I nove italiani svaniti nel nulla

| Luca, Silvia, Luigi, Alessandro, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Sergio e Paolo: sono i nomi dei nostri connazionali inghiottiti da silenzi che per qualcuno si trascinano ormai da anni. Alle loro storie manca ancora un finale

+ Miei preferiti
Sono missionari, turisti, imprenditori, studenti, volontari: di loro si sono perse le tracce in paesi difficili, spesso in mano a bande di balordi o ancora peggio da gruppi legati al terrorismo di matrice islamica. La loro sorte tiene l’Italia intera con il fiato sospeso. La più giovane è Silvia Romano, 26 anni, rapita in Kenya, il più anziano Padre Dall’Oglio, 65 anni, il missionario gesuita che secondo alcune fonti sarebbe stato giustiziato.

Luca Tacchetto

Luogo di nascita: Milano

Età: 30 anni

Luogo e data scomparsa: Burkina Faso, 15 dicembre 2018

Insieme alla sua amica, la canadese Edith Blais, Luca parte in auto il 20 novembre scorso dal vicentino per raggiungere il paese africano attraversando Francia, Spagna, Marocco, Mauritania e Mali. Obiettivo finale, raggiungere una missione umanitaria in Togo. Con il trascorrere dei giorni si allontana la possibilità che i due giovani siano stati rapiti a scopo di estorsione, e si rafforza invece quella che si siano imbattuti in qualche gruppo jihadista.

Silvia Romano

Luogo di nascita: Milano

Età: 23 anni

Luogo e data scomparsa: Kenya, 20 novembre 2018

Laureata come mediatrice culturale, era al suo secondo viaggio come cooperante per “Africa Milele Onlus”: si occupa di progetti dedicati ai piccoli orfani. Viene sequestrata a Chakama, piccolo villaggio della contea di Kilifi da un commando di tre persone armate. Fin dall’inizio le autorità ostentano ottimismo: arrestano più di 100 persone e ripetono che il “cerchio si stringe”, ma di Silvia non c’è traccia ormai da un mese e mezzo. Le ultime ipotesi ammettono la possibilità che la giovane italiana sia stata “venduta” a gruppi terroristici, ma inizia anche a serpeggiare qualche incertezza investigativa da parte della polizia kenyana: Yusuf Kuno Adan, uno dei presunti rapitori su cui è stata messa una taglia, è morto da sei mesi.

Pier Luigi Maccalli

Luogo di nascita: Madignano (Crema)

Età: 57 anni

Luogo e data scomparsa: Niger, 18 settembre 2018

In Niger dal novembre del 2017, padre Gigi, da oltre trent’anni missionario dello “SMA” (Società delle Missioni), si trovava a Bomoanga, un villaggio nella prefettura di Makalondi, non distante dalla frontiera con il Burkina Faso. Dalle prime indagini emerge che i rapitori possano essere gruppi jihadisti che stanno intensificando le loro azioni nella zona, anche se le autorità sono convinte che si tratti di un sequestro a scopo di estorsione. Ad oggi non è arrivata alcuna richiesta di riscatto.

Alessandro Sandrini

Luogo di nascita: Folzano (Brescia)

Età: 32 anni

Luogo e data scomparsa: Turchia, 3 ottobre 2016

In vacanza solitaria in Turchia, ha telefonato alla famiglia quattro volte, il 18 ottobre, il 3 e il 22 dicembre del 2017, l’ultima nel gennaio 2018: in tutte e tre affermava di essere stato rapito per strada e chiedeva l’intervento dello Stato. Nel luglio dello scorso anno è stato diffuso un video in cui vestito con la tuta arancione, Sandrini implora di risolvere la situazione in tempi brevi perché minacciato di morte imminente. Dietro di lui due uomini armati e incappucciati: secondo gli esperti dell’antiterrorismo nel video mancano bandiere e simboli dei gruppi jihadisti. E il mistero continua.

Raffaele Russo, Antonio Russo, Vincenzo Cimmino

Luogo di nascita: Napoli

Età: 60, 25, 29 anni

Luogo e data scomparsa: Messico, 31 gennaio 2018

Un padre, suo figlio e il cugino, ambulanti, in Messico per vendere elettrodomestici, vengono fermati dalla polizia in una stazione di servizio di Tecalitlán e consegnati ad una gang. La zona in cui sono spariti è controllata dal potente cartello Jalisco New Generation. Più che al rapimento, gli inquirenti sospettano possa trattarsi di vendetta per una truffa nella vendita di elettrodomestici, spacciati per tedeschi e in realtà made in China.

Sergio Zanotti

Luogo di nascita: Marone (Brescia)

Età: 56 anni

Luogo e data scomparsa: Turchia, 16 aprile 2016

Una scomparsa sospesa fra stranezza e mistero: la famiglia dell’imprenditore bresciano, abituata a viaggi continui, scopre del suo sequestro con una telefonata all’ex moglie che si interrompe bruscamente. Fra i misteri il perché del viaggio per il Medio Oriente e i contenuti di due video in cui Zanotti chiede l’intervento dello Stato sotto la minaccia di un uomo incappucciato: sono considerati insoliti e da qualcuno perfino poco credibili.

Paolo Dall’Oglio

Luogo di nascita: Roma

Età: 65 anni

Luogo e data scomparsa: Siria, 29 luglio 2013

Da più di trent’anni in Siria, il gesuita era noto per rifondato la comunità monastica cattolico-siriaca Mar Musa presso un monastero nel deserto, a nord di Damasco. Convinto che esista la possibilità di un dialogo interreligioso, tratta la liberazione di alcuni ostaggi prigionieri a Raqqa, ma sarebbe stato rapito da un gruppo di terroristi vicino ad al-Qaeda e giustiziato un mese dopo, secondo quanto riferito da un sito arabo. La Farnesina non è in grado di confermare o smentire.

Galleria fotografica
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 1
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 2
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 3
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 4
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 5
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 6
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 7
Terrorismo
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Attentato a Vienna, l’Europa è sotto attacco
Spari ed esplosioni segnalati in più punti della capitale austriaca. Un attentato più coordinato rispetto ai recenti episodi Parigi, Nizza e Lione, che fa tenere l’inizio di una nuova stagione del terrore
Un altro giorno di paura a Nizza
Un altro giorno di paura a Nizza
La celebre località della Costa Azzurra torna a fare i conti con il terrorismo: un uomo armato di coltello uccide tre persone nella principale chiesa della città
Parigi, fra lockdown e terrorismo
Parigi, fra lockdown e terrorismo
La capitale francese, stretta nella morsa della pandemia, diventa lo scenario per il 33esimo attentato terroristico dal 2015. Vittima un professore, decapitato perché aveva mostrato ai suoi studenti le vignette su Maometto
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Parigi rimpiomba nella paura del terrorismo
Due feriti gravi sono il bilancio di un agguato avvenuto a poca distanza dalla vecchia sede di “Charlie Hebdo”. Due sospetti sono stati arrestati, ma le indagini proseguono
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Il killer di Utøya vuole la libertà condizionata
Autore degli attentati in Norvegia del 22 luglio 2011, costati la vita a 77 persone, Anders Breivik si lamenta della detenzione ed è deciso a chiedere una revisione legale che lo rimetta in libertà
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Nuove minacce a Charlie Hebdo
Dopo l’ennesima pubblicazione delle vignette su Maometto, Al Qaeda minaccia: “Se voi ripetete il crimine, noi ripeteremo la punizione”
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Francia, sventati numerosi attacchi terroristici
Il procuratore capo dell’antiterrorismo svela che il timore di nuovi attacchi è sempre altissimo. Si teme il terrorismo interno, coordinato da francesi di ritorno dalla Siria e da ex miliziani dell’Isis entrati nel Paese
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Nuova Zelanda, ergastolo per il killer di Christchurch
Il killer che un anno fa ha ucciso 51 persone in due moschee in Nuova Zelanda condannato al massimo della pena. In quattro giorni di dibattimento sono sfilati decine di testimoni, familiari e sopravvissuti