I nove italiani svaniti nel nulla

| Luca, Silvia, Luigi, Alessandro, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Sergio e Paolo: sono i nomi dei nostri connazionali inghiottiti da silenzi che per qualcuno si trascinano ormai da anni. Alle loro storie manca ancora un finale

+ Miei preferiti
Sono missionari, turisti, imprenditori, studenti, volontari: di loro si sono perse le tracce in paesi difficili, spesso in mano a bande di balordi o ancora peggio da gruppi legati al terrorismo di matrice islamica. La loro sorte tiene l’Italia intera con il fiato sospeso. La più giovane è Silvia Romano, 26 anni, rapita in Kenya, il più anziano Padre Dall’Oglio, 65 anni, il missionario gesuita che secondo alcune fonti sarebbe stato giustiziato.

Luca Tacchetto

Luogo di nascita: Milano

Età: 30 anni

Luogo e data scomparsa: Burkina Faso, 15 dicembre 2018

Insieme alla sua amica, la canadese Edith Blais, Luca parte in auto il 20 novembre scorso dal vicentino per raggiungere il paese africano attraversando Francia, Spagna, Marocco, Mauritania e Mali. Obiettivo finale, raggiungere una missione umanitaria in Togo. Con il trascorrere dei giorni si allontana la possibilità che i due giovani siano stati rapiti a scopo di estorsione, e si rafforza invece quella che si siano imbattuti in qualche gruppo jihadista.

Silvia Romano

Luogo di nascita: Milano

Età: 23 anni

Luogo e data scomparsa: Kenya, 20 novembre 2018

Laureata come mediatrice culturale, era al suo secondo viaggio come cooperante per “Africa Milele Onlus”: si occupa di progetti dedicati ai piccoli orfani. Viene sequestrata a Chakama, piccolo villaggio della contea di Kilifi da un commando di tre persone armate. Fin dall’inizio le autorità ostentano ottimismo: arrestano più di 100 persone e ripetono che il “cerchio si stringe”, ma di Silvia non c’è traccia ormai da un mese e mezzo. Le ultime ipotesi ammettono la possibilità che la giovane italiana sia stata “venduta” a gruppi terroristici, ma inizia anche a serpeggiare qualche incertezza investigativa da parte della polizia kenyana: Yusuf Kuno Adan, uno dei presunti rapitori su cui è stata messa una taglia, è morto da sei mesi.

Pier Luigi Maccalli

Luogo di nascita: Madignano (Crema)

Età: 57 anni

Luogo e data scomparsa: Niger, 18 settembre 2018

In Niger dal novembre del 2017, padre Gigi, da oltre trent’anni missionario dello “SMA” (Società delle Missioni), si trovava a Bomoanga, un villaggio nella prefettura di Makalondi, non distante dalla frontiera con il Burkina Faso. Dalle prime indagini emerge che i rapitori possano essere gruppi jihadisti che stanno intensificando le loro azioni nella zona, anche se le autorità sono convinte che si tratti di un sequestro a scopo di estorsione. Ad oggi non è arrivata alcuna richiesta di riscatto.

Alessandro Sandrini

Luogo di nascita: Folzano (Brescia)

Età: 32 anni

Luogo e data scomparsa: Turchia, 3 ottobre 2016

In vacanza solitaria in Turchia, ha telefonato alla famiglia quattro volte, il 18 ottobre, il 3 e il 22 dicembre del 2017, l’ultima nel gennaio 2018: in tutte e tre affermava di essere stato rapito per strada e chiedeva l’intervento dello Stato. Nel luglio dello scorso anno è stato diffuso un video in cui vestito con la tuta arancione, Sandrini implora di risolvere la situazione in tempi brevi perché minacciato di morte imminente. Dietro di lui due uomini armati e incappucciati: secondo gli esperti dell’antiterrorismo nel video mancano bandiere e simboli dei gruppi jihadisti. E il mistero continua.

Raffaele Russo, Antonio Russo, Vincenzo Cimmino

Luogo di nascita: Napoli

Età: 60, 25, 29 anni

Luogo e data scomparsa: Messico, 31 gennaio 2018

Un padre, suo figlio e il cugino, ambulanti, in Messico per vendere elettrodomestici, vengono fermati dalla polizia in una stazione di servizio di Tecalitlán e consegnati ad una gang. La zona in cui sono spariti è controllata dal potente cartello Jalisco New Generation. Più che al rapimento, gli inquirenti sospettano possa trattarsi di vendetta per una truffa nella vendita di elettrodomestici, spacciati per tedeschi e in realtà made in China.

Sergio Zanotti

Luogo di nascita: Marone (Brescia)

Età: 56 anni

Luogo e data scomparsa: Turchia, 16 aprile 2016

Una scomparsa sospesa fra stranezza e mistero: la famiglia dell’imprenditore bresciano, abituata a viaggi continui, scopre del suo sequestro con una telefonata all’ex moglie che si interrompe bruscamente. Fra i misteri il perché del viaggio per il Medio Oriente e i contenuti di due video in cui Zanotti chiede l’intervento dello Stato sotto la minaccia di un uomo incappucciato: sono considerati insoliti e da qualcuno perfino poco credibili.

Paolo Dall’Oglio

Luogo di nascita: Roma

Età: 65 anni

Luogo e data scomparsa: Siria, 29 luglio 2013

Da più di trent’anni in Siria, il gesuita era noto per rifondato la comunità monastica cattolico-siriaca Mar Musa presso un monastero nel deserto, a nord di Damasco. Convinto che esista la possibilità di un dialogo interreligioso, tratta la liberazione di alcuni ostaggi prigionieri a Raqqa, ma sarebbe stato rapito da un gruppo di terroristi vicino ad al-Qaeda e giustiziato un mese dopo, secondo quanto riferito da un sito arabo. La Farnesina non è in grado di confermare o smentire.

Galleria fotografica
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 1
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 2
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 3
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 4
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 5
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 6
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 7
Terrorismo
Al Qaeda promette nuove stragi
Al Qaeda promette nuove stragi
L’organizzazione terroristica di Osama bin Laden è oggi molto ridimensionata, ma torna ad alzare la testa promettendo nuove azioni che colpiranno l’America
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Isis e Al-Qaeda pianificano nuovi attentati
Due diverse informative dimostrano l’intensificarsi di attività e spostamenti di grosse somme di denaro. Si teme la possibilità di nuove azioni clamorose, in stile 11 settembre
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
Cesare Battisti pronto allo sciopero della fame
L’ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo, lamenta il trattamento a cui è sottoposto nel carcere di Rossano, dove sconta l’ergastolo nel padiglione dei jihadisti
Il fascino perverso del male
Il fascino perverso del male
Partendo dal libro autobiografico di Valeria Collina, madre dell’attentatore del London Bridge, il fenomeno del terrorismo analizzato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci e dal dottor Maurizio Montanari
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Progettava un attentato ispirandosi alla strage di Christchurch
Un 16enne di Singapore era pronto a fare strage in due moschee per celebrare il secondo anniversario della strage compiuta da Brenton Tarrant. Secondo gli inquirenti odia i musulmani ed è affascinato dalla violenza
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Viaggio nelle frange dell’estrema destra americana
Rincuorati dal “successo” dell’assalto al Campidoglio, decine di canali inneggiano alla guerra civile e alla libertà di razzismo. Fra loro spiccano i Bangaloo Boys e i Proud Boys
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Chiuso il processo di Charlie Hebdo
Quattordici condanne, dai 4 anni all’ergastolo, mettono la parola fine agli attentati che sconvolsero Parigi nel gennaio 2015. Degli imputati 11 erano presenti in aula, gli altri latitanti o dati per morti
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
Somalia, la guerra di cui nessuno parla
L’esercito americano e il gruppo terroristico al-Shabaab combattono in segreto: i primi hanno intensificato i raid aerei, i terroristi le autobombe. L’ultima vittima un contractor americano, ex Navy Seal
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Il misterioso omicidio del leader di al-Qaeda
Abu Mohammed al-Masri sarebbe stato ucciso insieme alla figlia il 7 agosto scorso, ma la notizia è stata tenuta nascosta fino a poche ore fa. Era considerato il più importante stratega del gruppo terroristico
Austria, i veleni dopo la strage
Austria, i veleni dopo la strage
Accuse reciproche di inefficienza e scarsa attenzione verso un soggetto che era riuscito a nascondere la sua radicalizzazione. Il Paese convinto che sia necessario rivedere i protocolli e aggiungere una stretta alle norme