I nove italiani svaniti nel nulla

| Luca, Silvia, Luigi, Alessandro, Raffaele, Antonio, Vincenzo, Sergio e Paolo: sono i nomi dei nostri connazionali inghiottiti da silenzi che per qualcuno si trascinano ormai da anni. Alle loro storie manca ancora un finale

+ Miei preferiti
Sono missionari, turisti, imprenditori, studenti, volontari: di loro si sono perse le tracce in paesi difficili, spesso in mano a bande di balordi o ancora peggio da gruppi legati al terrorismo di matrice islamica. La loro sorte tiene l’Italia intera con il fiato sospeso. La più giovane è Silvia Romano, 26 anni, rapita in Kenya, il più anziano Padre Dall’Oglio, 65 anni, il missionario gesuita che secondo alcune fonti sarebbe stato giustiziato.

Luca Tacchetto

Luogo di nascita: Milano

Età: 30 anni

Luogo e data scomparsa: Burkina Faso, 15 dicembre 2018

Insieme alla sua amica, la canadese Edith Blais, Luca parte in auto il 20 novembre scorso dal vicentino per raggiungere il paese africano attraversando Francia, Spagna, Marocco, Mauritania e Mali. Obiettivo finale, raggiungere una missione umanitaria in Togo. Con il trascorrere dei giorni si allontana la possibilità che i due giovani siano stati rapiti a scopo di estorsione, e si rafforza invece quella che si siano imbattuti in qualche gruppo jihadista.

Silvia Romano

Luogo di nascita: Milano

Età: 23 anni

Luogo e data scomparsa: Kenya, 20 novembre 2018

Laureata come mediatrice culturale, era al suo secondo viaggio come cooperante per “Africa Milele Onlus”: si occupa di progetti dedicati ai piccoli orfani. Viene sequestrata a Chakama, piccolo villaggio della contea di Kilifi da un commando di tre persone armate. Fin dall’inizio le autorità ostentano ottimismo: arrestano più di 100 persone e ripetono che il “cerchio si stringe”, ma di Silvia non c’è traccia ormai da un mese e mezzo. Le ultime ipotesi ammettono la possibilità che la giovane italiana sia stata “venduta” a gruppi terroristici, ma inizia anche a serpeggiare qualche incertezza investigativa da parte della polizia kenyana: Yusuf Kuno Adan, uno dei presunti rapitori su cui è stata messa una taglia, è morto da sei mesi.

Pier Luigi Maccalli

Luogo di nascita: Madignano (Crema)

Età: 57 anni

Luogo e data scomparsa: Niger, 18 settembre 2018

In Niger dal novembre del 2017, padre Gigi, da oltre trent’anni missionario dello “SMA” (Società delle Missioni), si trovava a Bomoanga, un villaggio nella prefettura di Makalondi, non distante dalla frontiera con il Burkina Faso. Dalle prime indagini emerge che i rapitori possano essere gruppi jihadisti che stanno intensificando le loro azioni nella zona, anche se le autorità sono convinte che si tratti di un sequestro a scopo di estorsione. Ad oggi non è arrivata alcuna richiesta di riscatto.

Alessandro Sandrini

Luogo di nascita: Folzano (Brescia)

Età: 32 anni

Luogo e data scomparsa: Turchia, 3 ottobre 2016

In vacanza solitaria in Turchia, ha telefonato alla famiglia quattro volte, il 18 ottobre, il 3 e il 22 dicembre del 2017, l’ultima nel gennaio 2018: in tutte e tre affermava di essere stato rapito per strada e chiedeva l’intervento dello Stato. Nel luglio dello scorso anno è stato diffuso un video in cui vestito con la tuta arancione, Sandrini implora di risolvere la situazione in tempi brevi perché minacciato di morte imminente. Dietro di lui due uomini armati e incappucciati: secondo gli esperti dell’antiterrorismo nel video mancano bandiere e simboli dei gruppi jihadisti. E il mistero continua.

Raffaele Russo, Antonio Russo, Vincenzo Cimmino

Luogo di nascita: Napoli

Età: 60, 25, 29 anni

Luogo e data scomparsa: Messico, 31 gennaio 2018

Un padre, suo figlio e il cugino, ambulanti, in Messico per vendere elettrodomestici, vengono fermati dalla polizia in una stazione di servizio di Tecalitlán e consegnati ad una gang. La zona in cui sono spariti è controllata dal potente cartello Jalisco New Generation. Più che al rapimento, gli inquirenti sospettano possa trattarsi di vendetta per una truffa nella vendita di elettrodomestici, spacciati per tedeschi e in realtà made in China.

Sergio Zanotti

Luogo di nascita: Marone (Brescia)

Età: 56 anni

Luogo e data scomparsa: Turchia, 16 aprile 2016

Una scomparsa sospesa fra stranezza e mistero: la famiglia dell’imprenditore bresciano, abituata a viaggi continui, scopre del suo sequestro con una telefonata all’ex moglie che si interrompe bruscamente. Fra i misteri il perché del viaggio per il Medio Oriente e i contenuti di due video in cui Zanotti chiede l’intervento dello Stato sotto la minaccia di un uomo incappucciato: sono considerati insoliti e da qualcuno perfino poco credibili.

Paolo Dall’Oglio

Luogo di nascita: Roma

Età: 65 anni

Luogo e data scomparsa: Siria, 29 luglio 2013

Da più di trent’anni in Siria, il gesuita era noto per rifondato la comunità monastica cattolico-siriaca Mar Musa presso un monastero nel deserto, a nord di Damasco. Convinto che esista la possibilità di un dialogo interreligioso, tratta la liberazione di alcuni ostaggi prigionieri a Raqqa, ma sarebbe stato rapito da un gruppo di terroristi vicino ad al-Qaeda e giustiziato un mese dopo, secondo quanto riferito da un sito arabo. La Farnesina non è in grado di confermare o smentire.

Galleria fotografica
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 1
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 2
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 3
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 4
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 5
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 6
I nove italiani svaniti nel nulla - immagine 7
Terrorismo
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Le tecniche di tortura della C.I.A.
Un detenuto di Guantánamo, mai accusato formalmente di nulla, ha svelato attraverso dei disegni le tecniche di tortura usate dai servizi segreti americani nei campi di prigionia
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Usman Khan, il killer di Londra che aveva ingannato tutti
Noto all’antiterrorismo per essere un reclutatore e organizzatore, era riuscito a far credere di essersi ricreduto fino ad ottenere permessi speciali per spostarsi: l’ultimo per Londra, dove ha ucciso due giovani
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Londra e l’Aja, sangue sul Black Friday
Due uomini, a diverse centinaia di km di distanza, attaccano a colpi di coltello passanti ignari. L’attentatore di Londra ucciso dalla polizia, quello de l’Aja è ancora in fuga
Un anno senza Silvia
Un anno senza Silvia
È ancora mistero sulla sorte della cooperante milanese sequestrata un anno fa in Kenya: secondo l’intelligence italiana sarebbe trattenuta in Somalia, dopo essere passata nelle mani di numerose bande armate
Come l’Isis sta rinascendo
Come l’Isis sta rinascendo
Secondo il capo dell’intelligence militare irachena, i nuovi leader dell’Isis stanno tramando di liberare migliaia di prigionieri per far rinascere il califfato del terrore
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Un attentatore della Maratona di Boston coinvolto in un triplice omicidio
Nuovi dettagli emergono sulla presunta partecipazione di Tamerlan Carnaev ad un caso tutt’ora irrisolto, avvenuto pochi mesi prima della strage alla maratona
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
La foreign fighter americana che gli USA rifiutano
Per un tribunale Hoda Muthana non sarebbe americana, ma soltanto nata in America da un funzionario yemenita alle Nazioni Unite. Un cavillo legale che per adesso le impedisce di tornare insieme al bimbo di due anni
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Colf e lavoratrici domestiche, le nuove leve dell’Isis
Il fenomeno sta diventando particolarmente preoccupante a Singapore e Hong Kong: numerosi casi di donne sole convinte a immolarsi in attacchi suicidi. L’obiettivo del Califfato è di spostarsi verso Oriente, alla ricerca di nuovi territori
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Catturata la sorella di al-Baghdadi
Rasmiya Awad, sorella del califfo dell’Isis, individuata insieme alla sua famiglia in un insediamento nel nord della Siria: per i turchi si tratta di “una miniera d’oro di informazioni di intelligence”
La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”
La Turchia all’Europa: “Riprendetevi i foreign fighters”
Ankara non ci sta all’indifferenza dell’UE verso i propri cittadini diventati jihadisti: non basta togliere la cittadinanza per liberarsene, tuona il ministro d egli esteri