. Al-Badawi è stato colpito mentre guidava da solo un veicolo, centrato da un missile. Non ci sono stati danni collaterali, nessun’altra vittima. Al-Badawi era nella lista dei terroristi più ricercati dell'FBI.

La USS Cole era stata attaccata da attentatori suicidi con una piccola imbarcazione carica di esplosivi mentre si trovava nel porto di Aden, nello Yemen, per il rifornimento di carburante. Nell’attacco restarono feriti anche 39 marinai. L’attentato fu attribuito ad al Qaeda e prefigurava l'attacco alle Twin Towers, meno di un anno dopo, l'11 settembre 2001.

"Al-Badawi è stato incriminato da una giuria federale nel 2003, accusato di 50 capi d'imputazione per vari reati di terrorismo, tra cui l'omicidio di cittadini statunitensi e l'uccisione di personale militare statunitense", ha detto Urban.

Al-Badawi era stato arrestato dalle autorità yemenite nel dicembre del 2000 e detenuto in relazione all'attacco alla Cole, ma era fuggito da una prigione nello Yemen nell'aprile del 2003. Ricatturato nel 20004, sempre dalle autorità yemenite, riuscì di nuovo ad evadere nel febbraio 2006 attraverso un tunnel.

Il programma Rewards for Justice del Dipartimento di Stato aveva precedentemente offerto una ricompensa fino a 5 milioni di dollari per le informazioni che hanno portato al suo arresto. Abd al Rahim al-Nashiri, un militante di al-Qaeda, visto anche come una figura chiave nell’attacco alla nave, è sotto custodia statunitense dal 2002 ed è detenuto nel centro di Guantanamo Bay, a Cuba, dal 2006. I procuratori militari statunitensi hanno accusato al-Nashiri di omicidio per aver pianificato l’attacco. Al-Badawi non è il primo obiettivo di alto profilo di al-Qaeda che gli Stati Uniti hanno ucciso nello Yemen. Funzionari statunitensi hanno riferito alla CNN in agosto che nel 2017 un drone della CIA ha ucciso nello Yemen Ibrahim al-Asiri, artificiere di al-Qaeda. Al-Asiri, originario dell'Arabia Saudita, era la mente dietro il tentativo di far esplodere una bomba invisibile su un volo sopra i cieli di Detroit il giorno di Natale del 2009.

Era in grado di costruire bombe miniaturizzate con poco o nessun contenuto metallico per poter superare gli screening di sicurezza aeroportuale.

Galleria fotografica
Giustiziato killer dei marinai dello USS Cole - immagine 1
Giustiziato killer dei marinai dello USS Cole - immagine 2
Terrorismo
I siti turistici: rischio attentati in Italia
I siti turistici: rischio attentati in Italia
L’inglese Foreign Travel Advice, ma anche siti di informazioni turistiche dei ministeri degli esteri di paesi stranieri, mettono in guardia i propri cittadini: rischio di attacchi terroristici durante il periodo estivo
La vittima numero 87 della strage di Nizza
La vittima numero 87 della strage di Nizza
Tahar Mejri aveva perso la moglie e il figlio di 4 anni, travolti dal tir che aveva trasformato in carneficina il lungomare della città francese. È morto di dolore, lasciandosi andare
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Il killer della Nuova Zelanda: sono innocente
Brenton Tarrant sfida il tribunale ribandendo la propria innocenza sulle stragi alle due moschee di Christchurch. Secondo le perizie psichiatriche è in grado di sostenere il processo
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Pronto a farsi saltare in aria a New York
Un giovane originario del Bangladesh, radicalizzato in America, è stato agganciato da un agente sotto copertura che lo ha assecondato in tutto: quando ha tentato di acquistare delle armi, è stato arrestato
Il misterioso complice della 'compagna Mara'
Il misterioso complice della
Quarantaquattro anni dopo il conflitto a fuoco alla Cascina Spiotta tra carabinieri e Brigate Rosse, dove morirono un militare e Margherita Cagol, moglie di Curcio, ancora non è noto il nome del brigatista che riuscì a fuggire
Il pianto di Battisti: 'Toglietemi l'ergastolo'
Il pianto di Battisti:
I legali dell'ex guerrigliero dei Pac (quattro omicidi, due ergastoli) tentano la strada del ricorso in Cassazione. I legali, invase a un accordo tra Italia e Brasile, chiedono la commutazione della pena a 30 anni di carcere.
La vedova dell'Isis sulle tracce di al-Baghdadi
La vedova dell
Catturata e condannata per terrorismo e violenza, ha iniziato a collaborare con la Cia e i servizi segreti svelando modi e metodi utilizzati dal califfo per spostarsi e nascondersi
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Tracce della ‘madre di Satana’ nella bomba di Lione
Nel pacco bomba è stata individuato una quantità minima dell’esplosivo più volte utilizzato dall’Isis. L’ordigno azionato a distanza. I dubbi della polizia francese
Johnny il Talebano torna libero
Johnny il Talebano torna libero
John Walker Lindh ha scontato 20 anni per terrorismo, ma l’America non è convinta che ex terroristi possano reinserirsi nella società civile. La storia di un ragazzo che ha scelto di combattere al fianco dei Talebani
Liberato Alessandro Sandrini
Liberato Alessandro Sandrini
Mancano conferme ufficiali, ma il 32enne bresciano sequestrato nel 2016 sarebbe stato liberato da un gruppo antigovernativo siriano